LBA Finale, G2: Jaiteh e Shengelia dominano in area, la Virtus Bologna si rialza e batte l’Olimpia. 1-1 ora si va a Milano

0
LBA Virtus Olimpia

Secondo atto della Finale Scudetto LBA tra Virtus Segafredo Bologna e Olimpia Milano, 48h dopo il primo round aggiudicato dagli uomini di Ettore Messina che hanno subito invertito il fattore campo.

QUINTETTO VIRTUS BOLOGNA: Hackett, Teodosic, Weems, Shengelia, Jaiteh.

QUINTETTO OLIMPIA MILANO: Rodriguez, Shields, Datome, Bentil, Hines.

Parte meglio l’Olimpia, più concentrata in difesa e più cinica in attacco. La Virtus Bologna fatica tanto a trovare ritmo e paga Tornike Shengelia “battezzato” da 3 punti. Il georgiano sbaglia 3 tentativi dalla lunga distanza senza difensore e l’Olimpia ha così modo di andare in contropiede. Kyle Hines commette subito 2 falli, ma l’impatto di Paul Biligha è ottimo, soprattutto in difesa. Milano gioca meglio, ma la Virtus rientra in partita d’orgoglio. Weems e l’energia di Jaiteh sotto canestro danno una spinta alle V nere, ma l’Olimpia non si fa intimorire. Shavon Shields è onfire, con 9 punti già in questo primo quarto. +6 Milano dopo 10 minuti di gioco.

Il secondo quarto si apre con la Virtus determinata a rimontare lo svantaggio ed evitare di rincorrere tutta la partita come in G1. Marco Belinelli si accende e con due triple riporta le V nere a stretto contatto nel punteggio. L’Olimpia soffre, ma resiste con un Gigi Datome molto positivo in questo secondo quarto. Tanti contatti, tanti fischi in questa serata, in una partita molto fisico come la prima G1 delle LBA Finals tra Virtus e Olimpia. É buona la reazione di Toko Shengelia, il quale si scuote e fa la voce grossa nel pitturato. All’intervallo è 38-38.

LBA Virtus Olimpia

La Virtus Bologna prova a scappare più volte, con l’Olimpia che resta attaccata alla partita con le unghie e con i denti. Il terzo quarto vede dominare letteralmente Toko Shengelia, con una reazione da grande campione dopo un primo quarto difficile. Milano ha l’attacco che si inceppa in più occasioni, ma è brava a trovare vari protagonisti. Se Shields, Rodriguez e Hines non incidono, ci pensa Devon Hall a prendersi le responsabilità. A 10 minuti dal termine tutto è da decidere, con la Virtus Bologna avanti di 1 punto su una Milano dura a morire.

L’ultimo quarto si apre con Belinelli pronto a prendersi le responsabilità da leader che Coach Scariolo vuole da lui. Sempre alto il livello dell’intensità della partita, con botte anche proibite tra Virtus e Olimpia come ampiamente prevedibile in una gara di LBA Finals. Importantissima l’intensità e l’energia di Alessandro Pajola nei due lati del campo, molto utile nelle palle 50-50 e nel lavoro difensivo su Rodriguez. Teodosic illumina, Shengelia finalizza, la Virtus prende il largo nel finale. L’Olimpia prova la difficilissima rimonta, ma sembra aver terminato le energie. Il finale vede l’Olimpia alzare bandiera bianca e la Virtus festeggiare. Serie sul 1-1 che ora si trasferisce al Forum tra 48h già in campo.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – OLIMPIA MILANO 75-68 (17-23, 21-15, 17-16, 19-14)

MVP BasketInside: Tornike Shengelia

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Tessitori, Pajola 7, Jaiteh 11, Shengelia 22, Weems 9, Cordinier, Mannion 2, Belinelli 10, Alibegovic 4, Hackett 5, Sampson 2, Teodosic 3.

OLIMPIA MILANO: Grant 3, Ricci 1, Biligha 4, Hall 16, Baldasso, Melli 5, Rodriguez 10, Shields 15, Alviti, Hines, Bentil 3, Datome 11.