La Sutor alza la testa in mezzo alle mille difficoltà: Bologna cade al PalaSavelli

0

Il commento: Rimaneggiati, stanchi, alle prese con ritardi nei pagamenti degli stipendi, ma vittoriosi. Gli uomini di coach Recalcati, in mezzo al marasma dei problemi societari, non hanno steccato e superato la Virtus Bologna, distendendo così gli animi in casa Sutor. In pochi, d’altronde, dopo una settimana così travagliata tra dichiarazioni pungenti e allenamenti disertati, avrebbero previsto un successo gialloblu questa sera, contando anche il peso dell’assenza di Josh Mayo. La sfida si è decisa nel finale, dopo una rimonta virtussina dal -10 nel terzo periodo. Nel concitato minuto finale, Montegranaro si è prima portata sul +4 a 19 secondi dalla fine, ma è finita poi per gettare tutto al vento e a regalare a Bologna la palla della vittoria. Il ferro non è stato però benevolo sulla tripla di Walsh, e la compagine marchigiana ha potuto festeggiare la sua sesta vittoria in stagione. Vittoria che assume ancor più valore per una Sutor finalmente efficace in difesa, visto lo scivolone di Pesaro a Siena proprio ad una settimana dal derby. Monumentale la prova di capitan Cinciarini, autore di 23 punti, così come quella di un inesauribile Doum Lauwers, che ha aggiunto ai suoi 22 punti tanta intensità ed esperienza. Male invece la Virtus, alle prese con la nona sconfitta nelle ultime 12 partite; sembra che nemmeno il cambio di coach sia bastato per risollevare le sorti delle V Nere. Da segnalare comunque l’ottima prova di Matt Walsh, che malgrado l’errore negli istanti finali, ha timbrato una doppia doppia da 14 punti e 10 assist.

Starting Five

Sutor Montegranaro: Lauwers, Cinciarini, Sakic, Mazzola, Campani.
Granarolo Bologna: Ware, Walsh, Gaddefors, Motum, King.

La cronaca: Regna l’equilibrio in avvio di gara: le due formazioni restano attaccate, senza mai riuscire a scavare un break considerevole. Ci provano i padroni di casa dopo 9’, grazie ad un parziale di 9-0 (gioco da 3 punti di Cinciarini, gioco da 4 punti di Lauwers) che vale il 26-17, ma un canestro pazzesco allo scadere di Fontecchio impedisce la fuga alla Sutor, che arriva alla prima pausa breve sul +6. Il gap resta pressoché invariato sino agli ultimi minuti prima dell’intervallo, quando Montegranaro arriva a sfiorare la doppia cifra di vantaggio (46-37 al 17’), tentando il primo vero allungo; la Virtus però non ci sta e, in virtù di un altro clamoroso canestro di Fontecchio sulla sirena, arriva alla pausa lunga sotto 44-48.

Al ritorno in campo, la Sutor non si tira indietro: break di 8-1 ed è 56-45 al 23’. Bologna non demorde ed in men che non si dica ritorna a distanza irrisoria (58-55 alla metà del terzo quarto), spinta dal solito Ware; le V Nere completano l’opera con una schiacciata di King, che vale il pareggio dopo un notevole 16-6 di parziale. La penultima frazione che si chiude 64-62 in favore dei padroni di casa, in debito di ossigeno. Le due squadre se la giocano punto a punto nel quarto periodo, senza riuscire a centrare l’allungo decisivo. Si giunge ai due minuti finali in situazione di completa parità (78-78): la Granarolo centra il vantaggio con Ware a 1’15’’ dalla sirena, rispondono gli uomini di Recalcati con un fallo e canestro di Mazzola che vale l’81-80. La Granarolo perde palla nell’azione successiva, e Montegranaro ha a disposizione la palla per chiudere la partita a 43 secondi dalla conclusione. L’attacco è fermo, ma allo scadere dei 24 Cinciarini mette una pazzesca tripla in step-back, che vale il +4 con 19 secondi da giocare. Match chiuso? Neanche per idea. Montegranaro rischia di mandare tutto all’aria prima con un 1/2 di Cinciarini, e poi buttando il pallone nell’azione successiva. Ware sul -1 si prende la responsabilità e spara frettolosamente una tripla, ma è solo ferro. E la Sutor può festeggiare.

MVP Basketinside.com: Daniele Cinciarini – 23 punti, 4/6 da 2 punti, 3/5 da 3 punti, 6/9 ai liberi, 4 assist, 24 di valutazione.

SUTOR MONTEGRANARO 86–84 GRANAROLO BOLOGNA

Sutor Montegranaro: Cinciarini 23, Sakic 10, Mayo, Tessitore 3, Rossi, Lauwers 19, Cantarini n.e., Campani 9, Mazzola 11, Mitrovic 6, De Fenza n.e., Skeen 5.
Granarolo Bologna: Gaddefors 6, Hardy 14, Motum 10, Fontecchio 6, Landi n.e., Negri n.e., Gazzotti n.e., Ware 16, Bianconi n.e., King 8, Walsh 14, Ebi 10.

Fotogallery a cura di Paolo Centanni