Cuore e orgoglio Venezia, Napoli si ferma sul più bello

0

Venezia in piena emergenza rincorre per tutta la partita un’ottima Napoli. Decisive nel finale la difesa orogranata e le giocate del duo Watt e Tonut

Nel recupero della 13ma giornata Napoli di coach Sacripanti arriva praticamente al completo al Taliercio rinunciando solo Elegar ormai lungodegente. De Raffaele invece ha gli uomini contati tra Covid e infortuni, recuperando solo Stone. Con Daye in borghese per problemi alla schiena, Cerella Brooks e Phillip ancora positivi.

Quintetto Venezia: Sanders, Tonut, Bramos, Mazzola, Watt.

Quintetto Napoli: Pargo, Rich, Parks, McDuffie, Lynch.

Primo periodo

Pronti via e Napoli è costretta a riunciare a Rich per una distorsione alla caviglia. Almeno inizialmente non sembra risentirne in campo per il 4-7 firmato Pargo-McDuffie dopo 3 minuti di gioco. Venezia si appoggia al totem Watt, ma l’ex Pargo è già a quota 7 punti per il 6-10 con 5’40’’ dal primo intervallo. Punteggio basso e ritmo un po’ spezzettato con Venezia che fatica a trovare soluzioni, affindadosi al tiro da fuori con scarsi risultati e Napoli ne approfitta per il 9-15 entrando negli ultimi 3 minuti del quarto. Adesso è McDuffie a colpire gli orogranata con Vitali che prova a dare la scossa in contropiede, ma ancora McDuffie chiude il quarto sul 14-20.

Secondo periodo

Parte forte Venezia che con Vitali ed Echodas si riporta a contatto sul 18-20 dopo quasi 2 minuti. Napoli paga la scarsa precisione ai liberi, ma Pargo colpisce da fuori. Un paio di fischi non piacciono a De Raffaele e Napoli a suo modo ne approfitta per il 23-29 con la tripla di Velicka con 4’ sul tabellone costringendo il coach orogranata al time out. Buono il rientro dal time out per Venezia che si riavvicina fino al -2, ma è ancora Velicka he da fuori firma il 29-34 entrando negli ultimi 3 minuti. Ora è Napoli a far fatica a trovare canestri facili e Venezia prova a riavvicinarsi a suon di tiri liberi, ma McDuffie prima e un’altra tripla di Velicka sulla sirena chiudono il primo tempo sul 36-42.

Terzo periodo

Anche ad inizio del secondo tempo è Velicka la spina nel fianco di Venezia portando i partenopei sul 39-46 dopo quasi 3’. De Raffaele continua la “girandola” dei cambi per cercare di trovare le giuste contromisure a Pargo & C. Napoli trova nell’energia di Marini un fallo e vale che porta al massimo vantaggio 45-54 con 4’ dall’ultimo intervallo. Reazione d’orgoglio orogranata che si riporta, entrando negli ultimi due minuti a -2 con la tripla di Michele Vitali. La GeVi paga le cattive percentuali ai liberi di Lynch mentra Vitali dall’altra parte con un 2su2 chiude il terzo quarto sul 54-55.

Quarto periodo

L’ultimo quarto si apre con un tecnico a De Raffaele dopo neanche 20’’. Tripla di qua e tripla di la, questo potrebbe essere il motto di questo inizio di periodo, Napoli ancora avanti 60-67 dopo 3’. Venezia costretta a riprovare a rincorrere ancora una volta e si affida alle giocate di Sanders per il 64-68 a metà del quarto. Watt firma il 66-68 e Tonut sfruttando il tecnico a Sacripanti per il -1. Watt e Tonut, Tonut e Watt, con le giocate del duo orogranata Venezia mette il naso avanti sul 74-70 con 2’23’’ dalla sirena finale. Napoli adesso è in rottura graie alla difesa orogranata e sul ribaltamento Sanders piazza la tripla del 79-73. La Gevi ci prova con Zerini, ma non basta, Venezia conclude la rimonta e porta a casa una vittoria importantissima in chiave Final Eight di Coppa Italia.

Parziali: 14-20; 36-42; 54-55.

Umana Reyer VeneziaGeVi Napoli Basket 79-75

MVP Basketinside: Mitchell Watt

Tabellini:

Umana Reyer Venezia: Stone, Bramos 2, Tonut 15, De Nicolao 5, Sanders 7, Echodas 5, Mazzola 9, Vitali 16, Minincleri ne, Da Rin ne, Chapelli ne, Watt 20. All.re De Raffaele

GeVi Napoli Basket: Zerini 2, McDuffie 17, Pargo 13, Matera ne, Velicka 17, Cannavina ne, Parks 11, Marini 8, Uglietti 3, Lombardi 1, Lynch, Rich. All.re Sacripanti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here