La Segafredo non sbaglia all’esordio: Roma va ko al Paladozza

La Segafredo non sbaglia all’esordio: Roma va ko al Paladozza

La Segafredo controlla per tutta la sfida, salendo anche fino al +22: nel finale Roma torna sul -5, ma Weems porta i due punti a Bologna.

di Francesco Strazzari

SEGAFREDO BOLOGNA – VIRTUS ROMA 74-67 (17-16, 23-13, 24-23, 10-15)

Esordio al Paladozza per la Virtus Segafredo, sempre senza Milos Teodosic, che ospita la neopromossa Roma, priva a sua volta di Jefferson e Dyson. La gara rimane in equilibrio solamente nella prima parte, in particolare nel primo quarto, dove Pini e Buford mettono a dura prova la difesa bianconera. La svolta in casa bolognese arriva con l’ingresso sul parquet di Frank Gaines, che garantisce imprevedibilità all’attacco di Djordjevic.

Le sue giocate, insieme a quelle di Gamble e all’assistenza di Markovic, mettono in moto la Vunera, che nel secondo periodo prova già a dare una spallata decisiva alla partita. All’intervallo sono 11 le lunghezze che separano le due squadre, con Ricci in grande spolvero negli ultimi minuti. L’avvio di ripresa è tutto di marca Weems, che in un amen sale a quota 17 punti e fa volare la Virtus sul +22. La partita sembra in sostanza finisce lì, con Roma che però tenta un disperato recupero, guidata dal talento di Buford e Kyzlink, risalendo fino al -5 nell’ultimo minuto di gara. La Segafredo però chiude definitivamente i giochi con, portando a casa i primi due punti della stagione. MVP di serata Kyle Weems, che chiude in doppia doppia con 19 punti e 10 rimbalzi, assistito da un silenzioso Markovic (9 rimbalzi e 12 assist).

Al Paladozza finisce 74-67. Prossimi impegni: domenica in Toscana per Bologna, che farà visita a Pistoia; esordio casalingo per Roma, che ospiterà Brindisi.

Quintetto Segafredo: Markovic, Cournooh, Weems, Ricci, Gamble

Quintetto Roma: Baldasso, Kyzlink, Buford, Pini, Moore

Avvio di gara positivo per i capitolini, che aprono le danze grazie ad una tripla di Pini. Roma sembra più in ritmo e arriva fino al 2-7, ma l’ingresso di Gaines scuote la Segafredo. Le sue giocate e l’intensità di Gamble sotto il tabellone riportano i padroni di casa avanti sul 12-10. Buford è l’uomo a cui gli uomini di Bucchi si affidano in avvio di gara: l’americano chiude a quota 8 la prima frazione. Dopo i primi 10′ Baldi Rossi e compagni sono avanti 17-16.

Gara a punteggio e ritmo basso, con tanti errori da una parte e dall’altra. Roma, priva di Dyson e Jefferson, fatica a costruire in attacco, mentre la Virtus è molto imprecisa e spreca diverse occasioni per allungare. Un assist al bacio di Markovic per l’appoggio di Gamble porta la squadra di Djordjevic al massimo vantaggio (26-20) a metà secondo quarto, costringendo Bucchi al timeout. L’ex Fortitudo Pini fa soffrire i bianconeri e con un gioco da 3 punti costringe Gamble al terzo fallo personale, salendo anche in doppia cifra (12). Si alza finalmente il ritmo e la Segafredo cambia marcia: 5 punti in fila di Ricci fanno esplodere il Paladozza, con i bolognesi che salgono sul +8 (33-25). Il finale di primo tempo è tutto di marca bianconera e all’intervallo il tabellone recita 40-29.

Si riaprono le danze con Roma che passa a zona, ma viene subito bucata da una tripla di Weems dall’angolo. Sempre l’ex Tofas Bursa diventa, poco dopo, il miglior realizzatore della Segafredo, approfittando del solito pallone perfetto di Markovic (51-34). L’americano non si ferma più e ne infila altri 5, facendo alzare in piedi tutto il pubblico di casa: sono già 17 i punti a referto per il numero “34”, con la Virtus in totale controllo sul +22. Qualche acuto del solito Buford tiene aperte le speranze degli uomini di Bucchi, che risalgono e chiudono il terzo periodo dietro di 10 lunghezze (64-52).

Non si segna quasi mai in apertura di ultimo quarto, con il punteggio sul 68-57 dopo oltre 5′ di gioco. Grande intensità e troppi errori, con Ricci che riesce a trovare finalmente il fondo della retina, con il suo nono punto personale. Gli ospiti non si arrendono e, complice una Segafredo poco cinica, tornano fino al -8 grazie al canestro di Kyzlink (70-62). Il finale mette apprensione a Djordjevic, perché i suoi non segnano più e vedono Roma tornare fino al -5 a 50″ dalla fine. I due punti però vanno a Bologna, che chiude il match sul punteggio di 74-67.

Tabellino Virtus: Gaines 14, Deri N.E., Solaroli N.E., Pajola 2, Baldi Rossi 8, Markovic 1, Ricci 9, Cournooh 4, Hunter 12, Weems 19, Nikolic N.E., Gamble 5

Tabellino Roma: Moore 4, Alibegovic 7, Rullo, Dyson N.E., Baldasso 10, Pini 12, Farley, Spinosa N.E., Buford 17, Kyzlink 17

BASKETINSIDE MVP: Kyle Weems (19 punti, 10 rimbalzi, 4 assist e 24 di valutazione)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy