La Gevi Napoli rompe il digiuno nel segno di Markel Brown, Tortona è KO al PalaBarbuto

0

GENERAZIONE VINCENTE NAPOLI – BERTRAM DERTHONA TORTONA 81-76

PARZIALI: 16-15; 32-35; 63-53

NAPOLI: Pullen 16, Ennis 9, De Nicolao, Brown 16, Sokolowski 8, Zubcic 19, Owens 13, Lever, Bamba ne, Mabor, Saccoccia, Ebeling ne. All.: Milicic.

TORTONA: Ross 11, Candi 3, Strautins 12, Baldasso 14, Weems 4, Zerini 2, Noua 4, Tavernelli ne, Severini 3, Obasohan 13, Thomas 5, Radosevic 5. All.: De Raffaele.

Tortona in campo con Ross, Obasohan, Weems, Noua e Thomas, Napoli risponde con la soprese di De Nicolao al posto di Ennis e Markel Brown subito in campo, quindi Sokolowski, Zubcic e Owens.

L’impatto dell’ultimo arrivato in casa Gevi è brillante, si ricorda subito della comune militanza varesina con Owens servendogli un alley-oop al bacio, dà una mano come portatore e sembra dare quella dimensione interna che spesso manca agli attacchi azzurri. Dall’altra parte Ross ci mette un po’ a entrare in partita, specie a difesa schierata, mentre in velocità lascia subito il segno come può e come sa. Infatti per arginarlo Napoli arriva in bonus quando ancora mancano 5’09” sul cronometro, il tutto mentre lo spazio se lo prendono con efficacia Weems ma soprattutto Obasohan. Arriva così un primo allungo bianconero sul 9-15, buona comunque la reazione della Gevi, nonostante le 7 palle perse in 10′. ‘0 compensate sia dalle soluzioni di Pullen e di Zubcic, sia dalla presenza di Mabor sotto i tabelloni per dare fiato a un Owens protagonista nel break che fa rimettere il naso avanti a Napoli sul 16-15.

Nel secondo quarto De Raffaele allarga le rotazioni all’ex di turno Zerini, Candi, Strautins e Baldasso, con l’ex Olimpia subito in grande spolvero (16-20). Napoli è solo dall’arco senza neanche trovare il fondo della retina, una monotonia rotta solo da Zubcic e Pullen con palesi forzature mentre il lettone della Bertram va di tripla e transizione per il 18-27 che a 5’47” dall’intervallo costringe Milicic al time-out. Con la schiacciata di Brown e il jumper di Sokolowski Napoli non perde la scia, contando anche sui falli spesi in quantità industriale dal Derthona. La seconda tripla di Owens regala il -2 (28-30) ma il solito Baldasso rintuzza, il lungone di casa Gevi ed Ennis si prendono la squadra sulle spalle anche se non capitalizzano al meglio le gite in lunetta, fino alla sirena del 20′ Tortona sarà solo Weems dal rimbalzo offensivo (32-35).

Nella ripresa per Napoli Ennis e Sokolowski si buttano dentro ma senza visione, senza aprire per favorire la circolazione o scaricare per triple più costruite, Tortona invece non trova il miglior Ross ma ottimi spunti con Obasohan e Anoua per riallungare a +7 (35-42). La situazione sembra sfuggire totalmente di mano alla Gevi quando a 5’42” dall’ultima pausa arriva il quarto fallo tecnico a Owens e la Bertram potrebbe piazzare l’allungo definitivo. Per fortuna della Gevi ci pensa Sokolowski a trovare una tripla salvifica dalla spazzatura, sarà il primo squillo di tromba nel parzialone di 10-0 che non ti aspetti, favorito anche da un inedito ma quasi obbligato quintetto superleggero con Pullen, De Nicolao, Brown, Sokolowski e Zubcic. A salire in cattedra l’ultimo acquisto di Napoli, sia con falli subiti sia con l’assist per una bomba di Zubcic ben costruita, lo segue a ruota Sokolowski che serve Pullen piedi a posto dall’arco, mentre dopo il time-out di De Raffaele è ancora Zubcic a siglare liberi e la nuova tripla del primo vantaggio azzurro (52-48), un più quattro ribadito da Brown in risposta a Severini. Gli azzurri però non si fermano, ancora un Brown letteralmente scatenato firma il 3+1 del +7, Ennis va finalmente a segno con due tear-drop degni del suo repertorio per il +10, margine inatteso per Napoli al 30′ sul 63-53.

Partenza via nell’ultimo quarto e subito Brown dal rimbalzo offensivo per il +12 Gevi, Tortona è dalla mano quadrata anche se con un pigro Lever Napoli sale a quattro falli in un amen, De Raffaele a 7’26” mette fuori un Ross calato alla distanza. L’esatto contrario di Pullen che prima in penetrazione, poi in tear-drop e infine con un lay-up acrobatico piazza sei punti di
controllo. La Bertram però non ci sta e trova finalmente le bombe con Baldasso e Strautins (71-63), il tecnico all’ex Olimpia non abbatte i bianco-neri che si rifanno sotto con la linea di fondo griffata Strautins (72-67), Zubcic lavora di fisico e si guadagna un 4/5 ai liberi che vale il nuovo +10 Gevi, ma altre due triple di Ross e Candi riaprono tutto (77-73) con 1’07” da giocare. Al rientro azione insensata di Napoli con Owens a forzare dall’arco, in difesa Tortona strappa il rimbalzo offensivo e trova un’altra bomba di Ross, la Gevi si rifugia con i due liberi a segno di Brown, Ross sparacchia ed è sempre Brown a cogliere il rimbalzo decisivo, il quinto della sua partita, innsecando la transizione di Ennis per l’81-76 finale.