La Virtus alza i giri nel terzo quarto e vince in scioltezza contro Pesaro

Recap del recupero dell’ottava giornata tra Virtus Bologna e Pesaro

di Luca Montanari
Virtus Pesaro

I QUINTETTI

Quintetto Virtus: Teodosic – Markovic – Weems – Ricci – Gamble

Quintetto Pesaro: Robinson – Tambone – delfino  – Cain – Filipovity

 

 

IL COMMENTO

 

PRIMO QUARTO

Pronti e via, Pesaro vince la palla a due e Cain segna i primi due punti della gara. La Virtus inizia benissimo soprattutto grazie ai due serbi, 2 triple di Teodosic e una di Mr. Stefan Markovic mettono subito avanti le V nere di 5 lunghezze. Gamble si unisce alla festa e si firma anche lui a tabellino con il suo marchio di fabbrica dal post basso e una stoppata su Robinson in entrata. Tessitori è costretto ad uscire dal campo dopo un brutto atterraggio sulla caviglia, probabile sia una distorsione ma aspettiamo di saperne di più. Pesaro gioca molto bene e si vede, Robinson gestisce benissimo in attacco e Tambone  è una certezza in questo inizio di partita, 9 punti in fila per lui nel finale. Belinelli entra in campo e segna subito due punti con il suo jumper dalla media. Finisce un bellissimo primo quarto sul 22 – 22.

 

SECONDO QUARTO

I primi punti sono di Pesaro con Zanotti che segna 4 punti in fila. Per la Virtus Adams si mette in moto e 5 punti in fila arrivano in un attimo. 30 – 29 Virtus dopo 3 minuti di gioco. Ancora Adams è protagonista di una super giocata, schiacciatona in tap in per correggere il jumper di Weems. Il ritmo è altissimo e le triple piovono come nulla fosse, infatti le percentuali dall’arco sono altissime, 54% per la Virtus e 42% per Pesaro. Da segnalare Markovic che è 3/3. La Virtus prende ritmo e in un amen si mette avanti di 7 lunghezze, massimo vantaggio di serata. Robinson sta facendo una partita stupenda, per lui sono già 10 punti e 5 assist. Pesaro gioca benissimo ma quando la Virtus difende non c’è attacco che tenga, le 3 stoppate consecutive dei bianconeri rendono bene l’idea dell’intensità difensiva. Weems sbagli completamente l’ultimo possesso difensivo concedendo una facile tripla dall’arco, ma fortunatamente con ancora qualche secondo sul cronometro rimette il punteggio a posto segnando una super tripla, placata almeno in parte l’ira di Djordjevic. Si va negli spogliatoi sul 49 – 41 Virtus.

 

Statistiche all’intervallo Virtus: 53% da due, 56% da tre, 67% ai liberi, 5 palle recuperate, 7 palle perse

Statistiche all’intervallo Pesaro: 63% da due, 43% da tre, 100% ai liberi, 4 palle recuperate, 7 palle perse

 

TERZO QUARTO

Robinson si prende di forza i primi punti di apertura, vola in entrata, segna e subisce il fallo di Markovic. Pesaro tenta di avvicinarsi ancor di più anche grazie a Cain ma la Virtus mantiene bene i 7 punti di vantaggio. Ancora una volta il ritmo si alza molto e con lui anche le percentuali, i due protagonisti di questo quarto sono sicuramente Teodosic e Robinson. Il primo è già a quota 17 punti e 4 assist l’altro è a 13 punti e 8 assist. A 4 minuti dal termine la Virtus è avanti di 9 lunghezze. Gamble è una torre infermabile dentro l’area, lo abbiamo visto più volte e oggi lo conferma di nuovo. Per lui 9 punti con 4/4 dal campo e 20 di valutazione. Pesaro non molla ma ad ora la Virtus ne ha di più, con i due liberi di Belinelli a 2:05 dalla fine il vantaggio diventa di +13. Ottima azione offensiva della virtus, dopo numerosi passaggi e il tipico movimento Djordjevic, Belinelli non perdona da 3 punti e porta il suo bottino a 12 punti. Finisce terzo periodo sul 75 – 58 Virtus.

 

QUARTO QUARTO

Ultimo quarto che inizia sull’onda della gestione dei possessi da parte della Virtus che, giustamente, non ha alcuna intenzione di aumentare il ritmo. Filipovity e Robinson segnano i primi 4 punti pesaresi. Dopo i primi 2 di Weems passano altri due minuti prima di un nuovo canestro delle V nere, ma la loro difesa non permette a Pesaro di rifarsi sotto. Partita clamorosa di Markovic che segna un’altra tripla, per la precisione la sua quarta su sei tentativi. Sono 5 i giocatori in doppia cifra della Virtus: Adams 10, Markovic 12, Belinelli 13, Weems 14, Teodosic 19. Tambone segna la sua terza tripla ma ormai la Virtus è volata già sul +19, partita che ormai è ai titoli di coda. Belinelli trova la sua terza tripla di serata ma la vera magia è quella di Markovic, segna la sua quinta tripla e mette il punto esclamativo sulla sua clamorosa partita. Finisce 100 a 80 per le V nere queste recupero dell’ottava giornata di Serie A.

 

FINE PARTITA

Tabellino Virtus: Alibegovic 1, Hunter 2, Adams 10, Markovic 15, Tessitori 2, Weems 14, Ricci 11,  Abass 1, Deri 0, Gamble 9, Belinelli 16, Teodosic 19

Tabellino Pesaro: Drell 14, Filloy 3, Calbini 0, Cain 13, Robinson 15, Tambone 13, Basso 0, Serpilli 0, Filipovity 7, Zanotti 12, Delfino 3, Mujakovic 0

Risultato Finale: 68 – 73

MVP Basketinside: Stefan Markovic

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy