Trento-Venezia: le parole di coach Nicola Brienza alla fine del match

Trento-Venezia: le parole di coach Nicola Brienza alla fine del match

I bianconeri rimontano dal -20 ma non chiudono la rimonta: gli orogranata vincono nel finale punto a punto e volano alle Final Four di Eurosport Supercoppa

di Maddalena Vettori

Una Dolomiti Energia Trentino mai doma recupera dal -20 al cospetto dell’Umana Reyer Venezia ma cede nel finale punto a punto alla dirompente forza fisica e al talento dei padroni di casa, che strappano i due punti decisivi per vincere il girone C di Eurosport Supercoppa e volare alle Final Four di Bologna.

Nel sesto turno, dopo un brutto impatto iniziale, i bianconeri di coach Brienza hanno giocato una partita di coraggio e intensità, arrivando a un passo dall’impresa: i riferimenti offensivi dell’Aquila sono stati JaCorey Williams, che ha chiuso il match con 22 punti (9/12 dal campo) e cinque rimbalzi, e Gary Browne (17 punti, otto assist, otto falli subiti, quattro rimbalzi). Nel momento di massima difficoltà dei bianconeri però importanti segnali sono arrivati da Victor Sanders (11 punti e due triple) e capitan Toto Forray, l’unico bianconero a giocare tutti e 27 i precedenti contro la Reyer prima della partita di stasera.

Le parole di coach Nicola Brienza:
«Dopo Treviso anche qui a Venezia siamo partiti male, un aspetto su cui dobbiamo lavorare e migliorare tanto in vista delle partite che varranno due punti: non possiamo permetterci di essere così soft impattando la partita, dobbiamo essere più pronti ed aggressivi. Però sono contento della reazione della squadra, che c’è stata ed è stato molto positiva: i ragazzi hanno messo in campo tutto quello che hanno in questo momento e siamo arrivati vicini al completare la rimonta. Adesso abbiamo un paio di settimane per preparare la prima di campionato contro Treviso, con la voglia di continuare il processo di crescita inserendo al meglio Martin e attendendo il rientro di Maye».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy