Sassari-Pesaro, la sala stampa: le parole di Pozzecco e Perego

Sassari-Pesaro, la sala stampa: le parole di Pozzecco e Perego

Sassari-Pesaro, la sala stampa: le parole di Pozzecco e Perego

di Alessandro Sanna

La sala stampa. Coach Federico Perego:”Faccio i doverosi complimenti a Sassari per la Supercoppa e per la partita di oggi, in questo momento Sassari è più forte di noi e l’ha dimostrato sul campo. Noi abbiamo lottato con tutto quel che avevamo, finché siamo rimasti attaccati la fiducia non ci è mancata, poi si è creato il gap e ci siamo disuniti. Ogni giorno dobbiamo cercare di aumentare la nostra competitività contro squadre di questo calibro poi è chiaro che noi e la Dinamo faremo due campionati differenti”. Coach Gianmarco Pozzecco:”Mi preme parlare del Devecchi day condito dalla celebrazione della Supercoppa, noi sportivi dobbiamo vivere di queste cose, celebrando chi ha costruito una carriera come quella di Jack improntata sul sacrificio e sulla lealtà sportiva. Lui ormai è sardo, è l’uomo Dinamo per eccellenza, ce ne sono stati altri e ce ne saranno altri ma penso che Jack Devecchi entri di diritto nella storia di questa società e dobbiamo essere orgogliosi di averlo al nostro fianco. Io continuo ad utilizzarlo con il contagocce ma vi garantisco che ho una stima infinita di lui e penso sia una figura insostituibile della mia squadra. Jack è fondamentale per il mio ruolo e in più si allena con ferocia e professionalità, è una fortuna per Spissu e Bucarelli vivere la loro quotidianità accanto ad uno come lui. Parlando della partita facciamo i complimenti a Pesaro e a Federico Mussini, la squadra era stanca dopo l’ultima settimana con quattro partite sulle gambe, stiamo costruendo, è un campionato equilibrato e i risultati di oggi lo dimostrano, alla lunga le squadre forti usciranno ma noi proveremo ad essere la sorpresa”. Dwayne Evans:”E’ stata una bella vittoria per noi, abbiamo fatto qualche errore soprattutto nella prima parte di gara ma nel secondo tempo abbiamo creato da subito il gap e l’abbiamo portata a casa. Mi piace giocare in questa squadra, tutti ci tengono, i quaranta minuti sul campo volano. Non penso sia cambiato qualcosa dalla preseason ma semplicemente ci conosciamo meglio e le sconfitte del precampionato sono servite per crescere e, ad esempio, per portare a casa due partite importanti all’overtime come quella di Supercoppa”.

Fonte Ufficio stampa Dinamo Banco di Sardegna Sassari

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy