UNAHOTELS Reggio Emilia, partita la stagione 2020/21

UNAHOTELS Reggio Emilia, partita la stagione 2020/21

Presentazione alla stampa per la nuova Pallacanestro Reggiana

di Maurizio Rossi

La Pallacanestro Reggiana targata UNAHOTELS  ha dato il via alla stagione 2020/21 e lo ha fatto nella solita cornice del circolo equitazione di Reggio Emilia. La differenza rispetto alle passate stagioni è l’assenza dei tifosi che causa Covid19 non hanno permesso il solito bagno di folla. Perciò si è solo svolta solo la prima parte con l’incontro della squadra con i media locali.

La serata è iniziata con il saluto della neo presidentessa Veronica Bartoli che visibilmente emozionata, ha ripercorso gli ultimi periodi che hanno portato alla costruzione della nuova società e poi è passata al presente. “Diamo inizio a questa nuova stagione, le sue prime parole, che ha tante incertezza (pubblico si,pubblico no) ma in mezzo a queste c’è ne una ed quella del gruppo che si sta creando. A partire da quello societario a quello dello della squadra che pian piano si sta completando. Si è costruito una squadra composta in buon mix di atleti giovani ed esperti, con l’obbiettivo quest’anno della salvezza, mentre in coppa si cercherà di passare il primo turno.”

E’ poi toccato amministratore delegato Alessandro Della Salda, “ Siamo all’anno zero, abbiamo rifondato quasi del tutto lo staff tecnico, rifatto completamente la squadra. Una scelta rischiosa ma tutta la nuova società ha creduto in questo progetto.”

“Mancano ancora alcuni pezzi, ma non abbiamo fretta, un giorno in più non ci fa differenza, ma vogliamo arrivare a quei giocatori che abbiamo in mente.”

Non secondario ha affrontato anche il tema del palasport, “ad oggi non abbiamo ancora trrovato un accordo con l’Unipol Arena per le gare di campionato, mentre è sicuro la disputa delle gare di coppa al PalaBigi.”

“Cosa da non sottovalutare comunque che il PalaBigi sarà oggetto di un’ulteriore restailing che inizierà a marzo, e che se dovessimo giocare a porte chiuse ci sarebbero delle difficoltà oggettive che ci costringeranno a fare alcune modifiche non di poco conto.”

Infine è toccato a coach Antimo Martino chiudere la serata, “voglio una squadra ambiziosa come giusto che sia, toccherà a noi far innamorare i nostri tifosi, che si aspettano molto da noi. Mi auguro di poter giocare con il pubblico, anche se non al massimo della capienza perché è un bene sia per noi che per tutti gli amanti del basket.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy