Milano-Trento, la sala stampa: le parole di Messina e Brienza

Milano-Trento, la sala stampa: le parole di Messina e Brienza

I due coach hanno analizzato, nella conferenza post gara, la partita tra lombardi e trentini, vinta ieri dai padroni di casa per 81-69

di Stefano Bartolotta

Ettore Messina (coach Milano): “Intanto, vorrei sottolineare il clima creato dai nostri ragazzi dell’Armani Junior Program. Non avevo mai avuto la possibilità di toccare con mano il loro entusiasmo e devo dire che è stato davvero bello. Siamo partiti in modo un po’ sonnolento, che era prevedibile alla quinta partita in nove giorni, poi il secondo quintetto ci ha dato tanta energia, a cominciare da Aaron White e abbiamo fatto una buona partita. Loro sono validi, usano con grande intelligenza Alessandro Gentile cercando di sfruttarlo in post basso, e non c’era niente di scontato. Direi che in campionato c’è stata una presa di coscienza di quello che significa questo torneo, e adesso abbiamo trovato continuità e anche quadratura in difesa. Arriviamo al Natale in linea con le aspettative, siamo in zona playoff in EuroLeague e nonostante le sconfitte iniziali siamo saliti in graduatoria anche in Italia. In questo momento per noi è importante avere sia Gudaitis che Tarczewski, inoltre White mi ha permesso di tenere fuori Luis Scola cui non potevo chiedere la quinta partita consecutiva. Di qui la scelta di tenere fuori Mack: sta a lui continuare a lavorare e farsi trovare pronto. Il ruolo resta fondamentale: oggi abbiamo potuto limitareil minutaggio di Rodriguez, altre volte non è possibile. Comprendiamo la preoccupazione del Presidente Petrucci, stiamo cercando di lavorare e ci dispiace che sei club, importanti loro come tutti gli altri, abbiano preferito l’assenteismo. La strada giusta è un’altra, discutere e al limite litigare. Se continueranno a non venire, andremo avanti senza, ma credo non sia stato un bel segnale quello che tutti noi abbiamo dato. Mi piace che ci sia una grande unità tra squadra, società e pubblico. Anche nei momenti difficili, ci ha sostenuto e permesso di giocare in un clima di sostegno, mai scettico. Questo per noi è molto importante: mi auguro che sarà così tutto l’anno, anche nei momenti complicati che si ripresenteranno, perché è un clima costruttivo che aiuta molto”.

Nicola Brienza (coach Trento): “Milano è partita bene, trovando subito grandi percentuali al tiro anche da fuori: i 28 punti che abbiamo concesso nel primo quarto sono stati un problema per noi, anche perché poi per alcuni frangenti della gara non abbiamo avuto ottime scelte in attacco. Al di là di questo però ci portiamo comunque a casa la voglia da parte di tutti di non fare un passo indietro e di continuare a lottare possesso dopo possesso. Sono sicuro che saremo pronti a fare una grande partita giovedì sera contro Trieste sul nostro campo”

Fonti: uff. stampa Olimpia milano e Aquila Basket Trento

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy