Cremona prima domina, poi soffre, ma vince contro Avellino

0

Cremona, con una buonissima prestazione, riesce a portare a casa un’importante vittoria, soprattutto in chiave salvezza (viste le sconfitte contemporanee di Pesaro e Montegranaro), con un secondo e terzo quarto importanti. Non sono mancate però le emozioni finali, visto che Avellino non ne voleva sapere di perdere e partendo dal -17 del 35° minuto, è riuscita a recuperare entrando nell’ultimo sul -6, ma lì si è fermata la rimonta ospite.
Dopo un primo quarto in parità, sono gli ospiti a tentare la fuga, ma Cremona reagisce ed in breve si mette a comandare il gioco per non lasciarlo più, anche se Avellino a più riprese ha tentato di rientrare, senza mai chiudere definitivamente il divario.
Jackson, per i padroni di casa, è stato il fattore determinante per tutti i 40 minuti, grazie ai suoi 25 punti, ai 5 rimbalzi ed ai 5 falli subiti (che gli hanno permesso un netto 8/8 dalla lunetta). Da segnalare però la buona prova anche di Brian Chase, finalmente rientrato dopo l’infortunio e di Ndoja, che nei momenti chiave è riuscito a mettere i canestri decisivi e recuperare importanti palloni. Per gli ospiti una prova discreta, anche se con molti alti e bassi, ed il rientro del finale è più frutto di un rilassamento anticipato dei padroni di casa, che non frutto di una vera reazione emotiva.

I tabellini: Vanoli Cremona – Sidigas Avellino: 83-75 (17/17 – 45/40 – 68/56)

Vanoli Cremona: Chase 12, Zavackas, Marchetti 2, Jackson 25, Ariazzi n.e., Spralja 7, Johnson, Pisacane n.e., Beltrami n.e., Kelly 14, Rich 11, Ndoja 12. Allenatore: Pancotto.

Sidigas Avellino: Thomas 14, Biligha 2, Lakovic 18, Spinelli 2, Ivanov 17, Ronconi n.e., Dragovic, Morgillo n.e., Cavaliero 2, Foster 4, Hayes 16. Allenatore: Vitucci.

Arbitri: Cerebuch, Martolini, Morelli.

Vanoli: T2 23/40 – T3 9/17 – TL 10/12 – RD 25 – RO 4 – PP 12 – PR 9 – AS 10.

Sidigas:  T2 16/43 – T3 11/23 – TL 10/11 – RD 23 – RO 13 – PP 15 – PR 4 – AS 16.

MVP BasketInside.com: Jarrius Jackson: 25 punti, 28 di valutazione, 5 rimbalzi e 5 falli subiti; un fattore per tutta la partita, per Cremona.

Le pagelle di Davide Scioscia

Dalla sala stampa: Coach VitucciCoach PancottoKlaudio Ndoja

Cronaca della partita:

1° Quarto

Con Cremona ancora priva del play titolare, coach Pancotto inserisce Marchetti nello starting five insieme a Kelly, Zavackas, Rich e Jackson. Coach Vitucci risponde con Hayes, Lakovic, Ivanov, Thomas e l’ex di giornata Foster.
Attacchi piuttosto confusionari nei primi 2 minuti di gioco, tanto è vero che i primi due canestri sono di Marchetti che ruba una palla a metà campo e si invola in contropiede, a cui risponde Lakovic con una tripla fuori dagli schemi, per il momentaneo 2-3. Prova a scappare Avellino arrivando sul 4-8 del 4° minuto, ma in un batter d’occhio, con una tripla di Rich e due tiri liberi di Jackson, Cremona torna in vantaggio sul 9-8.
E’ un fallo tecnico a Ivanov ad innescare il tentativo di fuga della Vanoli, che a 2 minuti dalla fine della prima frazione si porta sul 17-12, ma Avellino reagisce e con un canestro di Foster ed un gioco da 2+1 di Ivanov (che fino ad ora ha percentuali inguardabili), ritrova la parità a quota 17.
Il quarto si chiude con l’errore in appoggio di Dragovic che sancisce la parità al termine dei primi 10 minuti.
Cremona chiude il primo quarto con un 6/15 dal campo (40%) e 4/6 dalla lunetta, mentre Avellino ha tentato 1 sola conclusione dalla linea della carità, con Ivanov, ma realizza con un 7/21 dal campo (33%). Migliori realizzatori del primo quarto Rich per Cremona con 5 punti e Ivanov per Avellino con 8.

2° Quarto

Sono di Thomas e Foster i primi canestri del secondo quarto, che sbloccano la parità dopo 2 minuti di gioco. Risposta Vanoli affidata a Curtis Kelly che in 2 azioni collezione due giochi da 2+1, riportando Cremona in vantaggio sul 23-21.
Spinge sull’acceleratore Cremona , stringendo le maglie in difesa, che riesce a scappare sul 28-21 grazie ad un’incursione nel pitturato di Rich e ad una tripla di Chase, dopo un recupero difensivo sempre di Rich.
Parte finale del secondo quarto giocato molto sulla linea dei 6.75, con 5 triple di fila segnate dalle due formazioni (3 per Avellino e 2 per Cremona), con Avellino che recupera sino al -2 sul 36-34, ma Chase e Jackson spingono nuovamente Cremona al suo massimo vantaggio sul 43-34 ad 1 minuto dal termine del primo tempo.
Il secondo quarto si chiude con un canestro di Lakovic allo scadere, che fissa il 45-40 in favore dei padroni di casa.
Crescono le percentuali al tiro nel 2° quarto, con le due formazioni che realizzano con il 67% dal campo e con percorso netto dalla lunetta. Leggero vantaggio per Avellino a rimbalzo, soprattutto in attacco, mentre nel solo secondo quarto gli stessi irpini mettono a referto 6 palle perse contro 0 recuperate.
Kelly, con il parziale a metà del quarto, si porta in vantaggio nella classifica marcatori per Cremona con 12 punti realizzati, mentre per Avellino è sempre Ivanov a guidare la classifica, a quota 13.

3° Quarto

Cremona apre il quarto come aveva chiuso il precedente, tornando immediatamente a +9 per poi guadagnare la doppia cifra di vantaggio sul +11 con un buonissimo assist di Rich a favore di Kelly, che da sotto canestro non può far altro che mettere in fondo al cotone.
Avellino è completamente nel pallone ed in attacco perde l’ennesima palla importante, lasciando a Cremona la possibilità di allungare nuovamente con un canestro di Chase, che pestando leggermente la riga vede il suo tiro declassato da tripla a tiro da 2, e sul 55-42 del 23° minuto coach Vitucci prova a fermare il gioco con un time-out per cercare di far tornare la serenità nei propri giocatori.
Rientra bene Avellino in campo che piazza un parziale di 7-0 con Thomas e Haynes e questa volta è coach Pancotto, sul 55-49 del 25° minuto, a chiamare time-out.
Al rientro in campo è ancora Avellino a segnare, riportandosi a 2 lunghezze di svantaggio sul 55-51, ma Cremona reagisce con un nuovo brek di 9-0 che porta il risultato sul 64-51 al 28° minuto, costringendo il coach irpino a spendere il secondo timeout.
Haynes con una tripla sulla sirena di fine terzo quarto, riduce in parte lo svantaggio, fissando il risultato al 30° minuto sul 68-56, ma con la sensazione che Cremona oggi abbia una marcia in più degli ospiti.
Jackson risale nella classifica dei marcatori, portandosi a quota 21, mentre per gli irpini è sempre Ivanov a guidare questa speciale classifica, fermandosi però a quota 15. Ancora buone le percentuali per Cremona, che mette a segno un 69% dal campo (senza nessun tiro libero tentato), mentre Avellino indietreggia ancora attestandosi sul 43% dal campo.

4° Quarto

Cremona torna sul +15 ad inizio ultimo quarto, ma dopo 2 minuti si trova già in bonus falli, con un parziale di 4-0 nei primi 120 secondi.
A 6:29 dal termine della partita, un inconveniente tecnico alle apparecchiature elettroniche del tabellone costringono una fermata del gioco per circa 10 minuti. Alla ripresa delle ostilità è Ndoja a mettere la tripla del +17 sul 78-61.
Cremona si ferma, cercando di addormentare la partita, mentre Avellino ci crede e prova a rientrare, arrivando nell’ultimo minuto sul -6 (81-75).
Punta sul vivo Cremona però riesce a reagire, facendo scorrere il tempo ed arrivando alla conclusione con il risutltato di 83-75.