La decisioni della Assemblea della LBA sui progetti per l’adeguamento degli impianti

Nota della Legabasket.

di La Redazione

L’ Assemblea della LBA si è riunita oggi a Firenze sotto la presidenza di Egidio Bianchi (nella foto) . Tanti i temi all’ordine del giorno, primo tra tutti il progetto relativo all’adeguamento degli impianti della Serie A, sul quale è intervenuto il Presidente dell’Istituto per il Credito Sportivo Andrea Abodi che, dopo aver sottolineato l’importanza e il carattere innovativo del progetto avviato dalla LBA, caratterizzato da una visione organica e strutturale per la crescita delle infrastrutture, ha illustrato ai club la visione dell’ICS che vuole porsi non solo come semplice banca ma anche come piattaforma di servizi che possa offrire consulenza di progetto. Il Presidente Abodi ha inoltre illustrato le varie ipotesi di intervento dell’Istituto che, grazie al coordinamento della Lega Basket, potranno portare alla costruzione di nuovi impianti o alla progressiva riqualificazione dei palasport di Serie A. Per tutti i club la necessità di adeguamento e miglioramento dei loro impianti costituisce certamente una priorità nell’agenda del basket di vertice, all’interno di un progetto a medio e lungo termine. La LBA, con il supporto di ICS, dovrà definire ora gli standard minimi per gli impianti della Serie A, che permetteranno di superare e aggiornare i contenuti della delibera del Consiglio Federale in merito al previsto aumento di capienza dei palasport di Serie A. Tutto questo nell’ottica di migliorare le facilities e permettere agli spettatori di fruire sempre meglio del prodotto basket con l’obiettivo di accrescere il confort, la fan experience, la sicurezza, la tecnologia e la sostenibilità degli impianti.
L’Assemblea ha poi discusso i contenuti del progetto di autoregolamentazione di Lega già approvato all’unanimità lo scorso 6 dicembre, che porti in tempi brevissimi alla stesura di nuovi ed appositi Regolamenti di Lega in grado, armonizzandosi con i Regolamenti della Fip e le sue normative di controllo economico, di agire – con adeguati strumenti sanzionatori – in termini preventivi anche in vista della ammissione delle squadre aventi diritto al prossimo campionato ed evitare la nascita di controversie che possano inficiare la uguaglianza competitiva ledendo l’immagine della LBA e dei suoi club nei confronti degli appassionati e degli investitori.

Legabasket.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy