La Virtus chiude al meglio la preseason: Fenerbahce ko nel Trofeo Porelli

La Virtus chiude al meglio la preseason: Fenerbahce ko nel Trofeo Porelli

Nel prestigioso appuntamento del Paladozza la squadra di Djordjevic supera i turchi, privi tra gli altri di De Colo e Vesely.

di Francesco Strazzari

VIRTUS BOLOGNA – FENERBAHCE ISTANBUL 94-68 (31-7; 21-24; 20-24; 22-13)

Appuntamento di lusso al Paladozza per la Virtus di Djordjevic, che nella decima edizione del “Memorial Porelli”, ospita il Fenerbahce di Coach Obradovic.

Clima di festa in casa bianconera, con Baldi Rossi e compagni che vogliono sfruttare questo test per valutare i progressi in vista dell’esordio stagionale contro Roma della prossima settimana. Avvio di gara tutto di marca Segafredo, con Cournooh che poco dopo la metà della prima frazione appoggia al tabellone il canestro del 20-4. Turchi decisamente fuori partita, nonostante un primo timeout chiamato da Obradovic per scuotere gli animi. La prima frazione si chiude con Gaines miglior marcatore a quota 9 e la Virtus nettamente avanti 31-7.

Markovic illumina la serata con un paio di assist al bacio, di cui uno che permette al solito Gaines di firmare il +29 (44-15) a metà secondo quarto. Dall’altra parte il Fenerbahce, privo di Vesely, De Colo e Guduric, prova a trovare punti da Sloukas: un canestro del greco convince Djordjevic a fermare il gioco per la prima volta nel match. Il break di 11-2 degli ospiti riporta Datome e compagni sul -20 (46-26), ma lo show di Gaines continua, con l’ex canturino che sale a quota 14, per distanza miglior marcatore di serata. Le squadre vanno all’intervallo sul 52-31.

Si abbassa il ritmo nella ripresa, con le squadre che sentono le fatiche della preparazione e iniziano già a pensare ai primi impegni ufficiali. La tripla di Sloukas fa tornare i turchi sotto i 20 punti di svantaggio dopo lungo tempo, ma la Virtus chiude comunque in controllo anche la terza frazione (72-55), grazie ad un ottimo Weems: sono 15 i punti per l’ex Tofas Bursa.

L’ultimo quarto serve solamente come passerella finale e per fare festa sugli spalti del Paladozza, mentre in campo i protagonisti sono sempre gli stessi: Markovic, Weems e Hunter sembrano decisamente i più “in palla”, ma anche Gamble si fa largo sotto le plance, sfruttando le assenze del Fener nel pitturato. Solamente Muhammed, Duverioglu e Mahmutoglu in doppia cifra tra gli uomini di Obradovic, che nonostante non ci fossero in palio i due punti non ha preso benissimo l’atteggiamento troppo arrendevole dei suoi sul parquet. C’è spazio anche per i giovani Deri e Peterson nel finale, lanciati in campo da Djordjevic con la Virtus avanti 90-65.

La sfida si chiude sul 94-68, con la Segafredo che si aggiudica così il torneo dedicato alla memoria dell’ “Avvocato” Porelli, figura iconica della storia bianconera.

MVP: Stefan Markovic

Tabellino Virtus: Gaines 16, Deri, Pajola 6, Baldi Rossi 7, Markovic 5, Ricci 3, Peterson, Cournooh 8, Hunter 18, Weems 15, Nikolic 2, Gamble 14

Tabellino Fenerbahce: Tirpanci, Westermann, Mahmutoglu 11, Kalinic 3, Biberovic 7, Sloukas 9, Williams 6, Candan 4, Muhammed 11, Duverioglu 10, Datome 1, Stimac 6

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy