LBA QF – G3: A Bologna servono 5 minuti extra per battere Treviso e volare in semifinale

0

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 100-105 (25-24, 61-46, 70-68, 93-93)

TREVISO: Logan 25, Russell 19, Faggian ne, Vildera 6, Bartoli ne, Imbrò 7, Piccin, Chillo 10, Mekowulu 16, Sokolowski 8, Akele 4, Lockett 5.

BOLOGNA: Deri ne, Belinelli 10, Pajola 25, Alibegovic 3, Markovic 11, Ricci 10, Adams 4, Hunter 8, Nikolic ne, Teodosic 17, Gamble 10, Abass 7.

I QUINTETTI

TREVISO: Russell, Logan, Sokolowski, Akele, Mekowulu.

BOLOGNA: Markovic, Belinelli, Abass, Ricci, Gamble.

PRIMO PERIODO

Pronti via ed è subito 3-0 Virtus con la tripla di Abass, ma Treviso risponde con 5 punti della coppia Mekowulu & Russell (5-3). La partita, fin dall’inizio, si dimostra divertente con le squadre a giocare ad un ritmo altisissimo, i due giorni di riposo hanno sicuramente giovato ad entrambe le formazioni. Il primo periodo si evolve sui binari della parità, con alterni vantaggi fatti di parziali e controparziali. A due minuti dalla fine, dopo aver subito un parziale di 6-0 che vale il +3 alla De’ Longhi con la triple di Chillo e Russell, Djordjevic chiama il primo time out del match (21-18, 2:00). Al rientro in campo Pajola fa la voce grossa e segna due importanti triple, dimosrando ancora una volta di essera l’ago della bilancia bionconero in questa serie. La prima frazione si conclude con i padroni di casa in vantaggio di una lunghezza sul 25-24.

SECONDO PERIODO

Le Vu nere partono forte in questa seconda metà di primo tempo e, sulle ali del solito Pajola, tentano un primo allungo portandosi sul +6 (33-39). Treviso però è brava a non perdere la concentrazione, prima si ricompatta nella metà campo difensiva stringendo le maglie e poi torna a macinare canestri, e così a poco più di tre minuti dalla pausa lunga ritrova il vantaggio costringendo la panchina bolognese al time out (45-44). L’inerzia ora è tutta in favore della squadra della Marca che, con un parziale aperto di 10-0, si porta sul +8 prima che Teodosic accorci conn due tiri liberi (52-46). Ma Logan fa vedere a tutti che è lui l’alieno e con 2 triple, spalleggiato da un ottimo Russell, anche lui caldissimo da oltre l’arco, scrivono per la De’ Longhi un parziale di 9-0. Il parziale complessivo degli ultimi 3 minuti è aggiornato quindi a 19-2, con i felsinei senza canestri dal campo. Questo primo tempo si conclude 61-46, con Russell ad esultare davanti al presidente Vazzoler dopo la tripla finale.

TERZO PERIODO

La De’ Longhi è a dir poco fredda e la Segafredo piazza un 6-0, caricando di 3 falli TVB, in poco meno di tre minuti costringendo Menetti al time out discrezionale (61-52, 7:14). Al rientro in campo la musica non cambia e Hunter piazza il -7, prima che finalmente Treviso ritrovi la via del canestro con gli imperituri Logan e Russell. Ma la vera notizia positiva per i padroni di casa sono i due falli in serie di Markovic, che lo portano a quota 4. La Virtus continua imperterrita la sua rimonta e rientra a -2 con la tripla di Ricci prima che che lo staff trevigiano chiami nuovamente time out (68-66, 3:40). Gli ultimi tre minuti sono una vera e propria guerra con gli arbitri a mangiarsi il fischietto in più di qualche occasione. All’alba dei, forse, ultimi dieci minuti, il tabellone vede ancora TVB in vantaggio 70-68, con la partita tornata punto a punto come nel primo quarto.

QUARTO PERIODO

La Segafredo trova un’immediata parità, ma la De’ Longhi si porta subito in vantaggio di due possessie Djordjevic non ci pensa due volte a interrompere subito il gioco (74-70). A 6:46 dalla fine Markovic commette il proprio quinto fallo, per di più concedendo a Lockett il gioco da tre punti. Il pitturato è un vero e proprio mattatoio e i protagonisti di quest’ultima frazione, per il momento, sono Pajola e Lockett con le loro difese (86-81, 3:20). Ancora una volta è Pajola a prendere per mano i compagni e con 5 punti firma la nuova parità a quota 87, ora manca solo un minuto. Todosic segna la tripla frontale del +3 bianconero e ora le redini sono in mano agli ospiti (87-90, 00:25). Mekowulu riporta i suoi a -1 con due liberi, ma Treviso non riesce a fare fallo e i secondi passano. Belinelli dalla lunetta non trema e ora a TVB serve una tripla per andare all’overtime. Menetti chiama time out per organizzare gli ultimi 12 secondi (89-92). Ora inizia la sfida a dadi dalla lunetta: Logan fa 2 su 2, mentre Pajola commette il primo errore della sua partita con un 1/2. È il turno di capitan Imbrò, non di certo alla sua miglior uscita stagionale, ma il numero 12 è glaciale e regala la parità ai Treviso (93-93, 00:07). L’ultimo tiro di Teodosic si spegne sul ferro, suona la sirena: è overtime.

OVERTIME

Pajola si fa immediatamente perdonare il libero sbagliato con gli interessi segnando la tripla del +3. Ricordiamo che le squadre sono prive di Markovic e Sokolowski fuori per 5 falli. La De’ Longhi risponde con un canestro di Mekowulu per il -2. Bologna sembra avere un pizzico in più di energia e si porta sul +4 con una schiacciata di Gamble, Russell però lo annulla dalla lunetta (98-100, 00:40). Treviso ha ancora un’opportunità grazie alla persa di Teodosic, ma in attacco non trova il canestro. La Virtus ha troppo talento per commettere due errori consecutivi in un finale in volata e infatti arriva la tripla di Belinelli per il +5 (98-103, 00:13). Gli ultimi 13 secondi hanno ben poco da dire, scorrono i titoli di coda su un’ottima stagione per la De’ Longhi, mentre la Virtus passa il turno e vola in finale chiudendo la serie sul 3-0. La partita termina con la vittoria Segafredo 100-105.

MVP BASKETINSIDE

Alessandro Pajola 25 punti, 8/12 dal campo, 7 assist.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here