Varese-Caserta, le pagelle: Banks MVP, alla Juve non basta un super Brooks

0

CIMBERIO VARESE Scekic 6 – pochi minuti in campo a causa delle penalità, ma fa il suo dovere Sakota 7 – lotta sotto le plance, subisce due sfondamenti e così da il via alla rimonta. Nel finale la sua tripla da distanza siderale chiude i giochi. Nota a margine: il buzzer allo scadere dei 24″ è nella top10 della settimana. Rush ng Banks 7,5 – MVP di serata: inizia martellando dall’arco, continua con i suoi proverbiali coast-to-coast e finisce con due lay-up nel mezzo di una selva di braccia avversarie. Per continuità e peso specifico delle realizzazioni, leader indiscusso di questa Varese De Nicolao 6,5 – ottimo l’apporto dell’ex Treviso. Il suo playmaking è scolastico ma funzionale, e la tripla centrale sullo scarico di Ere mette fine alla fuga casertana. Stoglin 6,5 – pochi minuti ma ha dimostrato che la presa è di quelle importanti. Più realizzatore che regista, va fino in fondo con facilità impressionante per la sua stazza non certo imponente. L’impressione è che può dare molto di più, ma la base è ottima Johnson 6 – Parte con il tiro dalla media, buone soluzioni e annulla Easley. Cala di rendimento con il passare dei minuti e si perde. Sufficienza dovuta al vincitore. Mei ng Ere 7 – 11 punti, 8 rimbalzi e 4 assist in 35′ in campo: è l’uomo ovunque di questa Cimberio, leader emotivo e soprattutto, facilitatore come pochi. Polonara 6 – ha visto prestazioni migliori: ha sofferto molto Brooks e le percentuali hanno inibito ogni voglia di prendere tiri. Non fa danni nonostante non la sua miglior serata. PASTA REGGIA CASERTA Mordente 5,5 -non bene, ma è sempre stato chiaro sulle sue difficoltà in cabina di regia. L’assenza di Tommasini e la contestuale peggior prova casertana di Ron Moore, non facilitano di certo il suo compito Vitali 6 – pochi tiri puliti, ma il suo lo fa, in particolare, riesce a dare una mano conducendo il pick’n roll con Michelori spesso con successo. Percentuali negative anche per lui, in calo soprattutto ai liberi. Michelori 6,5 – Meriterebbe più minuti, in 12′ in campo è il migliore dei suoi (eccetto il “solito” Brooks). Bene in fase realizzativa, battagliando con Scekic e soci senza sottrarsi. Nei momenti di difficoltà è l’uomo a cui affidarsi sotto le plance. Brooks 7 – losing effort da 17 punti e 12 rimbalzi: a tratti assolutamente immarcabile, riesce a far sembrare semplice ogni sua conclusione, eppure sono tutte a coefficiente di difficoltà altissimo. Prova a trascinare i suoi, ma quando troppi sono in serata no, il compito è arduo anche per lui. Roberts 5 – molto male. Ha l’innata capacità di riuscire a portare le cifre i linea di galleggiamento, ma il suo apporto è sotto la sufficienza. Il Roberts da trasferta piace davvero poco, così come l’intera Juve. Moore 5,5 – poco incisivo. Non riesce a sfruttare i pick’n roll, soffre oltremodo il dover difendere Banks e soci, oltre a subire il pressing di De Nicolao. Serata in negativo, la prima in bianconero. Scott 5 – non certo il Carleton che in casa è a mani basse tra i migliori 6^ uomo del campionato. Assente nelle due fasi del gioco, Banks è immune alle sue proverbiali stoppate: i pochi minuti in campo sono meritati “in negativo”. Easley 6 – finalmente sopra la sufficienza Tony, dopo pessime prove nelle scorse settimane. Bene, ma con un Moore scalpitante in borghese, riuscirà a farsi preferire all’ex UAB?