Pistoia – Venezia, la sala stampa: le parole di Esposito e De Raffaele

Esposito: “Contro certi avversari, servirebbe la partita perfetta per vincere”. De Raffaele: “Sono emozionato, vincere a Pistoia per me è speciale”

di Pietro Pisaneschi, @Doppia_P

Seconda sconfitta stagionale fra le mura amiche per la The Flexx Pistoia che perde 71-78 contro la Reyer Venezia. Terza vittoria su tre partite per De Raffaele contro il suo collega di panchina Vincenzo Esposito. Queste le parole dei due allenatori durante la conferenza stampa post partita, attinte direttamente dagli uffici stampa di entrambe le società.

ESPOSITO:  “Per vincere certi tipi di partite devi fare, semplicemente, la partita perfetta. E non è detto che basti. Sapevamo della difficoltà dell’incontro e devo dire che a parer mio siamo stati molto bravi a rimanere attaccati al match, anche quando loro, di puro talento, nel terzo quarto hanno dato un paio di spallate importanti alla gara, ma purtroppo non è stato sufficiente: nel finale infatti è venuta fuori la differenza di valori e di qualità che indubbiamente esiste fra noi e loro e la partita è andata. Ho detto comunque ai ragazzi che sono molto contento dal punto di vista dell’impegno e dell’atteggiamento per tutti i quaranta minuti e che l’errore più grande che abbiamo commesso è stato quello di non curare abbastanza i dettagli quando era indispensabile farlo: in alcuni frangenti importanti abbiamo fatto le cose di fretta e con poca collaborazione; non sono stati errori gravi, ma quando giochi contro squadre esperte e talentuose come Venezia anche il minimo errore purtroppo lo paghi. Noi entriamo in campo sempre per vincere, e credo che questo si sia visto, ma onestamente non sono sicuramente queste le partite che, sulla carta, dobbiamo vincere: continuiamo con questa mentalità e con questa intensità e sono certo che presto torneremo al successo, soprattutto quando affronteremo squadre un pelo più alla nostra portata”.

DE RAFFAELE: “E’ una sensazione strana fare una conferenza stampa davanti a persone che conosci da una vita. Sono anche un po’ emozionato perchè a Pistoia mi legano tanti ricordi. Sarei un bugiardo a dire di non esser contento per aver disputato un’ottima partita e aver vinto su un campo come questo. Abbiamo fatto una partita diversa nel terzo e quarto quarto rispetto a quella dei primi due quarti. Nei primi due abbiamo concesso molto a Pistoia che è stata brava ad approfittarne. Siamo poi riusciti ad aggiustare qualcosa in difesa nel terzo quarto riuscendo poi a trovare soluzioni da tre punti con un po’ più di qualità rispetto alle forzature di primo e secondo quarto. Il tiro da tre è la nostra arma principale ma nei primi venti minuti non li avevamo costruiti bene. Stringendoci in difesa, abbiamo concesso a Pistoia 30 punti nei secondi venti minuti e questo credo abbia fatto la differenza riuscendo a controllare giocatori come Moore ma anche i rimbalzi e le palle perse perchè a Pistoia puoi vincere solamente se riesci a controllare il ritmo partita. Questa è per noi una vittoria molto pesante, in un buonissimo periodo essendo la nostra quinta vittoria nelle ultime sei partite”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy