La Dinamo soffre e porta a casa la vittoria, ma Bologna è da applausi

0

C’era da riscattare un periodo difficile per entrambe le squadre, una Dinamo che aveva perso 5 delle ultime sette partite, tra campionato ed Eurocup, e una Virtus reduce da 2 sconfitte di fila patite per mano di Cantù e Pistoia. Sul parquet del PalaSerradimigni sono stati i sardi, favoriti già alla vigilia, a spuntarla contro una Bologna che ha lottato fino alla sirena finale perdendo di misura per 90-87. Orfana di Jordan, la squadra emiliana è partita male, patendo la grande aggressività offensiva di Sassari, che ha trovato in Drake Diener, autore di 24 punti, il miglior terminale d’attacco. Nonostante le ottime prove di Caleb Green (20 pt) e Gordon (11 pt) che più volte hanno provato a chiudere il match già nel terzo periodo, le V nere non si sono mai perse d’animo e hanno tenuto alto l’onore grazie all’inarrestabile Hardy, autore di 28 punti, e di un grande Walsh (26pt), perdendo il match solo nei secondi finali, quando una clamorosa bomba di Ware, a 5” dalla fine, ha rischiato di riaprire i giochi. La sconfitta di Brindisi invece ha scosso la squadra di Sacchetti che, dopo la bella prova in terra tedesca in Eurocup, culminata con una sconfitta indolore, si è saputa imporre contro la Virtus vendicando in parte la brutta sconfitta dell’andata e guadagnando punti sulle dirette inseguitrici, Cantù e la stessa Brindisi su tutte.

1° QUARTO: Parte benissimo la Dinamo che con un inarrestabile Gordon, il migliore nel quarto, piazza la prima schiacciata del match, Bologna risponde timidamente con Hardy (1/ 2 dalla lunetta), ma Sassari gioca meglio e difende con grande intensità mandando a segno in transizione Caleb Green, Gordon e Thomas. La prima metà del tempo si chiude con i sassaresi in vantaggio di 9 lunghezze (17-8), gli emiliani non si perdono d’animo e nella seconda metà del quarto rientrano prepotentemente in partita grazie alle 2 bombe consecutive di Hardy e ai canestri di King, fino a quel momento letteralmente annientato in difesa da Gordon. Nel finale si rivede in campo Travis Diener e i sardi riprendono in mano il match chiudendo il tempo in vantaggio 23-19 complici i liberi di Drake Diener.

2° QUARTO: Nel secondo periodo i biancoblù sassaresi incrementano ulteriormente il loro vantaggio tenendo per lunghi tratti il pallino del gioco: i primi timidi tentativi virtussini portati avanti da Walsh vengono respinti da una Dinamo quasi perfetta dai 6,75, sono ben 5 le triple messe a segno dagli uomini di Sacchetti che grazie a Drake Diener e Marques Green volano sul massimo vantaggio di 15 lunghezze (48-33). Bologna non molla e nel finale di quarto risponde alla grande fuori dall’arco con le triple di Hardy (il migliore dei suoi con 19 punti) che chiudono il secondo periodo sul 48-38.

3° QUARTO: Dopo il riposo lungo lo scenario del match cambia completamente: Bologna prova ad impensierire Sassari con un parziale di 5-2, ma i sardi rispondono alla grande con i propri campioni, trascinati da Drake Diener e Gordon mantengono il vantaggio in doppia cifra per metà quarto 61-48. Nella seconda metà del tempo gli emiliani non mollano e ritrovano i canestri della speranza complice il parziale di 9-0 firmato Walsh e Hardy, la Dinamo prova a ricacciare indietro gli emiliani, ma nel finale il controparziale di 6-0 delle V nere, con un canestro da cineteca da metà campo di Gaddefors, da il primo clamoroso vantaggio agli ospiti che chiudono il tempo sul 65-66.

4° QUARTO: L’ultimo quarto si apre con una pioggia di triple, apre le danze Ware che lancia gli emiliani sul massimo vantaggio di 4 lunghezze, risponde Drake Diener ancora fuori dall’area, le tre bombe di fila di Caleb Green (20° punto personale), intervallate da quella di Walsh chiudono la prima metà del tempo con i sardi in vantaggio per 77-74. Coach Bechi decide di chiamare timeout e al rientro sul parquet ritrova una grande Virtus che con King e Motum si spinge fino al -3, ma i sardi sanno respingere alla grande le folate offensive dei bianconeri e con Drake Diener, dalla lunetta, e Thomas si riportano sul +8 a 3′ dalla fine. Nel finale la Virtus spinge sull’accelleratore fino a trovare a 5 secondi dalla fine la tripla del -1, ad opera di Ware, ma dalla rimessa successiva , dopo aver subito fallo, Marques Green mette a segno dalla lunetta i liberi della sicurezza che chiudono la partita 90-87.

Dinamo Banco di Sardegna Sassari: Green M. 19, Green C. 20, Devecchi 2, Chessa n.e., Gordon 11, T. Diener 0, Sacchetti 0, Diener D. 24, Vanuzzo 2, Tessitori n.e., Thomas 10. Coach Romeo Sacchetti

Granarolo Bologna: Gaddefors 8, Hardy 28, Motum 6, Imbrò 0, Fontecchio 0, Guazzaloca n.e., Negri n.e., Gazzotti n.e., Ware 10, Pechacek n.e., King 9, Walsh 26.Coach Luca Bechi

MVP BASKETINSIDE: Drake Diener, autore di 24 punti, 4/9 da 2, 4/5 da 3, 1 assist e 27 di valutazione

Fotogallery a cura di Claudio Atzori