Solidità e carattere: al Paladozza è festa Fortitudo contro Trento

Solidità e carattere: al Paladozza è festa Fortitudo contro Trento

Ottima prova della squadra biancoblu che vince in casa contro Trento. Un’ottima gestione della partita e una straordinaria prova di carattere le armi per mettere in difficoltà la squadra trentina, incapace di riuscire a contenere una Fortitudo concentrata sotto ogni reparto.

di Mario Giuliante

Sulla scia dell’ottima vittoria ottenuta all’overtime contro Cantù fuori casa, la Fortitudo targata Antimo Martino si impone per 93 a 68 contro Trento. Una partita giocata con carattere, lucidità e gestita molto bene sotto canestro, sia in difesa che in attacco, che ha mostrato una grande crescita a livello collettivo e individuale. Una spenta Trento, che a sprazzi ha provato a riaccendere la partita, non ha potuto contrastare gli attacchi della squadra biancoblu (coadiuvata come sempre dal proprio pubblico), che ha visto nei soli Robertson, Aradori e Sims un tesoretto di 53 punti, ai quali vanno aggiunti i 13 punti di uno sontuoso Leunen. Per Trento le note positive si chiamano King e Kelly autori rispettivamente di 19 e 16 punti.

Un primo quarto di solidità per la squadra di Antimo Martino che chiude il parziale sul 30 a 13. Le triple di Robertson (11 punti) e Leunen (6 punti) insieme alle giocate sotto canestro di un ottimo Sims (6 punti per lui) sono letali all’inizio per Trento. La squadra di coach Brienza prova a darsi una svegliata con i due punti dell’ex Konx ed i quattro di King. Nei minuti finali Trento prova a farsi sotto ma la stoppata di Daniel sotto canestro chiude il primo quarto sul +17 per la Fortitudo.

La reazione nel secondo quarto dei trentini passa dalle mani di Kelly (5 punti), King (4 punti) e Mia (5 punti) che riporta sul -10 la propria squadra. Nel momento migliore della squadra di Brienza, la mentalità della squadra di Antimo Martino viene fuori, grazie ad un solidissimo Sims che realizza ben otto punti sommati ai quattro di Aradori ed ai cinque di Leunen che porta la propria squadra sul 48 a 30 a meno di due minuti dalla fine. A nulla sono valsi i quattro punti di Gentile, incostante sotto canestro e più volte beccato dal pubblico di casa per il suo passato bianconero; il +18 dei biancoblu chiude il quarto sul 50 a 32 per i padroni di casa.

Il terzo quarto si apre subito con i sette punti di Aradori che fa viaggiare la effe sul 59 a 34; la reazione trentina è nei punti di Blackmon. Al sesto minuto una bella palla rubata da Robertson a metà campo conduce il canadese in solitaria verso la schiacciata a canestro per il 61 a 38; lo stesso un paio di minuti dopo decide di mettersi in proprio tirando fuori dal cilindro la tripla del 64 a 38. La reazione trentina passa dalle mani di Gentile e Craft che a meno di quattro minuti dalla fine sigla la tripla del -24. Kelly e King provano ad accorciare ancora ma i due punti di Aradori e la tripla di Robertson ristabiliscono le gerarchie sul 72 a 51. Il finale di quarto recita 74 a 51 per la Fortitudo Bologna.

L’inizio dell’ultimo quarto vede un picciolo assalto di Trento (6 punti nei primi due tre minuti di gioco) contenuto dalle giocate a canestro di Daniel e Cinciarini. Nel pieno dell’equilibrio, si prova ad attaccare da una parte e dall’altra ma ormai la vittoria biancoblu è sempre più vicina. A meno di due minuti dalla fine la effe è avanti per 88 a 66 su Trento. Il risultato finale recita 93 a 68 per la squadra biancoblu.

MVP Basketinside: Henry Sims

Fortitudo Pompea Bologna: Fantinelli pt.3, Robertson pt.21, Aradori pt.18, Leunen pt.13, Daniel pt.9, Stipcevic pt.5, Mancinelli pt.0, Cinciarini pt.8, Sims pt.14, Buscaroli pt.2, Franco N.E.

Dolomiti Energia Trento: Kelly pt.16, Blackmon pt.4, Craft pt.5, Gentile pt.9, Pascolo pt.2, Mian pt.6, Forray pt.2, Knox pt.2, Mezzanotte pt.3, King pt.19, Lechthaler N.E.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy