Il recupero del derby triveneto parla triestino, Allianz corsara al Palaverde

0

NUTRIBULLET TREVISO BASKET – ALLIANZ PALLACANESTRO TRIESTE 88-92 (25-24, 45-40, 64-67)

TREVISO: Russell 5, Faggian 2, Bortolani 5, Imbrò 10, Chillo 5, Sokolowski 15, Dimsa 20, Jones 19, Akele 7,ne: Vettori, Ronca, Tadiotto; all. Menetti

TRIESTE: Banks 19, Davies 10, Konate 8, Deangeli 4, Mian 12, Delia 23, Campani 2, Cavaliero 8, Campogrande, Graziulis 8; all. Ciani

I QUINTETTI

TREVISO: Russell, Imbrò, Sokolowski, Akele, Jones
TRIESTE: Davis, Banks, Mian, Graziulis, Konate

Partenza sprint dei padroni di casa che piazzano, nel giro di 3’, un 10 a 2 di parziale guidati dal duo Jones-Akele che mettono a referto 5 punti ciascuno. Ciani prova a fermare il momento positivo dei veneti con un time-out, tuttavia Jones in contropiede continua a far la voce grossa prima che Mian torni a smuovere il tabellino ospite. Trieste si affida ai tiri dalla lunga per rientrare in gioco; prima Mian e poi Graziulis riavvicinano gli alabardati sul -5 (19-14 al 6’). Jones, con un pregevole semigancio mancino, è il primo giocatore ad arrivare in doppia cifra alla voce punti; dall’altra parte i biancorossi trovano ottime risposte da Delia e Mian mantenendo a contatto la squadra allenata da coach Ciani. Faggian, in entrata, si regala la gioia dei primi punti in Serie A, tuttavia sono i liberi di Delia a chiudere la prima frazione sul parziale di 25 a 24 in favore di TVB.

SECONDO PERIODO

Seconda frazione che stenta a decollare; in quattro minuti di gioco infatti i soli canestri registrati portano la firma di Imbrò e Akele da una parte, Banks e Campani dall’altra con le due formazioni sempre a stretto contatto (31-30 al 14’). I biancoblu provano il primo allungo di questa gara; sospinti da Chillo, Sokoloswki e Russell i padroni di casa tornano a due possessi pieni di vantaggio sul 41 a 34 prima del minuto di sospensione chiesto dai giuliani. Cavaliero, da capitano, si carica il peso dell’attacco triestino sulle proprie spalle ed in men che non si dica con un paio di bombe in fila riapre la contesa sul 43 a 40 al 19’ costringendo questa volta Menetti al time-out. La parola fine al primo tempo la mette Jones che chiude uno spettacolare alley-oop alzatogli da Russell per il 45 a 40 del 20’.

TERZO PERIODO

Al rientro dalla pausa lunga Trieste mette la freccia e firma il sorpasso a quota 47-48, Imbrò non ingrana in regia e perde due palloni sanguinosi, ora trieste conduce di 3 lunghezze e costringe Menetti al time out (47-50, 7:00). Al rientro dall’interruzione tecnica inizia il bombardamento da oltre l’arco per entrambe le formazioni, con la Nutribullet a ritrovare il vantaggio a quota 61-59 grazie alle triple di Sokolowski e Dimsa. L’Allinz continua a fare la voce grossa in area e a trovare punti nel pitturato, inoltre difendendo duro sugli esterni riesce a recuperare palloni e a forzare Treviso alla persa, ma questo non si traduce sempre in punti. La terza frazione si conclude con gli ospiti avanti 64-67.

QUARTO PERIODO

I giuliani aprono l’ultimo periodo con un parziale di 7-0 che li porta a +10, tra le fila trevigiane gli animi si scaldano per alcuni fischi e ciò costa il tecnico a Menetti (64-74). Il Palaverde finalmente si anima e diventa una bolgia, con la squadra a farsi trasportare dai tifosi e a recuperare 4 lunghezze (68-74). Capitan Imbrò prova a prendere per mano i suoi, prima segna in coast to coast e poi recupera un gran pallone in difesa su Davis e si guadagna due liberi che però non riesce a capitalizzare al meglio (72-79). E’ ancora Imbrò ad un triplo viaggio in lunetta grazie ad un fallo condito da un tecnico per proteste del solito Davis, e questa volta il capitano trevigiano fa percorso netto (75-81). Trieste difende meglio e attacca meglio e la Nutribullet non riesce mai davvero ad accorciare le distanze, a 90 secondi dalla fine, con uno 0/2 di Imbrò dalla linea della carità, i biancorossi conducono 79-87. Gli ultimi 30 secondi solo deliranti in campo, con gli arbitri a perdere completamente il controllo della partita, Banks commette antisportivo su Dimsa, che è impeccabile dalla lunetta, ma Treviso vanifica il possesso aggiuntivo e si trova a -4 a meno di 10 secondi dalla fine (88-92). Il punteggio resta invariato fino alla sirena che sancisce la vittoria triestina per 88-92.

MVP BASKETINSIDE

Marcos Delia 23 punti, 8/11 dal campo, 9 rimbalzi, 32 di valutazione.