Stefano Tonut e il particolare rapporto con De Raffaele: “Le chiavi della mia maturazione cestistica sono lui e la società”

Interessante intervista a tutto tondo rilasciata dalla guardia orogranata, dall’esperienza con il Covid fino alla recente “esclusione” dalla Nazionale

di Marco Muffatto
stefano tonut

Nell’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport il giornalista Paolo Bartezzaghi ha fatto quattro chiacchiere con Stefano Tonut, abbiamo estratto i temi toccati:

FINAL EIGHT COPPA ITALIA

Subito la Virtus Bologna ” Non so quante probabilità ci sono di ripetere il percorso di un anno fa contro le stesse squadre. Se saranno più forti, gli stringeremo la mano. Nelle partite secche, si sa, succede di tutto”.

EUROLEGA SI EUROLEGA NO

“E’ una cosa che non ho mai vissuto con ansia. A Venezia ho sposato un progetto dove io ho creduto nella società e la società in me. In sei anni siamo cresciuti insieme. Non tornerei indietro. Nella scelta ho seguito i consigli dei miei genitori a livello cestistico e umano.”

COVID

“La prima settimana ero parecchio debilitato: 38 di febbre dopo due tachipirine. Nelle altre due settimane di isolamento, ho sfruttato l’esperienza del lockdown di marzo e aprile, quando mi sono attrezzato con bilancieri e dischi. Così ho lavorato per non perdere troppo a livello muscolare e tendine.”

PRIMO BILIANCIO STAGIONALE

Stagione positiva finora? “Sono contento di contribuire al successo della squadra e contentissimo del ruolo che ho. Sento la fiducia dei compagni, dello staff e della società. Covid a parte, stiamo facendo un bel percorso”.

SUL RAPPORTO CON COACH DE RAFFAELE

“Bellissimo, è a un livello di profondità che non si può misurare. Ci conoscevano già prima, ora lavoriamo da sei anni effettivi, siamo insieme tutti i giorni. Ne abbiamo passate di cotte e di crude, scudetti e brutte sconfitte. Sempre dicendoci le cose. Walter non regala niente a nessuno. Per me è uno stimolo. Non dà mai nulla per scontato ed è difficile in una squadra con tanti giocatori. Le chiavi della mia maturazione cestistica sono lui e la società. E la mia crescita è simile alla sua e a quella della società”.

CAPITOLO NAZIONALE

Mi dispiace non esserci. Sfrutterò qualsiasi occasione per migliorare e guadagnarmi la chiamata. Si vede che finora non è stato sufficiente quello che ho fatto. Spero di meritarmi un posto per il preolimpico.

Tonut

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy