Gara all’ultimo tiro, vince Treviso con un ottimo Alessandro Gentile

0

Bennetton Treviso-Banca Tercas Teramo: 75-73.

Nell’atteso esordio casalingo la Benetton Treviso porta a casa i primi due punti della stagione ai danni di una Banca Tercas Teramo comunque ben figurante. D’ora in poi potremo chiamare Treviso con il soprannome “Penelope”, infatti la squadra di Djordjevic ha fatto e disfatto. Alla fine del 2° quarto aveva un rassicurante vantaggio di 14 punti, totalmente perso nel terzo periodo di gioco, quando la Tercas ha addirittura sorpassato i Veneti. Ma quel che conta è sicuramente il risultato finale, che non può che far contenti Sasha Djordjevic e tutto il popolo trevigiano. Ecco cosa è successo:

1° Quarto (22-14): in quintetto partono come previsto Mekel, Gentile, Moore, Scalabrine e Adrien. I primi due punti del match hanno la firma di Valerio Amoroso, che manda a bersaglio entrambi i tiri liberi. Inizia bene anche Alessandro Gentile, ma è subito costretto alla panchina poiché commette  due falli, Treviso è comunque più precisa di Teramo, guidata da un Moore che contribuisce  a un 12-7 di  parziale. Troppe per i biancorossi le 6 palle perse in appena 10 minuti, cosi’ la squadra trevigiana conclude il primo quarto avendo discrete percentuali, con 8/14 da due e il 40% dalla linea dei tre punti.

2° Quarto (22-16): Viene aperto da una reazione degli abruzzesi, guidati da Wanamaker e Green autori di un un 6-0 di parziale, ma Treviso non ci sta e Maldoveanu mette una bomba con la quale si presenta. Poco dopo però, ritorna la Benetton del primo quarto guidata da un Bulleri capace di mettere in ritmo i compagni ma anche di creare situazioni per se stesso. Si va negli spogliatoi con il punteggio di 44-30.

3° Quarto(14-26): Grandissima reazione per i ragazzi di coach Andrea Ramagli, guidati dagli omonimi Brown. Treviso commette quattro falli solo nei primi minuti e questo condiziona la gara. A spezzare uno sconcertante parziale ci pensa Scalabrine, fino a quando durante il 28’ di gioco, Teramo passa in vantaggio. Nel finale c’è un esaltante botta e risposta da 3 tra Valerio Amoroso e Alessandro Gentile

4° Quarto(19-19): Adrien è molto attivo e si procura un gioco da 3 punti che esalta il PalaVerde. Ed è in questo momento che l’ambiente inizia a farsi “caldo”, infatti la partita è punto a punto e ogni errore potrebbe essere fatale. Tutto sembra deciso quando sul 67-64 Gentile spara una bomba che porta i suoi sul +6, ma Dee Brown non ci sta e segna una tripla vitale. Quando manca un minuto alla fine della partita, le squadre sono in una situazione di pareggio, ma Treviso segna 3 dei 4 liberi a disposione, e Dee Brown non può che caricarsi la squadra sulle spalle: prende e spara da 3! A 2” dalla sirena la palla e nelle mani di Saniboy Becirovic, che non delude: fa canestro facendo esplodere il Pala Verde e scacciando la paura che era venuta negli ultimi minuti.

Comunque buona la prestazione di Teramo che ha mostrato grande carattere, ricucendo uno strappo che sembrava irrecuperabile. Passi avanti rispetto alla prova di Siena gli ha fatti soprattutto Dee Brown, autore di 17 punti. Si confermano Brandon Brown e Valerio Amoroso, mentre ci si aspettava di più da Brad Wanamaker.

MVP BASKETINSIDE: Alessandro Gentile, queste le sue cifre: 18 punti, 5 rimbalzi 1 palla recuperata e 1 assist (19 di valutazione)

I tabellini delle due squadre:

Treviso:Adrien 14, Moore 11, Mekel 2, Becirovic 13, Bulleri 8, Gentile 18, Moldoveanu 3, Scalabrine 8, Cuccarolo, De Nicolao ne, Sandri, Wojciechovsky ne.

Teramo: Ricci, B.Brown 13, Amoroso 7, Cerella 9, D.Brown 17, Fultz 2, Lulli ne, Green 3, Borisov 11, Wanamaker 9, Polonara 4.