Cantù meravigliosa: Young e Hayes stendono Brindisi

Cantù meravigliosa: Young e Hayes stendono Brindisi

Cantù corsara a Brindisi.

di Daniele Tagliabue, @Danyboy1991

La prima sorpresa del campionato arriva da Brindisi. Cantù è corsara e lo fa con ampio merito al termine di una gara in cui la formazione di Pancotto ha condotto praticamente l’intera contesa. Lo fa con l’uomo meno atteso, l’ultimo arrivato, ovvero Cameron Young. L’americano si erge a protagonista con una prova da 22 punti, frutto del 5/8 dalla distanza tra cui la tripla decisiva a un minuto dalla sirena. Con lui menzione speciale la meritano Hayes (8pt+10rb e 22 di val) e soprattutto Pecchia, il migliore nella terza frazione nel primo vero allungo della gara. Brindisi è invece apparsa troppo opaca e salvo la sfuriata finale che aveva riportato la formazione di Vitucci fino alla parità negli ultimi due giri di lancette, si è visto troppo poco di buono rispetto la bella semifinale disputata in Supercoppa.

Brindisi: Thompson, Banks, Martin, Radosavljevic, Brown
Cantù: Clark, Young, Pecchia, Burnell, Hayes

CANTU’ AVANTI CON UN SUPER YOUNG- Avvio tutto di marca canturina, con Young a piazzare lo 2-5 inizale. Banks fa meno uno ma la trama non cambia con gli ospiti a dettare i ritmi in campo con un sontuoso Young a scrivere undici sul tabellino personale dopo appena cinque minuti per il 6-15. Banks però suona la carica e con Brown sono i protagonisti del recupero Happy Casa, con il lungo in maglia 0 a firmare il meno tre sul 14-17. Cantù accusa il colpo e i pugliesi sorpassano, con i primi tre punti di Gaspardo a valere il 20-19 alla prima sirena. Brown e Martin provano l’allungo in avvio di seconda frazione, ma la prima tripla di Clark vale la parità a quota 26. La trama non cambia, con le due compagini a rispondersi colpo su colpo fino al 31-31. Nel finale però Burnell e Wilson spezzano l’equilibrio, con la formazione di Pancotto avanti 31-36.

SONTUOSA CANTU’, BLITZ VINCENTE A BRINDISI – Dopo l’intervallo è ancora Cantù a comandare le danze, con un sontuoso Pecchia che sale in in doppia cifra respingendo l’Happy casa a meno sette (40-47). Botta e risposta tra Banks e Simioni, ma sono l’inchiodata di Martin e il canestro di Gaspardo a ridare un solo possesso di distacco alla formazione di Vitucci. Cantù però reagisce con carattere con un Burnell, Hayes e Clark riscappa, chiudendo la terza frazione sul 51-59. Nell’ultimo periodo salgono prepotentemente i decibel di tifo sugli spalti, con i tifosi di Brindisi che provano a scuotere i propri beniamini con Campogrande e Martin che ricuciono fino al 57-61. Young torna a far male con l’ennesima tripla ma la risposta di Brindisi son sette punti in un amen, grazie anche a un tecnico sanzionato a Pancotto,  che valgono la parità a quota 64 a due minuti dal termine. La palla si fa pesante ed è ancora una volta Young a prendersi la responsabilità che rimette gli ospiti a più tre quando si entra nell’ultimo giro di lancette. Brindisi prova a rispondere con Banks, ma il ferro gli nega la gioia del pari e il 2/2 di Clark fa scorrere i titoli di coda. Vitucci ci prova col timeout ma l’Happy Casa non riesce a diminuire neanche il passivo. La squadra di Pancotto passa 64-69.

MVP BASKETINSIDE.COM: Young
HAPPY CASA BRINDISI 64 ACQUA S.BERNARDO 69

Brindisi: Banks 17, Campogrande 3, Martin 10, Brown 17, Thompson 1, Cattapan ne, Gaspardo 10, Iannuzzi ne, Guido ne, Ikangi 3, Zanelli 1, Radosavljevic 2. All. Vitucci
Cantù: Clark 8, Burnell 6, Hayes 8, Collins 7, Young 22, Rodriguez 1, Procida ne, Simioni 2, Baparapè ne, La Torre 2, Pecchia 10, Wilson 3. All.Pancotto

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy