Cantù sbanca Pistoia, toscani a un passo dal baratro

Cantù sbanca Pistoia, toscani a un passo dal baratro

Basta un sontuoso quarto periodo alla formazione di Brienza per sbancare Pistoia.

di La Redazione

L’Acqua S.Bernardo non si ferma più, sempre più decisa a centrare l’obiettivo playoff. Cantù prosegue la caccia alla post season, motivata dalla seconda vittoria consecutiva in LBA. Dopo lo splendido successo interno nel derby con la Openjobmetis Varese, per Cantù arriva anche una bella vittoria in trasferta, sul campo della OriOra Pistoia. 74-84 il finale del “PalaCarrara”, brianzoli alla decima vittoria su tredici partite nel girone di ritorno, un ruolino di marcia quasi perfetto quanto sorprendente. Adesso, per Cantù, il conto delle vittorie in stagione sale a quota quindici, per 30 punti complessivi.

A guidare la formazione di coach Brienza, uno Stone a dir poco strepitoso, a referto con 24 punti (11/15 al tiro), 7 rimbalzi e 4 assist, per 29 di valutazione, la più alta dell’incontro. Decisivo, come al solito, anche Jefferson, con 19 punti al termine. A Pistoia, invece, non bastano i 24 punti dell’ex canturino Mitchell, top scorer della gara insieme a Stone. Dalla propria panchina, Cantù beneficia di 22 punti, solo 10 quelli dei toscani.

LA CRONACA
Quintetto confermato per l’Acqua S.Bernardo Cantù, con Gaines e Carr a interscambiarsi negli spot di playmaker e guardia. La Torre, Stone e Jefferson completano lo starting five canturino. I padroni di casa, invece, rispondono con capitan Della Rosa in regia, titolare a sorpresa al posto dell’americano Udom. Sugli esterni Peak e Mitchell, mentre nel pitturato figura la coppia Krubally-Crosariol, un bel mix di atletismo e fisicità.

Ottima partenza di Cantù, avanti 7 a 2 dopo neppure due minuti e mezzo di gioco. Ad indicare la via da seguire ci pensa il duo del 1997 composto da La Torre e Carr, autori entrambi di due bei canestri. Per La Torre subito una tripla dopo cento secondi: avvio positivo per l’ex Olimpia Milano, piuttosto simile a quello già visto nel derby con Varese la scorsa settimana. Un’altra fiammata canturina, con Stone protagonista di una schiacciata poderosa, costringe coach Moretti a chiamare il primo time out della gara. Alla ripresa del gioco, i locali ribaltano tutto grazie alla scintilla scaturita dal giovane capitano pistoiese Della Rosa, artefice della tripla del 9 pari, su assist dell’ex biancoblù Mitchell. Lo stesso Mitchell, al 7’, è autore del sorpasso toscano, con la schiacciata del 14 a 13. Coach Brienza tenta, dunque, la carta Davis. Subentrato dalla panchina, il lungo di Cantù si rende immediatamente prezioso grazie ad una bella stoppata su Krubally, lanciato in contropiede. Un canestro apparentemente già fatto ma, in extremis, salvato da Davis come un difensore evita un gol sulla riga di porta. Un salvataggio che, tuttavia, non evita l’allungo dei padroni di casa, in vantaggio di due possessi pieni al 10’ (25-19).

Così come in occasione del primo quarto, anche nella seconda frazione, a partire meglio è l’Acqua S.Bernardo, guidata in attacco da un Davis sempre più positivo. 6 a 0 ospite che, però, non spaventa la OriOra, nonostante il pareggio trovato dai brianzoli (25-25). I biancorossi, infatti, riescono a tornare avanti in men che non si dica grazie alle prodezze di Mitchell e Odum, con quest’ultimo autore della “bomba” del momentaneo +7. 32 a 25 per Pistoia, massimo vantaggio. Ma, alla ripresa del gioco, dopo un doveroso time out di Brienza, a splendere in casa Cantù è ancora una volta Davis, davvero apprezzabile per tenacia e concretezza. Ed è ancora Davis, dopo una tripla di Stone, a trovare la meritata parità. Controsorpasso canturino che si materializza poi proprio con Stone, servito da Gaines in contropiede, per il 34 a 32 a favore di Cantù al 16’. Pistoia e Mitchell, però, tornano alla carica, ritrovando il vantaggio. Dopo tanta fatica dall’arco, nel finale di primo tempo si sblocca il top scorer del campionato, Gaines, autore della tripla del 41 pari che chiude i primi venti minuti di gioco.

Inizio di secondo tempo molto frenetico, con le due formazioni che si rispondono colpo su colpo. Sugli scudi, così come nel primo tempo, Mitchell da una parte e Stone dall’altra. Quattro punti pesanti anche a firma di Crosariol, altro ex dell’incontro ad aver vestito in passato la canotta canturina. Ma l’avvio, ancora una volta, è tutto a stampo brianzolo, con l’Acqua S.Bernardo che al 24’ vola sul 50 a 45. Nonostante la buona partenza corale, Gaines non riesce a trovare continuità, sia al tiro che nelle scelte offensive. Qualche errore di troppo rende il numero zero in maglia biancoverde nervoso, così da indurre la terna arbitrale a fischiargli un tecnico, per proteste, che regala ai padroni di casa un tiro libero e un possesso. Tuttavia, Cantù è bravissima a non scomporsi, traendo tanta energia positiva da Stone. Gli uomini di coach Brienza, però, prima di portarsi sul momentaneo +8, subiscono da Bolpin e Odum due triple consecutive che consentono alla OriOra di rientrare ad un solo possesso di distanza. Sei punti di fila e, al 28’, parziale sul 53 a 56. Due minuti dopo, al termine del terzo quarto, Cantù riesce comunque a restare avanti 58 a 53.

All’inizio del quarto ed ultimo periodo di gioco, Pistoia si avvicina subito, trovando il -1 grazie ad una notevole schiacciata di Mitchell. L’Acqua S.Bernardo, però, non si perde d’animo e, anzi, con Davis prima e Stone poi, tenta addirittura l’allungo vincente a sette minuti dal termine. Avanti di tre possessi, Cantù tiene alta l’attenzione anche nella metà campo difensiva, con Davis artefice della sua seconda stoppata della serata. Di là, invece, in attacco, Stone continua a fare faville. A ruota lo segue Blakes, con il nono punto personale. Nove come le lunghezze di vantaggio per Cantù, che diventano poi undici a due minuti e mezzo dalla fine. Jefferson, quasi in scioltezza, realizza il canestro del 76 a 65. L’ultimo minuto di gioco non regala particolari emozioni. Finisce 84 a 74 per la formazione di coach Brienza che, domenica prossima a Desio, sfiderà la Fiat Auxilium Torino, per l’ultima casalinga di regular season.

ORIORA PISTOIA-ACQUA S.BERNARDO CANTÙ 74-84

(25-19, 16-22; 14-17, 19-27)

PISTOIA: Bolpin 2, Della Rosa 3, Peak 21, Krubally 8, Auda n.e., Di Pizzo n.e., Querci n.e., Crosariol 8, Del Chiaro n.e., Mesicek, Odum 8, Mitchell 24. All. Moretti

CANTÙ: Gaines 9, Carr 5, Blakes 12, Baparapè n.e., Parrillo, Davis 10, Tassone n.e., La Torre 5, Olgiati n.e., Pappalardo n.e., Stone 24, Jefferson 19. All. Brienza

Arbitri: Biggi, Borgo, Bongiorni

Uff.Stampa Pall.Cantù

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy