Brescia scappa, poi rischia ma alla fine esulta: Cantù è battuta

Brescia scappa, poi rischia ma alla fine esulta: Cantù è battuta

Colpo esterno di Brescia che guidata da Abass sbanca Desio 82-93.

di Daniele Tagliabue, @Danyboy1991

Colpo esterno di Brescia che guidata da Abass sbanca Desio 82-93. Partita incredibile quella dell’anticipo di mezzogiorno con la Germani che per tre quarti viaggia con percentuali irreali, spinta dall’ex Abass mvp della gara con 20 punti e 8 rimbalzi. Cantù parte bene, poi a cavallo del secondo e terzo periodo crolla sotto i colpi di una Brescia perfetta che dal campo non sbaglia nulla. Nel quarto periodo con l’orgoglio la formazione di Pancotto ricuce fino al meno cinque, prima delle triple finali di Vitali e Sacchetti che chiudono la contesa.

Cantù: Clark, Young, Pecchia, Bunell, Hayes
Brescia: Vitali, Lansdowne, Abass, Sacchetti, Cain

CLARK NON BASTA A CANTU’, ABASS TRASCINA BRESCIA- Avvio dai ritmi elevati con Pecchia e Abass protagonisti sui due lati del campo. Si accende anche Clark, che in un amen mette sette punti che valgono il 14-10 a metà quarto. Lansdowne e Abass rispondo per le rime, ma il neo entrato Wilson e una poderosa inchiodata di Burnell rimettono davanti i padroni di casa. La tripla di Silins vale la parità a quota 21, ma gli ultimi acuti li piazza la formazione di Pancotto avanti 28-23 dopo un quarto. Wilson dall’arco riapre la contesa, ma i canestri di Moss e Cain seguiti dal tecnico sanzionato a Pancotto, tengono la Germani a contatto sul 31-30. Moss e Werner rimettono Brescia al comando mentre la gara si infiamma diventando molto fisica, scatenando diverse proteste dagli spalti. Sacchetti mette la bomba del più quattro, ma Young risponde con il 2+1 del 38-39. L’inerzia è però tutta di Brescia che grazie a Zerini e Abass tocca il massimo vantaggio sul 40-47. Cantù resta però a contatto e con il canestro più libero supplementare di Burnell va al riposo sotto di sole quattro lunghezze sul 46-50.

CANTU’ SI SVEGLIA TARDI, BRESCIA CORSARA– Dopo l’intervallo la Germani parte a mille, con Lansdowne e Silins protagonisti del break che lancia gli ospiti a più dieci, obbligando Pancotto al timeout sul 50-60. Ragland in uscita spara dall’arco, ma il pallino è tutto bresciano con Moss e Vitali a banchettare per il 54-65 con la formazione di Esposito che dopo venticinque minuti viaggia con il 70% da due e il 50% da 3. Cantù al contrario si innervosisce, sbaglia facili tiri lasciando tutta l’inerzia alla formazione ospite, che con Zerini vola a più diciannove sul 54-73. Cantù prova a contenere i danni chiudendo il terzo periodo sotto 65-81. Clark e Burnell accendono l’avvio degli ultimi dieci di gioco, spingendo i canturini fino al meno undici, sul 72-83. Esposito corre ai ripari cercando forze fresche in panchina, ma è Pecchia a firmare il meno nove che infiamma il PalaDesio. Laquintana in lunetta sblocca Brescia, ma Burnell da tre timbra il meno otto. La Germani sbanda, Ragland trova il 2+1 del meno cinque riaprendo una gara che cinque minuti prima sembrava destinata ai titoli di coda. Cantù spreca due possessi per ricucire ulteriormente e Vitali la punisce con la bomba del 80-88 a tre minuti dalla fine. Hayes risponde da sotto, ma sono gli ultimi sussulti dei locali che soccombono sotto la tripla di Sacchetti che vale l’82-91 a 1’10” che manda i titoli di coda. Il punto esclamativo lo piazza Abass con una gran schiacciata, ultimando la sua prestazione da Mvp. Germani corsara a Desio 82-93.

MVP BASKETINSIDE.COM: Abass

CANTU’ 82 BRESCIA 93

Cantù: Young 6, Procida ne, Clark 23, La Torre, Hayes 11, Wilson 6, Ragland 11, Burnell 15, Baparapè ne, Simioni 2, Rodriguez, Pecchia 8. All.Pancotto

Brescia: Zerini 6, Werner 6, Abass 20, Cain 8, Vitali 8, Laquintana 8, Lansdowne 11, Naoni ne, Silins 8, Guariglia ne, Moss 10, Sacchetti 8. All.Esposito

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy