Pesaro – Trieste, Sacco: “Dobbiamo rimanere uniti e continuare a lavorare”

Pesaro – Trieste, Sacco: “Dobbiamo rimanere uniti e continuare a lavorare”

Queste le parole del coach della Carpegna Prosciutto che presenta così l’ultimo match del girone d’andata contro l’Allianz Trieste

di Alessandro Kokich

Il Coach della Carpegna Prosciutto Basket Pesaro Giancarlo Sacco presso la sala stampa della Vitrifrigo Arena ha presentato il match della 17^ giornata che vedrà i biancorossi ospitare l’Allianz Pallacanestro Trieste con palla a due in programma domenica 5 gennaio alle 18:30.
“Prima di tutto voglio rivolgere un pensiero affettuoso a Marco Piccoli che poche ore fa ha perso il fratello; siamo molto amici da tanti anni e questa notizia ci ha lasciato senza parole. La settimana di lavoro purtroppo ha visto ancora l’assenza di Chapman per l’ormai noto infortunio alla caviglia. Ieri Mussini è tornato ad allenarsi dopo i problemi dei primi giorni, mentre ieri Williams in uno scontro di gioco con Thomas ha riportato una botta al ginocchio e oggi non si allena a scopo precauzionale”.

“Eboua, Totè, Zanotti e Thomas domenica contro Trieste saranno chiamati a fare gli straordinari e dovremo sopperire nel miglior modo possibile e con grande concentrazione al gap fisico che noteremo anche con Trieste, come nel caso di Mitchell e Cooke che sono atleti che corrono molto e che aiutano in difesa. Sono molto aggressivi anche in pick and roll e dovremo essere bravi a non subire l’atletismo di Trieste che ci attaccherà in area data anche l’assenza di Chapman. Oltre ai dieci nel roster dell’Allianz Pallacanestro ci sono anche Strautins e Janelidze oltre a Washington e Hickman che però devono essere ancora tesserati. La nostra difesa però è chiamata a salire qualitativamente aumentando il livello, altrimenti andiamo in difficoltà, soprattutto per quanto riguarda i nostri esterni. In questi giorni ho richiamato all’ordine i nostri piccoli per far capire loro che segnare molto non è sinonimo di vittoria”, ha sottolineato Coach Sacco.

“Dobbiamo rimanere uniti e continuare a lavorare, a Venezia il gruppo è stato molto coinvolto ma sono anche arrabbiato perché abbiamo avuto l’opportunità di vincere ma non ci siamo riusciti anche a causa degli errori difensivi che in Serie A non sono ammissibili”, ha proseguito il Coach della Carpegna Prosciutto Basket Pesaro. “Trieste può disporre di un ottimo nucleo di giocatori che ha conquistato anche la promozione in Serie A. Nel match contro la Fortitudo ha giocato una grande partita fatta di molta intensità e in cui si è vista la reazione del gruppo. Da parte nostra avere un giocatore come Troy Williams aiuta tutto il reparto esterni, coinvolge bene i lunghi e ha portato a un aumento generale del nostro attacco. Sto cercando di far capire a Pusica che deve svolgere il ruolo di playmaker e soprattutto da lui mi aspetto che cambi marcia a livello di energia, ritmo e intensità specialmente nel gioco senza palla”.

“Mancano ancora molte partite e vorrei avere un ritmo e un’energia non solo per colmare il gap fisico, atletico e di esperienza con gli altri ma mi piacerebbe vedere più concentrazione, intensità e comprensione per giocarci le nostre carte nel girone di ritorno. Speravo in una settimana con meno infortuni, abbiamo lavorato molto ma non pensavo che ci saremmo ritrovati ancora una volta in una situazione difficile dal punto di vista degli infortuni”, ha concluso Coach Giancarlo Sacco.”

Ufficio Stampa Carpegna Prosciutto Basket Pesaro

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy