La Scandone torna nell’oblio, l’Upea sbanca con merito il Del Mauro

0

Dopo la beffa delle Final Eight, la Scandone Avellino trova una nuova sconfitta, stavolta per mano dell’Upea Capo d’Orlando, che ha espugnato meritatamente il PalaDelMauro al termine di una gara condotta per quasi tutto il tempo. Nel primo tempo, di fatto, la Sidigas è rimasta con la testa a Desio e la dimostrazione lampante è rappresentata dalla miseria dei 24 punti messi a referto fino al 20’, mentre gli ospiti, seppur non eccellendo nel gioco, hanno tenuto bene in fase offensiva. Nel terzo quarto la squadra di Vitucci è, però, ritornata prepotentemente in gara mettendo anche il naso avanti alla terza sirena, per poi sciogliersi di nuovo nei minuti finali della partita che l’Orlandina ha vinto alla fine con 10 punti di margine. MVP del match è l’immortale Gianluca Basile (40 anni suonati), che ha trascinato i suoi con 13 punti (3/3 dall’arco), ben coadiuvato dai lunghi Archie (12) e Hunt (13 e 9 rimbalzi). Alla Scandone non bastano la doppia-doppia di Anosike e i 15 punti di un Gaines troppo discontinuo. Vittoria fondamentale, dunque, per i siciliani in chiave salvezza, mentre Avellino ora vede allontanarsi l’obiettivo playoff.

STARTING FIVE
Sidigas: Gaines, Banks, Hanga, Harper, Anosike.
Upea: Henry, Basile, Soragna, Archie, Hunt.

CRONACA
PRIMO TEMPO: Parte forte l’Orlandina che con Hunt e Archie si porta subito sul 2-8 al 3’, prima di costringere Vitucci a chiamare timeout già al 5’ quando il punteggio dice 9-14 in favore dei siciliani, trascinati sempre dai due lunghi statunitensi. Dopo il minuto di sospensione non cambia nulla, anzi: salgono in cattedra gli esperti Soragna e Basile che con cinque punti consecutivi portano l’Upea sul +10 al 7’ (9-19). Dopo addirittura il massimo vantaggio di +12, la Scandone prova a scuotersi un po’ grazie ai suoi gregari (Trasolini e Cadougan su tutti) e chiude il primo periuodo sotto solo di sei (15-21). Dopo quattro punti di un redivivo Nicevic, Trasolini e Cavaliero riportano la Sidigas a -5 al 13’ (20-25), ma l’Upea si mostra più solida e con ancora Nicevic e Hunt si riporta sul +11 al 16’ (20-31); Avellino tira con percentuali imbarazzanti, il quarto infatti si conclude con soli 24 punti totali messi a segno dai locali e lo svantaggio sempre nettamente a favore degli ospiti: 24-35.
SECONDO TEMPO: Dopo quasi 24’ di gioco si sbloccano sia Harper che Banks, che danno letteralmente la scossa alla Scandone: la tripla di Gaines firma il parziale di 11-4 e partita riaperta completamente, 37-39 al 24’ (timout Griccioli). La reazione dell’Upea però è rabbiosa e porta le firme di Basile e Henry, che dall’arco riportano i siciliani a +6 (43-49 al 28’), ma la Sidigas sembra voglia davvero fare sul serio e riesce a chiudere in vantaggio il terzo periodo grazie alla tripla di Harper a 1’’ dalla sirena (50-49 al 30’, primo vantaggio dell’intera partita). In avvio di ultimo quarto la Scandone trova il +5 con i canestri di Hanga e Harper, ma l’Orlandina non molla e resta a contatto trascinata da Soragna e Archie (59-56 al 34’). Un rocambolesco gioco da tre punti dell’ex Pecile riporta avanti l’Upea, ma Gaines risponde con tenacia dall’arco, prima dell’1/2 dalla lunetta di Hunt che fissa il punteggio sul 64-63; Capo d’Orlando però piazza nel momento cruciale un parziale di 0-6 che taglia le gambe alla Sidigas, che entra nell’ultimo minuto sotto di 5 lunghezze (64-69 al 39’); gli ospiti non devono far altro che amministrare il vantaggio: classica girandola di liberi la partita si chiude col punteggio di 65-75.

MVP basketinside.com: GIANLUCA BASILE – 13 punti (3/3 da tre), 5 rimbalzi, 5 assist e 25 di valutazione

SIDIGAS Avellino 65-75  UPEA Capo d’Orlando
Parziali: 15-21; 24-35; 50-49

AVELLINO: Anosike 10, Gaines 15, Cadougan 2, Gioia n.e., Hanga 11, Banks 7, Cavaliero 5, Cortese, Trasolini 4, Severini n.e., Lechthaler, Harper 11. Coach: Vitucci.
T2: 18/46  – T3: 8/27  – TL: 5/8 – Rim: 48 – PR: 5 – PP: 16 – Ass: 13 – Val: 64

CAPO D’ORLANDO: Archie 12, Hunt 13, Basile 13, Soragna 9, Motta n.e., Nicevic 10, Pecile 6, Karavdic n.e., Henry 12, Bianconi n.e. Coach: Griccioli.
T2: 24/44  – T3: 5/11  – TL: 12/18 – Rim: 32 – PR: 6 – PP: 10 – Ass: 16 – Val: 88

Arbitri: Lanzarini, Vicino, Quarta.

Fotogallery a cura di Luciano De Maio