La Virtus Bologna svela i prezzi per il derby ed annuncia modifiche alla “Segafredo Arena”

Per il derby con la Fortitudo biglietti fino a 500€, mentre Baraldi ha annunciato cambiamenti nel nuovo impianto già dalla sfida con Cantù.

di Francesco Strazzari

La Virtus Bologna osserverà il turno di riposo nella prossima giornata di campionato, potendo così rifiatare e ricaricare le pile dopo la sconfitta di Andorra. La squadra continuerà a lavorare in palestra agli ordini di Coach Djordjevic, che ha responsabilizzato i suoi durante l’ultima sfida, lasciando in panchina Teodosic per tutto il secondo tempo per scelta tecnica.  La Segafredo tornerà in campo la sera dell’1 dicembre, ospitando Cantù in una versione leggermente modificata della Segafredo Arena. Sì, perché negli ultimi giorni a Bologna si è parlato soprattutto di questo e dell’ormai imminente derby (poco più di un mese, il giorno di Natale).

‘SEGAFREDO ARENA’: modifiche all’impianto 

In settimana l’AD Luca Baraldi ha parlato ai tifosi ed alla stampa, annunciando delle modifiche alla nuova arena e svelando i prezzi per la partita che blocca una città intera. Per quanto concerne il nuovo impianto, di seguito un estratto delle dichiarazioni di Baraldi:  “…devo ringraziare i nostri tifosi, che si sono posti in maniera costruttiva: ne ho contattati personalmente alcuni e con alcuni sono anche andato sul posto. Uno ha scritto qualche giorno fa, lui è abbonato e ha chiesto in maniera educata il rimborso delle 4 partite in Fiera. Io gli ho risposto che lo avremmo rimborsato, invitandolo però gratuitamente a vedere la partita con Cantù nel suo posto. I tifosi sono il nostro patrimonio più grande. Non si vince solo con Teodosic, si vince con tutti. Ringrazio anche ForeverBoys e Vecchio Stile che ci stanno dando una grande mano: sanno anche che le multe che noi prendiamo, dal prossimo anno, saranno caricate sui loro abbonamenti. Dobbiamo avere stile anche qui: se vogliamo andare in Eurolega lo dobbiamo fare anche tramite la nostra educazione.  La nostra tifoseria in maniera educata e costruttiva mantiene rapporti con la società da sempre.”

Modifiche a livello strutturale? “Per le prossime 4 partite sfalseremo le file, così che uno non avrà una persona davanti. L’altro problema di visibilità era nato nel parterre: il parterre è stato spostato, arretrato di qualche metro. Tutto questo lavoro ha portato ad una riduzione di 200 posti. La nuova capienza quindi sarà di 8795 posti. Spostiamo la tifoseria ospite nello stage in alto e in questo modo si sono liberati 400 posti. Tenete conto che queste modifiche hanno dei costi spaventosi, ma noi non siamo andati in Fiera per guadagnare all’inizio. Per il parcheggio il biglietto di ingresso verrà pagato all’inizio.”

BASKETCITY FIERA: i prezzi dei biglietti 

Entrando invece nel tema derby e biglietteria, la Virtus ha pensato di offrire ai suoi tifosi la possibilità di sottoscrivere un mini-abbonamento, valido per le sfide a cavallo del mese di dicembre: Cantù, Brindisi, Fortitudo e Milano. Il prezzo dei tagliandi va a tutelare chi si era già abbonato in estate, generando qualche naso storto per il raddoppio dei prezzi nel caso dei match “clou”.

A questo proposito, sempre Baraldi ha spiegato le scelte della società: “Per quanto riguarda la politica dei prezzi, noi abbiamo lasciato fermi i prezzi degli abbonamenti ad inizio anno. Lanciando questo mini abbonamento, abbiamo l’esigenza di avere il popolo virtussino a bordo campo, soprattutto per il derby. Ogni abbonato può acquistare o far acquistare in prelazione due mini abbonamenti a prezzi popolari. Vogliamo che tutti possano venire a vedere la Virtus in queste 4 partite. Con Brindisi e Cantù il prezzo sarà lo stesso del Paladozza, per il derby e per Milano sarà quasi più che raddoppiato. Mi sembra il messaggio migliore a chi ci ha dato fiducia abbonandosi. Non vi nascondo che, in questo momento, abbiamo già richieste di abbonamenti per il prossimo anno. È nelle mani del popolo virtussino il fatto di riempire il palazzo di bianconero. Le richieste sono infinite e arrivano da tutte le parti d’Italia.”

L’entusiasmo, nonostante l’ultimo ko (solo il secondo stagionale), è altissimo in casa bianconera ed il richiamo del derby e della sfida storica con l’Olimpia fanno presagire un autentico record di pubblico e di incassi. I prezzi dei biglietti variano dai 70€ ai 500€ per queste due sfide, ma l’impressione è che neanche questi numeri fermeranno la voglia e la passione di un finalmente ritrovato derby di BasketCity nella massima categoria.

(Foto Virtus Segafredo Bologna)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy