F8 SF – Sassari batte Brescia e approda in finale grazie alle triple di Stipcevic

L’esterno croato guida la Dinamo a suon di canestri da dietro l’arco. Brescia esce a testa alta dalla sua prima Final 8.

di Pietro Pisaneschi, @Doppia_P

Sarà dunque Milano-Sassari la finale in programma domani alle 18:00 alla Fiera di Rimini per queste Final 8 2017. La Dinamo batte 77-70 la Germani Brescia rimontando il -6 di svantaggio a fine secondo quarto e blindando il successo nell’ultimo decisivo quarto di gioco grazie ai canestri di Savanovic e, soprattutto, Rok Stipcevic che, nei momenti finali di partita, mette due triple che tagliano i fili della speranza per Brescia.

PRIMO TEMPO: Pasquini si affida ai fedelissimi spedendo Devecchi e Sacchetti in quintetto. Avvio tonitruante di Sassari che piazza subito un 11-3 di parziale costringendo coach Diana a chiamare time out. Moss getta una secchiata di acqua gelida sul bollente avvio sassarese ma Lacey risponde subito. Come già accaduto nella partita contro Avellino, è con la difesa che Sassari prova a scavare il primo solco. La Dinamo rende l’area più impenetrabile dell’Area 51 e Brescia soffre le cattive percentuali al tiro. Quattro punti consecutivi di Savanovic per il +9 spingono Diana a mischiare le carte. Il coach livornese abbassa il quintetto spedendo in campo Bushati e Michele Vitali e impone la zona che però è subito punita dalla tripla di Stipcevic che regala a Sassari il +12. Il quintetto basso porta a Brescia un 7-0 di parziale a firma Bushati, Michele Vitali e Moss. Quest’ultimo però spende il suo terzo fallo personale e Diana non può esimersi dal richiamarlo in panchina. Due liberi di Stipcevic portano la partita al primo mini intervallo sul 22-15. Il buon momento bresciano prosegue ad inizio secondo quarto. Una canestro in vernice di Burns chiude un’azione nella quale tutto il quintetto bresciano ha toccato il pallone grazie ai continui extra pass e riavvicina la Germani a – 2 (22-20). Luca Vitali aggancia la parità dopo aver slalomeggiato in area. Sassari si mostra superficiale. Stipcevic e Lydeka sbagliano due elementari canestri “uno contro zero” e permettono il sorpasso Brescia con Moore. E’ però lo stesso Lydeka a interrompere l’incendiario parziale di 9-0 bresciano riportando la partita in parità sul 24-24. Una tripla di Bell scrive il nuovo vantaggio sardo sul 29-27 ma è una gioia effimera. I minuti finali del secondo quarto sono…un affare di famiglia!. Luca Vitali comincia a predicare basket smazzando invitanti assist per Landry e Berggren. Michele, invece, imprime intensità in ogni azione strappando rimbalzi e lucrando continui falli. Lawal interrompe un altro parziale di 9-0 bresciano ma una tripla di Luca Vitali, prima, e un lay up di Lacey, poi, riportano Brescia sul +6 chiudendo i primi venti minuti di gara sul 33-39.

SECONDO TEMPO: Avvio di terzo quarto arrembante per Sassari. Una tripla di Devecchi dopo un canestro di Lacey riportano la Dinamo a -1 (38-39). Brescia però gioca in fiducia e riconquista il +6 grazie alla tripla di Moore dall’angolo e a Moss. Sassari fa tentennare le certezze della zona bresciana con due bombe consecutive a firma Lacey e Sacchetti. Diana chiama prontamente time out ma al rientro sul parquet Bell, con una tripla, scrive il nuovo vantaggio Sassari sul 49-48. Lawal comincia a furoreggiare nel pitturato scrivendo quattro punti consecutivi prima che Landry riporti la parità (53-53) con una tripla. E’ però ancora Sassari ad apparire maggiormente lucida nei minuti conclusivi del terzo quarto. La difesa ruvida predisposta da Pasquini costringe Brescia a pessimi attacchi con Michele Vitali che non riesce a trovare il suo primo canestro dal campo e il solo Landry incaricato di aggiornare il referto. Savanovic fa 1/2 dalla lunetta ma Gani Lawal, assoluto protagonista del quarto, strappa il rimbalzo e deposita a canestro per il 60-55 con il quale le squadre approdano al quarto quarto. Diana comanda la zona per inaugurare l’ultimo quarto di gioco. Savanovic sfrutta due missmatch consecutivi contro Vitali e mantiene la Dinamo a +5. Sono però ancora Landry e Moore a tenere a galla Brescia riportandola a -1 e costringendo Pasquini a chiamare time out. Il primo canestro dal campo di Michele Vitali regala il nuovo vantaggio a Brescia (66-67) ma i problemi per la Leonessa arrivano dalla difesa. Moss spende il proprio quinto fallo su azione di tiro da tre di Stipcevic. Il croato fa 2/3 dalla lunetta ma, sull’azione seguente, spedisce in fondo al canestro la tripla del + 4 Dinamo (71-67) a un minuto e mezzo dalla fine. La stanchezza comincia comprensibilmente a palesarsi sul campo. Le squadre si alternano in lunetta ma entrambe sono poco precise. Il 2/2 di Luca Vitali riaccende le speranze bresciane portando la partita sul 72-70 a 34″ dalla fine. Pasquini chiama time out architettando l’ultima rimessa sassarese. Lacey palleggia fino a 3 secondi dalla chiusura del possesso portando a spasso la difesa beresciana per poi armare la mano di Stipcevic che, dal mezz’angolo, solo e indisturbato, recapita al mittente la tripla che uccide definitivamente la partita. Brescia non monetizza l’ultima rimessa con 9″ a disposizione e Lacey dalla lunetta certifica il 77-70 con il quale Sassari approda in finale dove ad attenderla c’è già l’Olimpia Milano.

BANCO DI SARDEGNA SASSARI – GERMANI BRESCIA 77-70

SASSARI: Lacey 15, Stipcevic 13, Savanovic 12, Bell 10, Lawal 10, Devecchi 8, Lydeka 6, Sacchetti 3. Coach: Pasquini

BRESCIA: Landry 20, Moore 16, M. Vitali 8, Moss 8, L. Vitali 7, Bushati 5, Berggren 4, Burns 2. Coach: Diana

MVP BASKETINSIDE: Rok Stipcevic

Fotogallery a cura dei nostri inviati

David Moss

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy