La Reyer ferma Cremona e continua la striscia di vittorie tra campionato ed EuroCup

La Reyer ferma Cremona e continua la striscia di vittorie tra campionato ed EuroCup

Decisive la giocate di Daye e Watt, il tutto in attesa del nuovo arrivato Goudelock

di Marco Muffatto

Parziali: 21-15; 37-32; 55-45

Spettatori: 3.206

Reyer Venezia: Casarin , Stone, Bramos , Tonut 7, Daye 16, De Nicolao 10, Chappell 8, Filloy , Vidmar 5, Cerella 6, Pellegrino N.e., Watt 15. All. De Raffaele

Vanoli Cremona: Saunders 11, Mathews 7, Zanotti N.e., Sanguinetti , Gazzotti 2, Diener N.e., Sobin 2, De Vico, Tiby 8, Stojanovic 13, Palmi 10, Akele 2. All. Sacchetti

Dopo l’avvincente semifinale scudetto dell’anno scorso, dove Venezia ha avuto la meglio solo alla quinta partita ribaltando il fattore campo, Cremona torna al Taliercio dopo aver superato Milano nell’ultima giornata.

Per la Reyer non è ancora arrivato il transfer per l’ultimo arrivato Goudelock, mentre la squadra di Coach Sacchetti dovrà fare a meno di Ruzzier e di un Diener cambiato solo per onor di firma.

In avvio del primo quarto Stojanovic da una parte e Daye e Vidmar dall’altra tengono la partita in equilibrio fino a quando iniziano i cambi dove Venezia fa entrare Watt che fa sentire il peso sotto canestro e porta la Reyer sul +5. Gira bene la palla nell’attacco orogranata che trova quasi sempre un buon tiro sfruttando soprattutto la buona serata di Daye, chiudendo il primo parziale sul +6.

In apertura del secondo quarto la Reyer prova un tentativo di allungo alzando intensità difensiva, ma la scarsa precisione ai liberi dei veneziani e i canestri di Mathews e Sobin tengono Cremona a contatto. Calano un po’ le percentuali da ambo le parti e la partita si accende coinvolgendo il sempre caldo pubblico del Taliercio, e dopo una palla persa da Casarin che genera un contropiede di Saunders che permette a Cremona di chiudere sotto solo di 5 punti.

A metà del terzo quarto le squadre segnano col contagocce e Venezia ne approfitta per scappare sul +10 grazie alla seconda tripla della partita di De Nicolao. Il finale di frazione porta il nome di Chappell che prova a dare lo strappo decisivo, ma Palmi prima e Saunders poi tengo il parziale invariato sul -10 Cremona.

L’ultimo quarto continua con errori da una parte e dall’altra tenendo il punteggio basso e rendendo quindi difficile la rimonta da parte di Cremona nonostante un Palmi che è tra gli ultimi a non vuole mollare. Molti fischi da parte della terna arbitrale rendono il finale molto spezzettato e la partita corre via e si chiude sul 67 a 55 per la Reyer Venezia.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy