Varese-Siena, gara 1 – Le pagelle: Brown e Moss inarrestabili, Eze ferma Dunston

0

CIMBERIO VARESE

Sakota 6,5 – Va in doppia cifra e segna la tripla, seppure inutile, dell’ultimo sussulto varesino. Probabilmente Vitucci lo reinserisce in campo troppo tardi perché possa svoltare anche questa partita.

Banks 5 – Uno dei più positivi per Varese in avvio, sparisce completamente nel secondo tempo (7 punti nel primo tempo, 4 nella ripresa). Siena non gli concede il centro dell’area e il suo gioco fatto di arresti e tiri ne risente.

Rush 6 – In cinque minuti si fa notare per una splendida schiacciata al volo su lob di Mike Green.

De Nicolao 5,5 – 3 rimbalzi, 4 recuperi… ma anche un fatale errore nel quarto quarto su un tiro apertissimo che avrebbe potuto far pendere i destini della partita in direzione Varese.

Green 5 – 7 rimbalzi e 8 assist e fino a qui sarebbe tutto molto bello. Poi però c’è anche un 4/14 dal campo (3/11 da due) e 6 palle perse (ne aveva perse di più solo in regular season contro Bologna e Milano). L’impressione è che il play di Varese soffra terribilmente la diabolica difesa di Moss, l’uomo scelto da Banchi per fermare le sue scorribande.

Cerella s.v. – Comparsata di una manciata di secondi.

Ere 7 – Il capitano di Varese sembra essersi lasciato alle spalle le difficoltà della serie contro Venezia. Nel quarto quarto piazza un parziale con cinque punti in fila che restituisce due punti di vantaggio a Varese. La squadra di Vitucci poi spreca tutto negli ultimi 5’, ma Ere chiude comunque la partita con 15 punti e 8 rimbalzi.

Polonara 5,5 – Nel primo tempo non demerita nemmeno, anzi si muove bene e il suo impatto risulta positivo. Nella seconda metà di gioco, però, perde di efficacia.

Dunston 5 – Sembra strano dare un voto del genere al centro varesino, ma questa volta è pienamente meritato. Dunston soffre la difesa fisica di Siena sotto canestro e rimedia un disastroso 3/9 al tiro (in stagione regolare aveva tirato col 63% dal campo). Non è molto presente in attacco e sugli aiuti è qualche volta in ritardo.

Ivanov 5,5 – Non sembra una questione di voglia, perché quella l’ex-Montegranaro ce la mette tutta. Il problema, più che altro, sembra essere di tenuta fisica. Un bel canestro e fallo nel quarto quarto, ma la sua partita sostanzialmente si può circoscrivere a quell’episodio. Per il resto non dà una grande mano in fase offensiva, dove si piazza sotto canestro e raramente porta dei blocchi sulla palla; non bene neanche in difesa, dove l’area con lui in campo è spesso vuota. L’esperimento Dunston+Ivanov contemporaneamente in campo ha comunque portato ad un parziale per i padroni di casa.

MONTEPASCHI SIENA

Brown 9 – Il classico giocatore che vive di fiammate, ma in questa gara 1 il suo lanciafiamme ha sparato senza sosta. Fulmineo nelle penetrazioni, micidiale al tiro (anche dalla lunga distanza: 3/4) e presente a rimbalzo: Brown ha giocato una partita da primo dalla classe, nonostante la difesa biancorossa su di lui abbia fatto il possibile e qualche volta anche di più.

Eze 7,5 – Inutile star qui a raccontare versioni alternative della storia: la chiave della brutta prova di Dunston è la presenza del centro nigeriano sotto canestro. 9 punti, 9 rimbalzi e un inequivocabile +16 di plus/minus in 20 minuti.

Carraretto 6,5 – Sarebbe una prova incolore, se non fosse per quella tabellata dalla media distanza che ha portato ad un parziale senese nel quarto quarto.

Rasic s.v. – Non ha portato a casa il tanto agognato trilione per un solo motivo: ha giocato cinque minuti e non uno soltanto. Tutte le altre voci statistiche tradizionali nel suo tabellino riportano un tondo 0.

Kangur 5 – Decisamente fuori partita. Sbaglia tre canestri dall’arco (due con spazio) e non incide più di tanto. Un po’ di apprensione nel finale quando riporta un infortunio alla caviglia, anche se l’estone si era dichiarato pronto a rientrare già prima della fine della gara.

Sanikidze 6 – Non è devastante come in gara 7 contro Milano, ma il suo lo fa discretamente. Incide a rimbalzo, conquistandone 6.

Ress 5 – Altro giocatore, come Kangur, decisamente fuori dalla gara. Il suo plus/minus dice addirittura -8. 1/5 dal campo e 2 rimbalzi in 19 minuti.

Janning 5,5 – Viene schierato al posto di Christmas, ma non dà un grande contributo. In attacco chiude con 1/4 in 11 minuti.

Hackett 5,5 – Gioca un quarto quarto da 13 di valutazione, ma è in questo agevolato dai 5 falli subiti sulla pressione difensiva varesina. Nei primi tre periodi di gioco non si fa praticamente vedere, soprattutto perché commette due falli in 3’ nel primo tempo e viene richiamato da Banchi in panchina.

Moss 8,5 – Non avrà segnato i 29 punti di Brown, ma forse la sua prova difensiva è stata addirittura più importante per la vittoria rispetto allo show messo in piedi dal play ex-Oldenburg. Banchi assegna infatti a Moss la marcatura di Mike Green e l’ala bianco verde svolge il compito alla perfezione. In più aggiunge 17 punti con 4/6 da due e 2/3 da tre. È difficile immaginare qualcosa di più.