De’Longhi con le unghie e con i denti, Pesaro ancora a secco

De’Longhi con le unghie e con i denti, Pesaro ancora a secco

Nonostante due super Chapman e Barford da 50 punti complessivi, alla Carpegna non riesce il colpo grosso al Palaverde.

di Gianmarco Tonetto

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – CARPEGNA VL PESARO 85-75 (16-27, 40-39, 64-57)

TREVISO: Tessitori 18 (5/12, 2/2), Logan 8 (4/5, 0/7), Alviti 2 (1/2, 0/1), Nikolic 14 (3/3, 1/5), Parks 8 (2/3, 1/1), Chillo 4 (2/3, 02), Uglietti 4 (2/3 da 2), Severini, Fotu 17 (6/10 da 2), Cooke 10 (3/5, 1/6), ne: Imbrò.

PESARO: Barford 20 (3/7, 3/8), Drell 4 (2/3, 0/2), Mussini 2 (1/2, 0/3), Pusica 5 (2/4, 0/2), Miaschi 2 (1/1, 0/1), Eboua 3 (1/2 da 2), Chapman 30 (8/9, 4/6), Thomas 9 (2/6, 0/6), Zanotti (0/1 da 3), ne: Basso.

NOTE: pq 16-27, sq 40-39, tq 64-57. Tiri liberi: Treviso 14/15, Pesaro 14/18. Rimbalzi: Treviso 42 (Tessitori e Nikolic 7), Pesaro 32 (Thomas 1+8). Assist: Treviso 17 (Nikolic e Parks 3), Pesaro 13 (Barford 5).

Per la settima giornata di andata la De’ Longhi apre le porte del Palaverde alla Carpegna, fanalino di coda della classifica ancora a zero vittorie. Pesaro con il suo nuovo e giovane roster sta incontrando qualche difficoltà in questo avvio di stagione ma, anche se ancora a secco di successi, rappresenta un’avversaria diretta per TVB in ottico salvezza. Una Treviso a caccia di continuità di rendimento e una Pesaro che vuole rompere il ghiaccio e sbloccarsi, questi gli accattivanti ingredienti del match di oggi. La partita vede Treviso partire sottotono con, dall’altra parte, una Pesaro molto energica, nella seconda frazione però la De’ Longhi ritrova la quadra e chiude il primo tempo sopra di una lunghezza. Nel terzo quarto sembra esserci il definitivo allungo dei padroni di casa (+13), ma grazie alla zone press i ragazzi di Perego rientrano fino al – 5 di metà ultimo periodo. Qui però la De’ Longhi si dimostra più cinica e riesce a gestire con maggiore concentrazione i possessi decisivi che la portano alla vittoria finale per 85-75.

PRIMO PERIODO: lo starting five scelto da coach Menetti è costituito da Nikolic, Uglietti, Cooke, Fotu e Tessitori, mentre il quintetto titolare di coach perego vede in campo Barford, Drell, Pusica, Thomas e Chapman. Parte la VL su entrambe le metà campo, in difesa piazza due stoppate ai danni di Tessitori con Drell e Chapman e in attacco dopo tre minuti il parziale ospite è 2-7. Nei due minuti successivi continuano le difficoltà per i padroni di caso che perdono due palloni su incomprensioni e Pesaro vola a +8 costringendo Menetti al time out (4-12, 5:30). Al rientro in campo la musica non cambia e la Carpegna arriva per due volte a +11, la difesa ospite è una saracinesca e cambi del coach biancoceleste non sortiscono il cambio di rotta sperato. Nella seconda metà del quarto TVB ci mette più grinta, ma i marchigiani rispediscono al mittente ogni tentativo di rimonta e alla sirena è sempre +11 ospite, 16-27.

SECONDO PERIODO: nella seconda frazione l’energia trevigiana  sale di livello e dopo aver subito l’immediata schiacciata di Chapman piazza un parziale di 9-2 che costringe Perego al time out (25-31, 5:50). La VL non trova più la via del canestro complice un fisiologico abbassamento delle percentuali e una difesa dei padroni di casa decisamente più reattiva. Nei tre minuti successivi il parziale della De’ Longhi si allunga fino al 33-31, chiuso da un gioco da tre punti di Nikolic. La Carpegna si affida totalmente a Chapman che, dopo aver spadroneggiato in area nel primo quarto, in questa seconda frazione fa la voce grossa da oltre l’arco (38-39, 1:00). Alla pausa lunga il tabellone dice +1 Treviso 40-39.

TERZO PERIODO: parte fortissima la De’ Longhi che con un parziale di 8-0 costringe Perego al time out discrezionale dopo nemmeno due minuti di gioco (48-39, 8:15). Al rientro dal minuto di sospensione la Carpegna si sblocca con due liberi di Barford e in difesa gioca una zone press a 3-2, la tegola per lo staff trevigiano sono i problemi di falli di Parks, che nel giro di 10 secondi commette il suo terzo e quarto fallo. Dopo l’iniziale fase sonnacchiosa, la VL torna fino al -2 con un 6-0 che obbliga questa volta la panchina trevigiana ad interrompere il gioco. Ma è Cooke time, l’americano di Treviso suona la carica con un gioco da tre punti e una rubata ai danni di Miaschi che vale una schiacciata a due mani, a cui segue un’altra bimane di Tessitori che manda i padroni di casa a +13. Pesaro però ritrova la quadra e poco alla volta riesce a rosicchiare punti e a chiudere il terzo periodo sotto di 7 lunghezze a quota 64-57.

QUARTO PERIODO: l’ultima frazione si apre con due falli in attacco, uno per parte, a testimonianza di attacchi nervosi. TVB gestisce bene il vantaggio non permettendo mai agli avversari di rientrare sotto i due possessi. Gli ultimi cinque minuti sono un botta e risposta di canestri, dal quale a trarne vantaggio è Treviso che giocando col cronometro riesce a stare sul +7. Vince la De’ Longhi 85-75 che costringe pesaro ancora a quota zero punti.

MVP BASKETINSIDE: Isaac Fotu 17 punti, 6 rimbalzi, 6 falli subiti, 24 di valutazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy