Venezia supera Pesaro, Mitchell Watt eguaglia il suo record di punti segnati

0

Seconda vittoria in campionato per l’Umana Reyer Venezia che supera la Carpegna Prosciutto Pesaro con il punteggio di 77-68 grazie anche a un quarto periodo da 26-9.
Per i lagunari, eguagliata la miglior prova stagionale per valutazione (102) realizzata alla prima giornata contro la Vanoli Basket Cremona.
Gli uomini di coach De Raffaele mettono insieme la miglior prestazionale stagionale nella percentuale del tiro da due punti (57.9%), frutto di un 22/38 complessivo. La metà dei canestri segnati all’interno dell’arco dei 6.75 sono da attribuire a Mitchell Watt, autore di una prova da MVP da 30 punti, 7 rimbalzi e 37 di valutazione in 33 minuti di impiego. L’americano eguaglia il record personale di punti segnati siglato nella stagione scorsa nella gara interna contro la Germani Brescia finita 94-87.
Gli 11 tiri da due segnati non sono un record per Watt, il quale come primato personale ha 12 tiri segnati in ben tre diverse occasioni: nella stagione 2018/2019 contro Reggio Emilia e nell’annata 2019/2020 contro Pesaro e Cantù ha tirato infatti con un 12/17 da due punti.
Per il numero 50, il 37 di valutazione è la 3ª miglior prestazione personale in Italia: le prime due le ha realizzate con la maglia della Pasta Reggia Caserta nelle giornate 14 e 28 della stagione 2016/2017, quando contro Avellino e Brindisi ha raggiunto il 39 di valutazione.
Oltre alle due prestazioni da 30 punti di Watt, l’ultimo giocatore a segnare così tanto con la maglia di Venezia è stato Marquez Haynes con i 31 segnati nei playoff della stagione 2016/2017 contro Pistoia.
Restringendo il campo di analisi sulla stagione regolare, l’ultima prestazione da 30 o più punti per Venezia era arrivata da Andre Smith nella stagione 2013/2014 contro l’Acea Roma, autore di una prova 32 punti.

UFF. STAMPA LEGA BASKET SERIE A

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here