Trofeo Lombardia, Pino Sacripanti: "Non siamo mai tutti assieme per ottenere il meglio"

0



Alla fine della prima partita del Trofeo Lombardia tra Cantù e Cremona, vinta dai brianzoli per 80-73, abbiamo intervista il coach canturino Stefano “Pino” Sacripanti sulle sensazioni post-gara dopo la vittoria della propria squadra.
Come si spiega il black-out del terzo quarto e la rimonta finale?
“Ci sono naturalmente più fattori: la condizione fisica, il pre-campionato, canestri sbagliati o segnati e naturalmente l’avversario. Non siamo ancora coordinati al meglio dal punto di vista difensivo e di conseguenza ne risente la fluidità in attacco. I break dipendono da questo, non rendendoci concreti in tutti i frangenti della partita. Alterniamo momenti positivi ad altri negativi, com’è normale nel pre-campionato.”
Mbodj esce per 5 falli e non gioca la carta Williams, perché?
“Mi serviva un giocatore mobile e abile sul pick&roll avversario. Loro avrebbero avuto troppo vantaggio col playmaker con la presenza di Eric in campo, perciò ho voluto contenere la penetrazione piuttosto che proteggere costantemente il ferro.”
Feldeine già leader di questa squadra?
“Sicuramente è un giocatore di grande valore e non lo scopriamo certo adesso. Però il mio rammarico è non avere mai la squadra al completo. Mi piacerebbe allenare tutti per ottenere dei risultati soddisfacenti ed avere i miei giocatori al meglio. Così, anche se facciamo degli errori, le mie valutazioni avverranno in maniera più serena e senza alibi dovuti agli infortuni.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here