Trento, a tu per tu con Toto Forray

0
Toto Forray

a cura di Maurizio Di Giangiacomohttps://basket.sportrentino.it/

Conferenza stampa di fine anno per l’allenatore della Dolomiti Energia Emanuele Molin e il capitano della squadra bianconera Toto Forray. Alla vigilia di un altro weekend senza basket (per gli effetti della quarta ondata del Covid-19, la LBA ha disposto poche ore fa il rinvio dell’intera 14esima giornata), il tecnico e la “bandiera” dell’Aquila hanno fatto il punto su una stagione dai due volti per Trento: felicissimo quello mostrato in campionato, con il terzo posto alle spalle di Milano e Virtus Bologna; decisamente triste quello dell’EuroCup, con un record di 1/7 quasi imbarazzante.

“Non mi soffermo sulla nostra classifica, né quella in campionato che potrebbe gratificarci né quella in EuroCup che invece potrebbe deprimerci – ha detto Molin -. Guardo con equilibrio ai passi che ha fatto la squadra, una squadra giovane e ricca di scommesse che vive bene insieme, con il giusto atteggiamento e il giusto senso della sfida”. “Sono contento del gruppo che si è formato, è un gruppo che ha grande piacere nel lavorare e nel provare a spingere sempre più in alto i propri limiti – ha detto invece Forray – C’è ancora tanto da sistemare e da migliorare, abbiamo punti deboli da risolvere e punti di forza che possiamo ulteriormente sviluppare”.



A capitan Forray abbiamo poi posto alcune domande in esclusiva.

Con Molin avete ritrovato la difesa degli anni migliori di Buscaglia?
Secondo me no, siamo bravi a difendere ma i giocatori sono diversi e non credo che si possano mettere a confronto le due squadre. Sicuramente cerchiamo di fare in modo che la difesa sia il nostro punto forte, ma rimangono due squadre diverse.
Milano, Bologna e poi Trento: potreste rimanere dietro alle due big fino in fondo?
Sulla carta prima di noi ci sono altre squadre, in classifica per il momento no e quindi cercheremo con tutte le nostre forze di tenerci il posto. Però sappiano bene che ci sono squadre ben più forti e quindi non dobbiamo perdere colpi.
Per fare meglio in EuroCup vi servirebbe un giocatore in più?
La squadra è questa, dobbiamo essere pronti. Secondo me è solo un problemino di testa, di concentrazione, dopo delle grandi prestazioni in campionato ci rilassiamo un po’, gli avversari di EuroCup sanno che siamo una squadra da battere e fino ad ora lo stanno dimostrando, quindi dobbiamo essere più pronti mentalmente.
La formula dell’EuroCup con la regular season molto lunga e poi i playoff a partita secca ti piace?
Ci può stare perché c’è la possibilità di confrontarsi con molte più squadre rispetto agli anni scorsi. È tosta però mi piace.
Qual è il tuo bilancio di questi primi mesi?
Sono molto contento, mi sento bene fisicamente. Tutte le mie energie sono concentrate sulle partite, spero di avere sempre questa forza.