Trieste non si ferma più, crolla anche Varese

Trieste non si ferma più, crolla anche Varese

Ai biancorossi anche la Scipio Cup (Memorial Bertolazzi), ciliegina sulla torta di un precampionato di spessore

di Marco Torbianelli

Parma, 15 settembre 2019 – La Pallacanestro Trieste batte 58 – 51 la OpenJobMetis Varese e conquista il primo posto alla “Scipio Cup – Memorial Matteo Bertolazzi”: i biancorossi, nell’ambito del torneo organizzato in memoria dello storico playmaker parmense, offrono una prestazione convincente soprattutto dal punto i vista difensivo, subendo poco più di cinquanta punti e mostrando una faccia “giusta” nella propria metà campo, risultando concreti specialmente nei minuti finali.

Per Varese, Clarke è in panchina in borghese a sostenere i compagni, mentre dall’altra parte Trieste rinuncia ancora a Strautins: il quintetto scelto da coach Dalmasson è formato da Elmore, Cavaliero, Jones, Peric e Mitchell; dall’altra parte ci sono Tambone, Jakovics, Peak, Ferrero e Simmons. L’inizio è nel segno di Jones, che parte con due schiacciate potenti e coach Caja chiama subito time out: Elmore ci mette pressione difensiva e ottiene discreti risultati ma capitan Ferrero, con cinque punti di fila, porta Varese avanti sul 4 – 8. Le bombe di Mitchell e Justice, entrato al posto di un Cavaliero gravato di due falli, pareggiano il conto e il primo periodo scorre in sostanziale equilibrio, fra l’ottimo impatto a rimbalzo di Mitchell, le zingarate di Fernandez e le conclusioni pesanti di Natali e Vene, che pareggiano il punteggio a quota 16.

Nella seconda frazione, si accendono gli attacchi: sia Varese che Trieste colpiscono dalla lunga distanza; Dequan Jones è il protagonista per i biancorossi, con due triple ed uno “step back” di ottima fattura. Dall’altra parte, però, due conclusioni pesanti di Tambone tengono sempre Varese avanti, prima dei liberi di Cavaliero che pareggiano a quota 32, in un match comunque povero di canestri, nei primi venti minuti.

La sterilità offensiva delle due formazioni prosegue anche nel terzo periodo: complice il gran caldo all’interno del PalaCiti, le percentuali si abbassano ulteriormente. Jones piazza un paio di canestri, ma dall’altra parte Varese è brava a rimanere avanti, fra la vivace regia di Tambone e sette punti di un Simmons molto attivo nei pressi del ferro. Il team di Dalmasson fa fatica a segnare, specialmente da fuori, poi è Da Ros a trovare quattro punti provvidenziali, che permettono ai biancorossi di rimanere in scia, sul 42 – 45 al 30’.

Tambone inaugura l’ultimo quarto con un tiro dalla lunga distanza (42 – 48), ma Matteo Da Ros estrae dal cilindro un paio di canestri dei suoi. Nonostante le percentuali siano ancora molto basse, l’agonismo e l’intensità non mancano: i lombardi riescono ad andare avanti sul 48 – 51, ma due bombe di Cavaliero ribaltano il risultato. Negli ultimi 4’50’’, Trieste è bravissima a mettere un tappo sul proprio canestro, impedendo a Varese di andare a canestro: Mitchell e Peric conquistano rimbalzi importanti e Jones cesella con due tiri liberi che fissano il 58 – 51 con cui i ragazzi di Dalmasson conquistano la quarta edizione della Scipio Cup.

TRIESTE  – VARESE   58 – 51

Pallacanestro Trieste: Coronica, Cooke 1, Peric, Fernandez 4, Jones 18, Janelidze, Cavaliero 8, Da Ros 8, Mitchell 9, Elmore 4, Justice 6. All. Dalmasson
OpenJobMetis Varese: Peak 7, Tepic 3, Jakovics, De Vita, Natali 3, Vene 5, Simmons 12, Majo, Tambone 13, Gandini, Ferrero 8. All. Caja

Parziali: 16-16; 32-32; 42-45
Arbitri: Vita, Vicino, Terranova

Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Trieste

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy