Altro giro, altra vittoria: Milano è “troppa roba” per questa Pesaro

0

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – VICTORIA LIBERTAS PESARO 95 – 64 (25-15, 49-32, 74-48)

Non c’è…13 senza 14. Milano si sbarazza con relativa semplicità della Victoria Libertas Pesaro, col punteggio di 95-64 e conquista così la sua 14esima vittoria consecutiva in Campionato, nonché 13esima di fila a livello stagionale, considerando quindi le 6 consecutive di Eurolega. Per gli uomini di Banchi, dunque, tutto facile contro il fanalino di coda Vuelle, per la quale la “mission” era ben più che “impossibile”. I pesaresi restano così all’ultimo posto in classifica, a quota 12 punti (-2 da Montegranaro, penultima). L’Olimpia, invece, ristabilisce i 4 punti di vantaggio sulle inseguitrici che, avendo giocato tra ieri e l’altroieri, avevano momentaneamente accorciato a -2. Unica nota da registrare in più della pura e semplice cronaca, l’esordio in maglia milanese per il greco Ioannis Athinaiou.

CRONACA – Avvio di gara da “scapoli&ammogliati”: dopo 3′, il punteggio recita un calcistico 2-1. E’ Petty a svegliare la gara, guidando i suoi ad un break 0-7 in 50″ che obbliga Banchi al time-out. Circolazione più fluida ed energia in difesa: così Milano piazza un contro-break 9-2 che induce stavolta Dell’Agnello a fermare il tempo (11-10 al 6′). Due triple di Kangur e due piazzati di Gentile spingono avanti ancor di più Milano, in pieno controllo a già a fine primo quarto: 25-15 al 10′.

0-7 per Pesaro in avvio di secondo quarto, con rientro a -2: tutto vanificato però dai 4 punti in fila di un indemoniato, tanto per cambiare, Cerella (34-26 al 15′). Pesaro è in evidente affanno fisico, prima ancora che tecnico, contro lo spessore atletico milanese: il tutto si riassume in 3’30” senza un canestro. Giusto il tempo di assistere all’esordio di Athinaiou e ad una schiacciata di Cerella ed il primo tempo si chiude sul 49-32.

Nulla di nuovo nel secondo tempo: Petty piazza 5 punti e prova a limitare i danni per Pesaro, Samuels invece (primo in doppia cifra) allunga fino al +21 per Milano (59-38 al 25′). L’EA7 ritocca il proprio vantaggio fino al +30 al 28′ (70-40), prima che il terzo periodo si chiuda sul 74-48 con un buzzer beater da poco dopo metà campo di Musso.

L’ultimo periodo, come del resto tutta la gara, non ha storia e serve semplicemente a Pesaro per cercare di limitare il passivo ed a Milano per mettere un po’ di benzina nelle gambe, facendo rifiatare i titolari. La partita si chiude sul 95-64 per l’EA7 Emporio Armani Milano .

BASKETINSIDE MVP: BRUNO CERELLA

TABELLINI:

MILANO: Gentile 6, Cerella 11, Melli 2, Restelli 4, Hackett 0, Kangur 11, Athinaiou 0, Samuels 16, Wallace 9, Lawal 16, Moss 12, Jerrells 8. Coach: Banchi.

PESARO: Musso 6, Bartolucci 3, Terenzi n.e., Johnson 10, Pecile 6, Dordei 2, Trasolini 14, Anosike 3, Turner 0, Petty 20. Coach: Dell’Agnello.

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here