Finale da brividi al Paladozza: Venezia s’inchina alla Fortitudo

Finale da brividi al Paladozza: Venezia s’inchina alla Fortitudo

Aradori e Stephens trascinano la squadra di Antimo Martino alla vittoria in casa contro i Campioni d’Italia in carica.

di Mario Giuliante

Una partita dalle grande emozioni quella giocata al Paladozza tra la Pompea Fortitudo Bologna e la Umana Reyer Venezia. In un palazzo gremito in ogni suo angolo, Antimo Martino presenta in campo una squadra di carattere, ordinata nelle idee e nella costruzione del gioco. E’ la partita dei venti punti Aradori e dei diciotto di Stephens, capaci di trascinare la squadra insieme ad uno straordinario Stipcevic. Altrettanto brava la squadra di De Raffaele, sempre in partita, nonostante l’espulsione nel finale di secondo quarto di Watt e grazie ai punti di Tonut, Udanoh e Chappell, Un finale al cardiopalma quello al Paladozza, vero e proprio sesto uomo in più per la Fortitudo, che costringe i Campioni d’Italia ad arrendersi per 89 a 82.

1° quarto (26-24): parte subito forte la Reyer con un parziale di 5 a 0 grazie alla tripla di Tonut prima e i due punti di Watt dopo. Immediata la reazione della Fortitudo Bologna grazie alla tripla di Robertons (6 punti per lui) e i due punti di Aradori per la parità. Importante approccio alla partita di Fantinelli e Stephens (8 punti per lui nel primo quarto) che consegnano al quinto minuto una Fortitudo in vantaggio 13 a 10 sui Campioni d’Italia. La Reyer però non resta a guardare e grazie a Tonut (10 punti con un 2/2 da tre) e ai 6 punti di Watt riesce a restare a galla concludendo il primo quarto con solo due punti di svantaggio.

2° quarto (25-22): la Fortitudo cerca di tenere a distanza Venezia, lavorando molto bene in difesa e trovandosi in vantaggio al settimo minuto per 33 a 24. Il solito Watt con i suoi punti, l’ingresso di Udanoh (4 punti per lui) e la tripla di De Nicolao portano Venezia sul 38-33. Nel momento in cui Venezia sembrava poter recuperar lo svantaggio, sono fondamentali i nove punti di Pietro Aradori e i cinque punti di Stipcevic per chiudere il secondo quanto sul 51 a 46 per la Fortitudo. A pochi secondi dalla fine del quarto, viene espulso Watt a seguito di un diverbio con Stipcevic.

3° quarto (18-12): è il quarto di Stephens che con i suoi 8 punti, insieme a quelli di Aradori e Cinciarini, trascina la squadra di Antimo Martino a trovarsi sul 69 a 57 ad un minuto dalla fine. La Reyer Venezia resta aggrappata alle giocate di Udanoh e Jeremy Chappell. Il terzo quarto recita 69 a 58 per la squadra di Bologna.

4° quarto (20-24): Edward Daniel e Stefano Mancinelli provano a dare una mano alla squadra per trovare la vittoria. Proprio capitan Mancinelli, con un paio di giocate alla sua maniera, porta la squadra sul 78 a 65, con più 13 punti di vantaggio. Il carattere di Venezia, grazie anche alle giocate da tre di Udanoh prima e Cerella poi, riportano la Reyer sull’80 a 75, a meno di due minuti dalla fine. La tripla di Tonut nell’ultimo minuto riapre i giochi, portando Venezia a sole due lunghezze da Bologna. Quando ormai mancano meno di trenta secondi allo scadere, il recupero di un rimbalzo della difesa fortitudina i successivi due punti su tiro libero di Stipcevic e Aradori e la schiacciata finale di Stephens, fanno esplodere la festa al Paladozza per la vittoria della squadra di Coach Antimo Martino.

MVP Basketinside: Pietro Aradori

Fortitudo Pompea Bologna: Fantinelli pt. 4, Robertson pt. 13, Aradori pt. 20, Leunen pt. 2, Daniel pt. 8, Stipcevic pt. 11, Mancinelli pt. 9, Cinciarini pt. 4, Stephens pt. 18, Dellosto pt. 0, .

Umana Reyer Venezia: Udanoh pt.m12, Casarin, Bramos pt. 8, Tonut pt. 17, Daye pt. 7, De Nicolao pt. 8, Filloy pt. 2, Vidmar pt. 0, Chappell pt. 10, Pellegrino pt. 0, Cerella pt. 6, Watt pt.12

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy