Umana Reyer Venezia: presentati alla stampa Vasilis Charalampopoulos e Martinas Echodas

0

In casa Umana Reyer Venezia, dopo il ritrovo e la presentazione alla stampa dei neo – arrivati Jeff Brooks, Tarik Phillip e Victor Sanders nella giornata di Mercoledì 18 Agosto, oggi, Venerdì 20 Agosto è stato il turno del greco Vasilis Charalampopoulos e del lituano Martinas Echodas.

Ad aprire la conferenza stampa è stato Francesco Rigo che ha subito dato il benvenuto a Vasilis e Martinas, per poi passare direttamente la parola ai diretti interessati.

Vasilis Charalampopoulos: “Ciao, prima di tutto sono veramente contento di essermi unito alla Reyer e di giocare per la città di Venezia. È la mia prima esperienza al di fuori della Grecia, darò tutto me stesso per aiutare la squadra e sarà un’ottima opportunità per la mia carriera.

Martinas Echodas: “Ciao, anche per me è la mia prima esperienza al di fuori della Lituania e sono molto contento di come sono stato accolto e di come mi hanno messo a mio agio tutte le persone dell’organizzazione. Sono arrivato da poco tempo e non posso ancora dare un giudizio complessivo perché ho fatto solamente i primi test e allenamenti atletici, però sono davvero molto contento di essere qui.”

Le parole in esclusiva alla domanda di Basketinside

Vasilis Charalampopoulos e Martinas Echodas hanno risposto alla domanda fatta in esclusiva da Basketinside. Ecco la relativa domanda e risposta.

Domanda a Vasilis Charalampopoulos e Martinas Echodas: “Quali sono le vostre principali caratteristiche?”

Charalampopoulos: “Sono un giocatore di sistema, di lettura e mi metterò a servizio della squadra. Credo che la mia capacità di leggere e di passare la palla possa piacere anche a Martinas ma soprattutto anche a tutti gli altri miei compagni di squadra.”

Echodas: “Finire al ferro e giocare il pick and roll sono le mie due principali caratteristiche. Ho un buon tiro dalla media e mi considero in grado di aprire il campo un po’ meno da dietro della linea dei tre punti, però sicuramente chiudere al ferro e giocare il pick and roll sono le mie due migliori qualità offensive.”