Ivanov stratosferico! Caserta è più viva che mai, piegata Bologna

0

Caserta è viva! In attesa del posticipo, l’aggancio è compiuto. La Juve piega le Vnere e compie un passo fondamentale in chiave salvezza avendo la meglio in una partita combattuta ed equilibrata dal 1′ al 40′. Decisivo uno stratosferico Ivanov nei primi due quarti ed un delizioso Domercant nel finale di partita. STARTING FIVE Pasta Reggia Caserta: Moore, Mordente, Vitali, Scott, Ivanov Granarolo Bologna: Gaddy, Ray, Fontecchio, White, Cuccarolo La palla a due è ospite ed è Ray, il trascinatore di questo team a prendere il primo tiro della gara, perlopiù sbagliato. L’avvio è a punteggio relativamente alto con la Juve che cerca con continuità il servizio interno per Ivanov che segna i primi sei punti della squadra di casa con Cuccarolo che non riesce in alcun modo a tenerlo. Bologna inizia male in attacco con molti errori e poche idee mentre il piano partita bianconero è molto chiaro, tenere basso il punteggio ed eseguire con disciplina in attacco. Dopo 4’ e 30’’ di gioco il punteggio è di 6-5 con Esposito che tarda a cominciare con la girandola di cambi e la Juve che riesce, per ora, a limitare il potenziale offensivo ospite. La partita segue un ritmo abbastanza blando e, mentre Bologna riesce a trovare i primi canestri dalla lunga, Caserta soffre un po’ la difesa allungata ospite, affidandosi così al solito strepitoso Ivanov in avvio che segna il suo decimo(!) punto sull’11-10 Juvecaserta. L’ingresso in campo di Hazell mette però in seria difficoltà Caserta che non riesce a tenere le penetrazioni della guardia Bolognese. Ivanov mette tutti d’accordo con la tripla del pareggio prima di lasciar posto a Tessitori ma è ancora una volta Hazell a rimettere tre punti tra Bologna e Caserta con una tripla allo scadere che fissa il punteggio della gara sul 17-20 a fine primo quarto. La partita ricomincia, o almeno si fa per dire, poiché la gara è estremamente spezzettata per i continui falli ambo ai lati. Valli continua con la difesa allungata che finisce però per essere un’arma a doppio taglio poiché, dopo l’allungo Bolognese(17-22), Caserta approfitta dei buchi lasciati dalla difesa ospite per ricucire lo strappo e trovare prima la parità, e poi il vantaggio ancora grazie ad uno straripante Ivanov(24-22); Bologna continua a litigare col ferro e, dopo il lay-up in contropiede di Tommasini per il +4 Casertano, è l’allenatore Virtussino a dover fermare il gioco per provare a riorganizzare le idee. Bologna non riesce a connettere in attacco, Vitali fa lo stesso con il tiro da 3 successivo in attacco ma è ancora Ivanov a raccogliere tutto e a segnare l’and one che porta a +7 la Juvecaserta e a quota (!)23(!) il personale bottino. Ivanov continua ad essere un’incognita irrisolvibile per la difesa ospite ed il suo score sale a 27 dopo due liberi che ristabiliscono il massimo vantaggio Casertano sul +7(35-28). La partita viene seguita prima dalla tripla di Domercant e poi da tanti liberi sfruttati dagli ospiti per non affondare definitvamente e toccare la doppia cifra di svantaggio. A 1’16’’ dall’intervallo è +8(41-33) Caserta. Ray mette la tripla da una parte, Domercant risponde dall’altra, così lo svantaggio rimane immutato. Dopo una banale palla persa bianconera è Ray ad avere l’ultimo possesso del tempo ma la difesa di Vitali è enciclopedica, si va all’intervallo quindi sul 44-36. 10968970_805322652870957_392597594_o La partita ricomincia ma è soporifera, il ritmo è estremamente lento ed il tutto va a favorire ovviamente la squadra ospite che in modo ordinato riesce a rosicchiare qualche punto riuscendo a chiudere ogni azione d’attacco Casertana. Dopo una rimessa buttata al vento da Tommasini, Esposito decide di chiamare time out per risvegliare un po’ l’animo della squadra, che sembra essere tornata sul parquet molto spenta. Gli effetti del time out sono immediati, Vitali va a bersaglio con la tripla e riporta a 7 il vantaggio casalingo. Con l’uscita di Ivanov, dovuta al terzo fallo speso dal centro bianconero, è Vitali a prendere le redini della gara e a diventare il fulcro dell’attacco casalingo. Bologna invece continua ad appogiarsi in post a Reddic, tant’è che Esposito è costretto a spostarsi a zona per evitare i continui passaggi dentro per il post del centro statunitense virtussino. La zona sorbisce gli effetti sperati, Bologna fa fatica in attacco mentre Caserta costruisce bene, la difesa è decisiva, Domercant dall’altro lato riesce a lucrare un fallo da ray che lo manda in lunetta per tre liberi ad un secondo dalla fine. 2/3 per la guardia ex Siena che spedisce le due squadre sul 64-54 all’ultimo mini riposo. Esposito ricomincia il quarto con il quintetto piccolo ed Antonutti da 4, che riesce ad aprire bene il campo e a perfezionare le spaziature offensive dei bianconeri. Bologna non demorde però, affidandosi alle continue scorribande di Ray che non viene tenuto quasi mai difensivamente da Tommasini. Quando si entra negli ultimi 6’ di partita, Caserta è a +8(69-61). Spesso gli attachi casertani rasentano la perfezione ma vengono conclusi male, con banali e gravi errori che, a tratti, compromettono o quantomeno mettono in discussione l’andazzo dela partita. Moore fallisce due conclusioni completamente aperte da 3, mentre Gaddy non riesce a sfruttare l’evidente mis match offensivo in post con lo stesso Moore concludendo sul secondo ferro. La partita viene seguita da un paio di evidenti errori ambo ai lati, fin quando Scott mette tutti d’accordo con una bella penetrazione finalizzata con la schiacciata del nuovo +7(72-65). Ivanov fa ½ dalla lunetta, Vitali ruba e va a schiacciare per il +10(75-65) a 2 minuti e spiccioli dalla fine. Dopo la schiacciata però, Vitali fa una fesseria difensiva concedendo i tre liberi a Hazell che riporta i suoi a -7, l’attacco della Juve è ancora perfetto, ma la tripla di Scott è lunga, il contropiede Bolognese fa il suo dovere riportando a sole 5 lunghezze la distanza tra le due squadre. E’ ancora Domercant a prendersi la responsabilità servendo Moore che, fortunosamente, piazza il canestro del + 7 a tabellone. Ray sbaglia ancora in penetrazione e la schiacciata susseguente di Scott manda la partita ai titoli di coda. I restanti 40” sono d’accademia, il risultato finale è di 81-76 ma la cosa più importante è che Caserta trova la quarta vittoria consecutiva e l’aggancio a Pesaro aspettando il posticipo. MVP Basketinside: Dejan Ivanov (29 punti) CASERTA-BOLOGNA 81-76 Parziali:  17-20, 44-36, 64-54 Caserta: Mordente, Domercant 13, Antonutti 2, Capin 3, Vitali 14, Tommasini 4, Moore 2, Tessitori 4, Scott 10, Ivanov 29 Bologna: White 10, Cuccarolo 2, Gaddy 7, Imbrò, Fontecchio 4, Mazzola 4, Benetti, Hazell 21, Ray 4, Reddic 24 Arbitri: Chiari, Biggi, Weidmann

Fotogallery a cura di Alida Filauro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here