Montegranaro – Cantù, le pagelle: bene Campani e Mazzola, ma è una pioggia di triple biancoblu

0

SUTOR MONTEGRANARO CINCIARINI: ci aspettava una prestazione più solida da parte del capitano della Sutor, più in linea con le ultime apparizioni ma così non è stato, frutto anche di una povera percentuale al tiro, 6 SAKIC: un leone mai domo, l’unico a cercare fino alla fine i punti per tenere a galla la sua squadra; il suo orgoglio riesce a fargli ottenere un complessivo 35 di valutazione, il migliore della partita in questo senso, grazie a 15 punti, 11 rimbalzi e ben 8 assist, 7.5 TESSITORE: sei minuti e nessun contributo, se la Sutor vuole ottenere la salvezza anche le seconde fila devono dare un giusto contributo alla causa, cosa che non si è assolutamente vista questa sera, 5 ROSSI: sv LAUWERS: la sua esperienza sarebbe potuta servire, peccato che in 25 minuti sul legno non cerca mai di avvicinarsi a canestro tentando solo due volte dalla lunga distanza senza ottenere buoni risultati, 4 KUDLACEK: contro la sua ex-squadra cerca di dimostrare che dalle parti di Cantù si erano sbagliati a lasciarlo partire, mettendoci sempre la faccia tosta e realizzando 4 punti, ma gli avversari che gli si parano di fronte sono più di una spanna sopra per poter pensare che gli lasciassero vita facile, 5.5 CAMPANI: è la sorpresa della serata e dell’intera stagione della Sutor, collezionando 13 punti e 6 rimbalzi, non lasciandosi impensierire da un colosso come Cusin ma portandoselo più di una volta a spasso per il pitturato, 7 MAZZOLA: altra nota lieta della serata marchigiana, con 19 punti frutto di un’ottima percentuale da dentro l’area e 7 rimbalzi tutti difensivi, 7 MITROVIC: concreta prestazione della giovane ala bosniaca, che conclude con 7 punti e una buona prova al tiro, 6 PIUNTI: due realizzazioni e un rimbalzo in poco più di cinque minuti, forse avrebbe meritato più spazio di Lauwers, 6.5   ACQUA VITASNELLA CANTU’ ABASS: concretissimo al tiro, con il 75% da due e il 66% da tre, il tutto che sommato vuol dire 12 punti in 18 minuti di gioco; che si stia preparando ad esplodere nel pieno della stagione? , 7 JONES: i cinque minuti giocati oggi sono gli ultimi della turbolenta stagione canturina di Marcell, conclusa probabilmente già in precedenza sul campo di Ulm quando un suo errore costò l’uscita dalla competizione per la squadra di Sacripanti; nonostante questo ci ha sempre messo impegno, non lamentandosi dello scarso minutaggio e portando comunque il suo contributo alla causa in qualche occasione, sv RULLO: chiamato anche oggi a ricoprire il ruolo di vice Ragland vista l’assenza di Gentile, non riesce ad imporsi come nell’ultimo turno di campionato ma apporta comunque la sua firma sul referto di gioco, 6 LEUNEN: dieci punti tutti chirurgici con il minimo tasso d’errore, per l’ala dell’Oregon, accompagnati da ben 8 rimbalzi e un assist; ormai i commenti sul suo ruolo all’interno delle gerarchie di squadra è stato ripetuto e stra-ripetuto, pertanto basta il voto a sottolineare la sua prova quest’oggi, 7 JENKINS: altra prestazione in crescendo dopo la buona partita contro Venezia, totalizza 14 punti e 3 assistenze e si rivela come un’arma in più in questo caldo finale di stagione per Sacripanti e il suo staff, 7 BUVA: dieci minuti in cui viene spesso chiamato a cambiare ruolo e a scambiarsi con Leunen, il tutto non lo aiuta a focalizzare l’attenzione sugli schemi e le giocate di squadra ma si fa valere sotto i tabelloni con 4 rimbalzi, 6 CESANA: sv MARCONATO: viene impiegato per tappare i buchi lasciati da Uter e dai compagni di reparto, risponde alla chiamata del suo allenatore con 8 minuti di qualità in cui riesce anche a realizzare dal campo, 6 RAGLAND: top scorer dell’incontro con ben 26 punti ottenuti con un magistrale 5/6 dall’arco  e 5/7 da dentro lo stesso, cui aggiunge 5 rimbalzi e altrettanti passaggi decisivi per i compagni; è il tutto fare di questa squadra, il regista e l’uomo a cui affidarsi nei momenti della disperazione, rappresenta forse in questo momento il miglior giocatore del campionato italiano per completezza dei mezzi rispetto al ruolo ricoperto, 8 ARADORI: la sua sfortuna è quella di giocare nella stessa squadra di Ragland, perché se così non fosse stato la scena sarebbe stata tutta sua questa sera; 22 punti in 29 minuti con 3 rimabzli e 4 assist, i tifosi di Cantù per ora gongolano e aspettano trepidanti gli inizi dei playoff, 7.5 CUSIN: buon minutaggio per il Cuso nazionale, che però si imbriglia in una scarsa vena realizzativa dalla media distanza cui rimedia con 6 rimbalzi, 6 GENTILE: sv