Derby al cardiopalma, vince la Reyer al Palaverde

Con un super Stefano Tonut, Venezia si aggiudica il derby contro Treviso.

di Gianmarco Tonetto

DE’ LONGHI TREVISO – UMANA REYER VENEZIA 86-88 (22-28, 49-48, 71-64)

TREVISO: Logan 10, Akele 6, Russell 13, Chillo 9, Sokolowski 15, Mekowulu 18, Carroll 5, Vildera 2, Imbrò 8, Piccin.

VENEZIA: Tonut 27, Watt 15, Daye 11, Vidmar 9, Bramos 7, Stone 6, De Nicolao 5, Casarin 4, Chappell 4, Campogrande, D’Ercole ne.

Come sempre il derby fa storia a sè e i valori in campo vengono controbilanciati dal cuore. Una bella partita punto a punto con continui capovolgimenti di fronte. Venezia è guidata da degli ottimi Tonut e Watt, dall’altra parte in cattedra troviamo Sokolowski e Mekowulu. Sul finale la spunta l’Umana che riesce a far valere centimetri e chili sotto le plance, con un Daye che si sveglia sul finale e conduce i suoi ad una sofferta vittoria per 86 a 88.

I QUINTETTI

Treviso: Russell, Logan, Sokolowski, Akele e Mekowulu.

Reyer: Stone, De Nicolao, Tonut, Bramos, Watt.

PRIMO PERIODO: parte bene treviso che con un parziale iniziale di 11-6, sulle ali di Sokolowski e Akele, costringe De Raffaele al time out discrezionale dopo appena 3 minuti di gioco. Alla ripresa del gioco gli orogranata cambiano marcia e con un parziale di 9-0 arrivano fino al +4, prima che ci pensi Logan a metterci una pezza con un canestro in terzo tempo (13-15, 4:00). La De’ Longhi rialza la testa e mantiene la contesa punto a punto fino agli ultimi 90 secondi (19-20). Ma è Nell’ultimo minuto che i lagunari alzano nuovamente la voce e raggiungono il massimo vantaggio con un parziale di 8-0, con il solito Logan ad arginare il tutto con una tripla allo scadere. Alla prima pausa il tabellone dice 22-28 Reyer.

SECONDO PERIODO: Venezia prova la terza accelerata del match, ma la De’ Longhi non ci sta e sulle ali di Imbrò arriva a pareggiare il match a quota 32 e al successivo +3 con il 2+1 di Russell e un parziale aperto di 11-0, prima che Tonut segni due punti prendendosi un’ottima linea di fondo (35-34). L’Umana alterna zona e uomo e in attacco si affida a piene mani a Tonut (18 punti per il triestino ad ora), ma i ragazzi di Menetti trovano il canestro con continuità fino a portarsi a +5 (39-34). Ora è Treviso a condurre, ma Venezia resta attaccata e complici gli errori dei biancocelesti, Imbrò e compagni non riescono ad allungare. La Reyer decide di andare all in con Watt e sfruttare i blocchi per i suoi miss match nel cuore del pitturato, trovando spesso e volentieri fortuna. Alla pausa lunga il tabellone dice 49-48 per i padroni di casa.

TERZO PERIODO: partenza con qualche colpo a vuoto da entrambe le parti, ma è la Reyer a trovare un mini vantaggio da questa situazione, guadagnando un possesso di vantaggio. Sicuramente il periodo meno entusiamante della partita, con molti errori e palle perse, ma la contesa resta incerta con continui cambi di leadership. Nella seconda metà di frazione la De’ Longhi prende in mano il match a suon di triple e con una varietà offensiva disarmante piega la difesa veneziana, così che all’alba degli ultimi dici minuti la squadra dlla Marca conduce per 71-64.

QUARTO PERIODO: il quarto si apre con un parziale veneziano di 5-0 che costringe Menetti al time out immediato (71-69, 9:10). Al rientro in campo la musica non cambia e anzi la Reyer allunga il parziale arrivando al 13-0 aperto in 3 minuti di gioco. Dopo 4 minuti e mezzo arriva il primo canestro della De’ Longhi, subito seguito dal secondo: una schiacciata 1 vs 0 di Logan, con De raffaele a interrompere immediatamente il gioco (75-77). Treviso torna a contatto, ma Venezia difende con le unghie e con i denti il possesso di vantaggio e a 16 secondi dalla fine si trova sul +5 grazie al 2/2 di Daye. Gli ultimi secondi sono da cardiopalma, la vittoria finale va a Venezia per 86-88.

MVP BASKETINSIDE: Stefano Tonut 27 punti (10/16 dal ampo), 7 assist, 28 di valutazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy