Trofeo Sant'Ambrogio – la Viola cede con l'Orlandina: decisivi i punti di Flynn, l'esperienza di Basile e Pecile

0

Bellissimo il match nella finale del 42esimo trofeo Sant’Ambrogio, che vedeva sfidarsi l’Upea Capo d’Orlando e la Viola Reggio Calabria.
Coach Griccioli schiera il quintetto formato da Flynn, Freeman, Archie, Burgess e Hunt, mentre Benedetto manda in campo dal primo minuto ancora il giovane De Meo in cabina di regia, con Deloach, Rush, Rezzano e Ammannato.
Parte subito forte l’Orlandina, con l’asse Flynn-Hunt, che firma il primo parziale di 6-0.
Moe Deloach è in giornata, e con le triple di Rezzano porta la squadra di casa sul +2 a 5 minuti dall’inizio.
Il più incisivo in casa Viola  è sicuramente il capitano Ammannato, che lotta sotto canestro, nonostante lo strapotere fisico del centro dell’Upea, Dario Hunt, portando i suoi sul + 5.
E’ sicuramente Jonny Flynn il “go to guy”, che chiude il primo periodo con una tripla sulla sirena, firmando i punti del sorpasso sul 19-18.
Nel secondo quarto la Viola allunga, prima con Lupusor, poi con Rush, che in penetrazione segna e subisce il fallo che porta la squadra di casa sul punteggio di 23-30.
E’ il solito Flynn a spingere sull’acceleratore a fine primo tempo, facendo delle giocate di alto livello, sia individuali che di squadra. Suoi, infatti, gli assist che portano Archie e Hunt a canestro per il 48-42 di metà tempo.
La ripresa continua sulla stessa scia del play ex Minnesota, ma anche con un Basile pericoloso dall’arco.
Deloach e Ammannato riportano il match in equilibrio sul -1, ma l’esperienza di Pecile, che guadagna un gioco da 4 punti, tiene ancora lontano i nero-arancio. Il terzo periodo si chiude con un’altra tripla di Basile, sul 68-59.
Nell’ultima frazione di gioco sale in cattedra Erik Rush, con punti e rimbalzi, che riportano la Viola ancora in partita. Deloach completa l’opera di rimonta firmando il -3 a 2 minuti dalla fine, e Casini, oggi freddissimo dall’arco, mette la sua unica tripla che vale il -2  con 50 secondi sul cronometro.
Burgess,però, allontana ancora la squadra di Benedetto, mettendo a segno entrambi i liberi.
Va lunga l’ultima preghiera di Casini. Niente da fare per una Viola, che non riesce a vincere questo trofeo da ben 12 lunghi anni.
Upea Capo d’Orlando – Viola Reggio Calabria 81-76 (19-18)(48-42)(68-59)
Upea Capo d’Orlando: Archie 1, Freeman 5, Hunt 14, Basile 6, Flynn 23, Marisi ne, Nicevic 6, Pecile 11, Karavdic ne, Burgess 6, Bianconi 9. All. Griccioli.
Viola Reggio Calabria: Deloach 16, Rush 13, Ammannato 13, Spera 4, Casini 5, Lupusor 6, De Meo 3 , Rezzano 16. All. Benedetto.

Fotogallery a cura di Fabiana Amodeo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here