Downs spinge Caserta al successo di misura sul campo di Pesaro

La JuveCaserta esce vincente dalla sfida salvezza di Pesaro grazie al canestro di Micah Downs e alle difficoltà offensive degli avversari.

di Emanuele Terracciano

È stata una partita brutta ma ricca di emozioni quella che ha visto la Pasta Reggia Caserta vincere all’Adriatic Arena di Pesaro. Decisivo è stato il canestro di Downs a 5” dalla sirena che ha annullato il break degli ultimi minuti della VL che esce sconfitta da questo match pasquale. La Juve vede la salvezza più vicina, mentre Pesaro adesso è a un solo punto dalla Manital Torino

Primo tempo – La Pasta Reggia Caserta parte subito forte mettendo a segno un 5-0 di parziale tutto firmato Micah Downs. La VL non entra benissimo nella partita e Austine Daye sembra soffrire abbastanza Linton Johnson, mentre la Juve è molto aggressiva e, con Downs e Hunt, vola a +7 sul 11-4. Dopo un timeout voluto da coach Paolini, Pesaro non cambia molto registro, ma anche Caserta commette qualche errore di troppo e così i padroni di casa provano a recuperare qualcosa. In questa ultima fase di primo quarto lo spettacolo è molto poco esaltante, ma ciò non impedisce alla Consultinvest di chiudere la prima frazione sotto di soli due punti sul 18-16 in favore dei campani.

La Consultinvest apre il secondo in maniera totalmente diversa e recupera portandosi avanti nel punteggio. Dario Hunt non concretizza il gioco da tre punti, ma il punteggio è in parità (27-27) e il lungo statunitense domina sotto il tabellone della Consultinvest. Il parziale bianconero si protrae fino al 6-0, portando la Pasta Reggia a +4 sul 31-27. Lacey e Daye interrompono il tentativo di fuga degli ospiti, ma la tripla di Slokar restituisce nuovamente cinque punti di vantaggio a Caserta che però chiude il primo tempo in vantaggio solamente per 35-32.

Secondo tempo – In avvio di secondo tempo la Juve continua a proporre la zona 2-3 che non impedisce il 5-0 di parziale marchigiano che riporta la VL avanti nel punteggio e che costringe coach Dell’Agnello a chiedere timeout. Al rientro in campo Marco Giuri si fa sanzionare un tecnico che porta agli avversari altri tre punti che permettono loro di arrivare a +5 sul 40-35. Due triple in fila di Slokar e Siva il gioco da tre punti di Giuri riportano avanti i bianconeri, ma in questa fase la partita è estremamente equilibrata. Il canestro a fil di sirena di Cinciarini permette alla Juve di chiudere la terza frazione di gioco in vantaggio per 53-51.

Anche in avvio di quarto quarto la Consultinvest continua ad attaccare in maniera confusa e individualistica e la Pasta Reggia, pur non giocando una pallacanestro straordinaria, prende un discreto vantaggio. Lacey con la sua velocità scardina facilmente la difesa avversaria e riporta il punteggio in parità (57-57), spingendo la panchina ospite a un immediato timeout. In questa fase di partita le distanze tra le due squadre sono sempre risicatissime se non totalmente assenti. Linton Johnson e la tripla di Peyton Siva portano i bianconeri fino al +6 (67-61). La partita è troppo importante e l’innalzamento del ritmo da parte di Pesaro porta i marchigiani a -2 sul 68-65. La Juve è in evidente difficoltà e, complice il bonus raggiunto, manda troppo spesso la VL in lunetta regalando il vantaggio ai padroni di casa sul 69-67. Hunt perde palla e Christon realizza il canestro del +3 (71-68) Pesaro. Cinciarini subisce un dubbio fallo sul tiro da tre punti e fa 2/3 portando i suoi a -1 (71-70). Lacey va in penetrazione ma commette passi e arriva il timeout voluto dalla panchina bianconera. Caserta decide di giocare con calma e Downs realizza in canestro abbastanza complesso che riporta i suoi in vantaggio sul 72-71 a 5’’ dalla sirena. Daye sbaglia la tripla e Caserta vince per 72-71.

CONSULTINVEST PESARO 71-72 PASTA REGGIA CASERTA (16-18; 32-35; 51-53)

Consultinvest Pesaro: Basile, Shepherd 6, Gazzotti 6, Lacey 23, Christon 8, Daye 19, Solazzi, Candussi, Lydeka 5, Ceron 4, Serpilli. All. Riccardo Paolini

Pasta Reggia Caserta: Gravina, Downs 13, Siva 9, Hunt 16, Cinciarini 7, Formisano, Ventrone, Giuri 12, Johnson 6, Ingrosso, Slokar 9. All. Sandro Dell’Agnello

Arbitri: Sahin, Seghetti, Calbucci

Fotogallery a cura di Michael Ciaramicoli

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy