La lucidità di Trieste è essenziale e vale due punti d’oro contro una Pesaro che fa e disfa

La lucidità di Trieste è essenziale e vale due punti d’oro contro una Pesaro che fa e disfa

Al termine di uno scontro salvezza molto combattuto, la squadra giuliana ha la meglio grazie ai 22 punti di Jones ed ai 14 di Peric; inutili i 41 combinati di Barford ed Eboua

di Alessandro Kokich

L’acceso scontro salvezza tra Trieste e Pesaro, è l’unica partita di giornata che non coinvolge squadre impegnate nell’ultimo passo da compiere per ottenere le Final Eight che si disputeranno proprio nella città marchigiana; dopo 39 minuti di alta intensità da entrambe le parti, con continui break e controbreak, l’Allianz Trieste riesce a mantenere la lucidità necessaria per affrontare con tenacia tutti i secondi fino alla sirena finale, complice forse la rotazione a 10 di Dalmasson che ha sempre trovato giocatori pronti a lottare per la propria maglia, come hanno chiesto durante la partita i numerosi tifosi giuliani. Dall’altra parte invece, Pesaro si vede sfumare sul più bello la possibilità di ottenere la prima vittoria stagionale, sprecando i possessi finali che avrebbero potuto consegnare alla partita un finale diverso.

Quintetti:

Pesaro: Barford, Pusica, Williams, Eboua, Totè

Trieste: Fernandez, Cavaliero, Jones, Peric, Mitchell

 

1° QUARTO: Lo scontro salvezza parte su ritmi molto alti, con Pesaro che si affida ai giovani “lunghi” italiani con Eboua che mette a segno una schiacciata da replay ed una tripla con fallo mentre i triestini cercano soluzioni dall’arco. Peric con 5 punti mette in parità le due squadre a quota 12 dopo metà frazione, con Jones che fa segnare il nuovo vantaggio ospite; Eboua segna un’altra tripla con Williams che converte altrettanti punti dalla lunetta ma Fernandez impatta nuovamente. Jones esegue una schiacciata da highlight ma una VL più concentrata ha la meglio nella prima frazione che si conclude con una tripla di Elmore sul punteggio di 27-25.

 

2° QUARTO: Così come aveva terminato, Elmore ricomincia piazzandone altre due ma la Carpegna Prosciutto risponde colpo su colpo con Williams, mentre il giovane camerunense marchigiano firma un altro clamoroso tap-in portando i suoi sul 37-31 dopo metà quarto. Jones prova a guidare la rimonta ospite, completata poi da Fernandez con la VL che aveva per qualche minuto perso quel gioco di squadra iniziale; Williams segna il controbreak di 5-0, con Fernandez che ricuce lo strappo al 18’. Jones firma il nuovo sorpasso e Fernandez mette un possesso pieno di vantaggio, ma il canestro finale di Barford vale il 47-48 dopo metà gara, con la Carpegna Prosciutto che sbaglia il tap-in del sorpasso sulla sirena.

 

3° QUARTO: La VL riprende a coinvolgere Totè che si fa trovare subito pronto ma un seguente appannamento locale regala agli ospiti canestri facili per Peric e Mitchell che riportano i giuliani in vantaggio sul 52-54 dopo 4’. Cavaliero assiste perfettamente il suo pivot, il quale, grazie alla visione dei suoi compagni si mette in proprio con 3 canestri che valgono il +6. Barford ferma il pericoloso break con 6 punti in 2 azioni ed Eboua firma l’esile vantaggio, poi colmato da Jones. In chiusura di frazione, con un tiro per parte, entrambe le compagini cercano due complicate triple che lasciano invariato il punteggio, fermo sul 64 pari.

 

4° QUARTO: Eboua continua a ritoccare il suo massimo di punti ma Cooke e Justice si iscrivono a referto nel momento giusto firmando il nuovo sorpasso; Jones scollina quota 20 ma la tripla di Zanotti dice nuova parità a quota 70 a 7’ dal termine. Cooke apporta altri 2 preziosi canestri che valgono il +4 a metà frazione, e mentre la mente dei locali comincia ad appannarsi cercando continuamente isolamenti, gli ospiti trovano il +8 a 200 secondi dal termine. Zanotti trova due preziosi liberi mentre Eboua concretizza nell’aziona successiva; dopo 3 errori Williams firma il -2 a 80 secondi dal termine ma Fernandez rimette due possessi di distacco. Nei possessi successivi però, lo stesso giocatore è responsabile di una tripla sul tabellone e di un 3 contro 1 che termina con una palla persa che vale due punti in classifica, raccolti da Cavaliero e soci. Finisce 76-82 tra i non più insoliti, fischi locali.

 

MVP Basketinside: DeQuan Jones (20 punti, 7/15 dal campo, 4 rimbalzi)

CARPEGNA PROSCIUTTO BASKET PESARO – ALLIANZ PALLACANESTRO TRIESTE: 76-82 (27-25, 20,23, 17-16, 12-18)

Pesaro: Barford 21, Drell ne, Mussini, Williams 14, Pusica 5, Miaschi, Eboua 20, Thomas ne, Totè 5, Zanotti 11 All. Giancarlo Sacco

Trieste: Coronica 1, Cooke 8, Peric 14, Fernandez 13, Jones 20, Strautins, Janelidze ne Cavaliero 4, Da Ros, Mitchell 9, Elmore 9, Justice 4 All. Eugenio Dalmasson

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy