Olimpia Milano, presentati Troy Daniels e Jerian Grant

0

“Le caratteristiche di tiratore di Troy Daniels sono quelle che cercavamo in quel ruolo. E’ vero che arriva in Europa solo adesso, ma alle spalle ha una carriera di tutto rispetto nella NBA. Avrà bisogno di adattarsi, ma sono convinto che come per Jerian Grant anche questa scelta si rivelerà corretta”, dice il general manager Christos Stavropoulos. Daniels ha giocato nella NBA per sette stagioni, l’ultima esperienza è stata a Denver e prima ancora era ai Lakers nella stagione che poi li ha portatial titolo NBA. “Sono contento di essere qui, so che dovrò adattarmi, ma il basket è basket e ho l’esperienza per adeguarmi in fretta, anche se è la prima volta che gioco lontano dagli Stati Uniti”, dice Daniels.

Sulla prima volta in Europa – “Ho parlato con Malcolm Delaney prima di venire qui e anche con un paio di giocatori NBA che sono venuti in Europa. Mi hanno spiegato che la differenza maggiore è la fisicità del gioco, che qui è superiore. Si tratta di adattarsi soprattutto mentalmente. Non sono preoccupato, il basket è basket dappertutto. La differenza è nella fisicità, ma la chiave è come approcci mentalmente il cambiamento”.

Sulla sostituzione di Kevin Punter – “Non avverto alcuna pressione extra, sono un professionista da otto/nove anni e so cosa devo fare. Quello che mi interessa è aiutare la squadra a vincere il maggior numero possibile di partite, raggiungere i suoi obiettivi”.

L’influenza di Coach Messina – “E’ decisamente un allenatore per cui vuoi giocare. Ha grande esperienza di NBA, capisce il gioco e i giocatori. Anche per me la sua presenza è stata determinante. Come giocatore vuoi essere allenato dai migliori”.

Il suo gioco – “Tutti sanno che sono un tiratore, ma credo di poter portare di più a questa squadra, oltre al tiro. Quello che vorrei fare è essere un uomo-spogliatoio, uno che aiuta la squadra in ogni aspetto, soprattutto a vincere”.


La stagione di inattività –
 “Un anno è lungo, ho provato a restare in forma nel caso fosse venuta fuori qualche altra opportunità, ma non è la stessa cosa. Non faccio un cinque contro cinque competitivo da molto tempo. Ma mi aspetto che la ruggine vada via in un paio di settimane. Non è nulla di ingestibile. Già adesso in allenamento ho fatto qualcosa di significativo. Non prevedo problemi”.

In EuroLeague da undrafted – “Giocare contro nove giocatori scelti quando io non lo sono stato può darmi una motivazione extra, è sempre così, quando sei un undrafted. Ma a questo punto è un fatto secondario. Quello che mi motiva davvero è aiutare la squadra ad andare lontano”.

Si è passati poi a Grant

“Jerian Grant ha fisico forte, può giocare due ruoli e ha già fatto bene nel campionato greco”. Così Christos Stavropoulos introduce il playmaker reduce dalla semifinale della Lega ellenica al Promitheas, ma dopo cinque anni di NBA (New York, Chicago, Orlando e da ultimo Washington) e l’etichetta di prima scelta del draft, da Notre Dame, portandosi dietro un cognome e un pedigree che nella pallacanestro mondiale significano tantissimo. “Sono felice di essere qui. Ora abbiamo la possibilità di costruire qualcosa sulle fondamenta dei successi ottenuti la stagione passata”, dice Grant.

L’influenza di Coach Messina sulla sua scelta – “È stato decisivo. Per ogni giocatore americano che viene dalla NBA avere una guida in un allenatore che è stato nella NBA e conosce bene le differenze, cosa serva, è fondamentale. La sua presenza è stata determinante”.

Lo stile di gioco – “Quello che mi piace di Coach Messina è che permette ai suoi giocatori di esprimersi in base alle proprie caratteristiche migliori, sulle loro qualità. Io sono un giocatore di pick and roll e dalle prime conversazioni mi ha detto che mi metterà nelle condizioni che prediligo. Il mio ruolo sarà quello che lui mi disegnerà addosso”.


L’influenza della famiglia di cestisti professionisti (il padre Harvey e lo zio Horace, ma anche i fratelli) –
“Ovviamente è stato enorme. Sono nato e cresciuto attorno al gioco, attorno alle squadre. Quando i tuoi idoli sono tuoi parenti finisco per emularli o provare a farlo. La. cosa più importante è che mi hanno trasmesso la stessa etica lavorativa che avevano loro”

Il successo olimpico del fratello – “Una grande soddisfazione. Quando giochi a quel livello, ogni squadra mette in campo i migliori giocatori, uscirne vincenti è bellissimo. Sono contento per lui, è un risultato che ci entusiasma tutti”.

Ufficio Stampa Olimpia Milano