Caserta si scopre più bella, sconfitta la Fabi

0

 

 

 

Al cospetto di 4000 casertani, la Sacripanti band deve, vuole, fare bella figura, e questo puo’ avvenire solo con una convincente vittoria, ai danni di coach Pillastrini.

 

Bowers nuovamente in campo, nonostante appaia sul parquet solo pochi minuti prima della palla a due, probabilmente trattenuto dallo staff sanitario bianconero, e Jones a sudare la canotta, anche per la febbre a 39,2°, che ne limita la lucidità.

 

Questa la premessa del match, che non influenza però, un impetuoso inizio della Juvecaserta, guidata da uno stratosferico Di Bella, che ne mette 8 nei primi 10′, ai quali aggiunge i pick’n’roll con Williams che, con 8 punti nei primi 10′, e 15 alla fine, ai quali ha aggiunto 15 rimbalzi, e tanta intimidazione che più di una volta ha frenato le velleità degli esterni in penetrazione e soprattutto ha costretto a tante traiettorie deviate e ai corrispettivi errori.

La Fabi prova a rispondere, ma a parte Ford, il coach deve ricorrere ad una rapida girandola di cambi, per trovare la quadratura del cerchio.

 

Il secondo tempo continua sui binari del primo, nonostante Sacripanti provi a far ricorso alla panchina che, al contrario delle altre volte, fa un passo indietro, accumulando complessivamente 8 punti, sui 77 totali.

Il primo tempo termina 48 – 34.

 

Al rientro dagli spogliatoi il match cala in bellezza, gli attacchi sono ingolfati e il gioco perde di lucidità e brillantezza.

Nonostante ciò, si registrano i primi punti del febbricitante Jones, al quale risponde Ivanov, che segna 7 degli 11 punti totali della Fabi nel terzo quarto.

 

L’ultima frazione di gioco è ad appannaggio dei marchigiani, che rosicchiano lo svantaggio, approfittando di qualche giro a vuoto dei casertani, ma è ormai troppo tardi, e i due punti sono saldi nelle mani dei padroni di casa.

 

La vittoria dei bianconeri non è mai stata in dubbio, una Montegranaro troppo molle, intimidita da Williams sotto le plance e dall’avvio di Di Bella e co.

A proposito del capitano bianconero, sembra aver ritrovato la verve che lo ha contraddistinto, così come Ebi Ere, che migliora, e non poco, le percentuali al tiro, risultando anche il top scorer della partita, nonostante la palma di MVP spetti a Big-E.

Il centrone bianconero infatti, stravince la lotta a rimbalzo contro il “compagno di nazionale” Ivanov, e Sharrod Ford, garantendo alla Pepsi un solido dominio sotto le plance, 39 a 28 alla fine, e a niente sono valse le numerose palle recuperate dai sutorini (17, a fronte delle 13 casertane).

 

Ottimo viatico per quest’ultima parte di stagione per i casertani, al contrario di Montegranaro, che all’ottava sconfitta nelle ultime nove partite (peggior rendimento dell’intera lega), inizia seriamente a preoccuparsi per il cammino verso i play off, ora lontano 4 punti, con la bagarre retrocessione a soli due punti in meno.

 

Caserta vince e convince, Montegranaro perde i due punti, ma non la possibilità di acciuffare la postseason, che vede un gruppone di squadre appaiate in 6 punti, dove tutto puo’ succedere, e d’ora in poi ogni partita avrà una posta in palio non indifferente che, per la gioia degli appassionati della palla a spicchi, darà vita ad un campionato nel campionato con colpi a sorpresa e inaspettati tonfi ogni settimana.

 

 

Pepsi Caserta – Fabi Shoes Motegranaro 77 – 70
(23-16, 48-34, 60-45)
Pepsi: Marzaioli, Koszarek 2, Colussi 2, Di Bella 17, Bowers 9, Garri 2, Ere 20, Martin 2, Williams 15, Jones 8. Allenatore: Sacripanti
Fabi Shoes: Ford 16, Antonutti 2, Cavaliero 2, Williams 9, Maestranzi 2, Mazzola 2, Ray 11, Cinciarini 7, Toolson 7, Ivanov 12. Allenatore: Pillastrini