Sassari troppo forte per la nuova Varese di Caja

Sassari troppo forte per la nuova Varese di Caja

La squadra di Pozzecco da continuità alle belle prestazioni fornite in supercoppa

di Federico Mezzalira

Sul parquet di Masnago all’Enerxenia Arena si affrontano la Openjobmetis Varese e la Dinamo Sassari per la prima giornata del campionato di Serie A. Varese si present completamente rinnovata nel comparto stranieri, Sassari ripresenta invece 5 dei giocatori che lo scorso anno raggiunsero le finali scudetto. L’avvio di match vede le squadre fronteggiarsi in sostanziale equilibrio nel primo quarto, la ruggine dell’estate e le nuove alchimie di squadra ancora da trovare contribuiscono a mantenere un punteggio basso. Nel secondo quarto la squadra di coach Pozzecco riesce a trovare, forse grazie alle due partite di supercoppa disputate, maggiore continuità in attacco, mentre Varese prova ad affidarsi al leader offensivo designato, Josh Mayo, che tuttavia non riesce a trovare canestri dal campo. Sassari quindi scappa e chiude il primo tempo con ampio margine, +16. Il secondo tempo conferma quanto visto nel primo, Sassari squadra rodata con meccanismi già sufficientemente oliati in attacco, Varese ancora cantiere aperto dopo gli innesti estivi. La squadra di Pozzecco riesce quindi a conservare l’ampio margine costruito nel primo tempo e a tornare in Sardegna con in tasca la prima vittoria stagionale.

PRIMO QUARTO: I primi punti della stagione di Varese sono messi a segno da Matteo Tambone che trasforma in canestro un tiro di un compagno sputato dal ferro. Pierre è ispirato e dopo un canestro da sotto mette la prima tripla della partita. Tambone dall’angolo segna la tripla del sorpasso al 5′, Varese conduce 10-9, segue la pronta risposta di Vitali. Le squadre iniziano a vedere con più facilità il canestro e gli allenatori iniziano il primo giro di cambi. Il primo quarto va in archivio in parità sul 15-15.

SECONDO QUARTO: La partita riprende con i canestri di Vene e Pierre dopo il libero messo a segno da Mclean. Tambone commette un fallo antisportivo e Sassari riesce a scavare il primo mini break del match portandosi sul 17-23 dopo 2′ di gioco e coach Caja chiama timeout. In uscita dal minuto Vene trova la tripla che permette a Varese di riavvicinarsi a Sassari. Varese in attacco fatica a trovare la via del canestro, e Sassari scappa sul +11. Il tiratore designato di Varese, Josh Mayo, continua a litigare con il ferro e Varese si ritrova sotto di 14 a 1′ dalla finde del quarto. Spissu segna in tap in sulla sirena e Sassari va all’intervallo sul 24-40.

TERZO QUARTO: Bilan segna i primi punti della ripresa convertendo in canestro un rimbalzo d’attacco, per Varese risponde Peak ma Bilan replica prontamente. Majo riesce finalmente a sbloccarsi con una bomba da posizione frontale. Sassari spinge sull’acceleratore e dopo 4′ raggiunge il +20. con Caja che chiama il minuto. Varese continua a tirare malissimo da 3 al 25′ la statistica è di 4/26. La tripla di Ferrero vale il 41-57 del terzo quarto.

QUARTO QUARTO: Pierre continua la sua partita da top scorer segnando una bomba frontale, Varese con estrema fatica segna da sotto con Ferrero. Sassari continua a costruire gioco in attacco trovando i giocatori sempre meglio pizzati per prendere buoni tiri volando sul +27 a metà quarto. La gara scorre senza sussulti fino al 52-74 di fine match.

MVP BASKETINSIDE.COM: Pierre (18pt, 8rb, 6 as)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy