Umana Reyer Venezia, De Raffaele tocca quota 300

0

In occasione del successo su Brescia al Taliercio, coach Walter De Raffaele ha raggiunto quota 300 panchine da head coach dell’Umana Reyer. Considerando anche le gare da assistant coach, Walter è a quota 482 panchine totali in orogranata, in dieci stagioni.
De Raffaele è al secondo posto nella speciale classifica di sempre della storia Reyer: Tonino Zorzi con 357 panchine è in testa, seguono Walter De Raffaele con 300 e Giulio Geroli sul terzo gradino del podio con 224.

Con 178 vittorie su 300 partite De Raffaele sfiora il 60% di successi da head coach dell’Umana Reyer in questa epoca reyerina con due scudetti, quattro semifinali, una FIBA Europe Cup, una Final Four di Champions League (della cui competizione Walter è al quinto posto in assoluto per successi totali con 32) e una Coppa Italia, la prima del Club.
De Raffaele è l’allenatore più vincente della storia della Reyer Venezia.
Per il coach livornese questa è la sesta stagione con l’Umana Reyer (la decima complessiva) e nella speciale classifica dei capi allenatori è terzo dietro a Tonino Zorzi, 12 stagioni, e Giulio Geroli, 10.

Da head coach Walter De Raffaele ha allenato complessivamente 257 partite in Serie A con 149 vittorie (57.98%) di cui 207 in regular season e 50 nei playoff (dove ha il record del 60% di successi). De Raffaele vanta inoltre 9 presenze da head coach in Coppa Italia, 11 in Supercoppa e 88 nelle Coppe Europee (57.95% di successi).
Oltre all’Umana Reyer, Walter ha allenato nella massima divisione la sua Basket Livorno e la Viola Reggio Calabria.

“E’ un motivo di grande soddisfazione raggiungere questo traguardo che di questi tempi è una cosa rara – il commento di Walter – Grazie al Club e alla Proprietà per la fiducia e per quanto abbiamo costruito e stiamo costruendo. Grazie ai giocatori e allo staff perché la continuità è data anche dal lavoro insieme a loro. E’ certamente un traguardo importante che mi gratifica e mi spinge a lavorare ancora di più e ad essere sempre me stesso. Grazie, avanti tutta e duri i banchi”.

Ufficio Stampa Umana Reyer Venezia