LBA Supercoppa – Olimpia inizia la stagione in trionfo. Torino battuta e Supercoppa in bacheca

LBA Supercoppa – Olimpia inizia la stagione in trionfo. Torino battuta e Supercoppa in bacheca

L’Armani Exchange supera la Fiat e centra il suo terzo successo consecutivo nella competizione. Decisivi Gudatis e Micov, in Torino Carr guida la rimonta che però sfuma sul finale.

di Fabio Rusconi

Poche sorprese nella finale della LBA Supercoppa italiana. Milano schianta Torino e conquista terza Supercoppa consecutiva della sua storia. Le scarpette rosse, che si sono scatenate a cavallo dell’intervallo, sono parse a loro agio e in controllo della sfida per tutta la sua durata. Onore delle armi alla Fiat, meritevole di non aver mollato, mettendo qualche brivido ai ragazzi di Pianigiani nell’ultimo quarto, toccando anche il -6 a pochi minuti dalla sirena finale.

Partenza dagli alti ritmi ma in sostanziale equilibrio. Nedovic è il primo a muovere la retina ma le squadre viaggiano punto a punto (11-11 al 5′). Match molto godibile, con Torino che risponde colpo su colpo alle sortite offensive milanesi e si lascia guidare da un Carr scatenato: uno splendido assist per Cusin seguito da due triple consecutive costringono Milano al timeout (21-17 al 9′). Milano fatica a trovare soluzioni alla match-up gialloblu, sbagliando qualche tripla di troppo, ma va al primo minibreak sotto di 1 solo punto (21-20). L’Olimpia del secondo quarto alza il ritmo offensivo: parziale di 8-0 e Milano tocca il massimo vantaggio (21-28 al 13′). McAdoo prova a svegliare l’attacco della Fiat imbrigliato dal giro di vite della difesa milanese, siglando 3 punti che chiudono il parziale. Ma Torino fatica a mettere punti a referto, riuscendo però con l’energia a limitare le bocche da fuoco meneghine nella propria metà campo, le quali non riescono a entrare in ritmo dalla lunga distanza (5/19 all’intervallo). Nonostante tutto ciò Gudaitis (fino a quel momento 10 pt, 8 rim di cui 7 offensivi) trascina Milano alla doppia cifra di vantaggio all’intervallo lungo (31-41).

Milano, che nel primo tempo aveva faticato da tre punti, mette le prime tre bombe del secondo tempo e vola al massimo vantaggio al 23′ (37-52). Torino, complice anche la stanchezza, non riesce a trovare la via del canestro, mentre dall’altra parte Milano è spietata: Micov è infallibile, Nedovic e Kuzminskas sempre a posto sugli scarichi e James conduce al meglio la regia di una squadra che pare già in gran forma per la stagione. I ragazzi di Pianigiani giocano sul velluto fino al +19 (38-57 al 24′). Brown si gioca il quintetto piccolo con Taylor, Poeta e Cotton sul parquet: minibreak piemontese che spinge l’Olimpia a fermare il gioco. La Fiat pare più dinamica e termina il terzo periodo sul 51-67. E’ un abbozzo di rimonta che Torino prova a concretizzare nella prima metà dell’ultima frazione: 11-5 gialloblu, con Cotton e Rudd bravi a sfruttare qualche disattenzione milanese, e la Fiat è a -11 con 5′ da giocare. Torino sull’onda dell’entusiasmo arriva fino al -6 (67-73 al 36′) con un parziale di 13-0 chiuso da Gudaitis, il migliore dei suoi assieme a Micov (quest’ultimo premiato MVP della partita). Milano è brava a mantenere la calma, portando in porto la contesa con autorità. 71-82 il risultato finale: la Supercoppa rimane all’ombra della Madonnina.

FIAT AUXILIUM TORINO VS AX ARMANI EXCHANGE MILANO 71-82 (21-13; 31-41; 51-67)

TORINO: Taylor 11, Cotton 11, Rudd 5, Wilson 11, McAdoo 12 (Cusin 4, Carr 15, Poeta 2, Delfino n.e., Anumba n.e., Guiana n.e., Marrone n.e.). All: Brown

MILANO: James 10, Nedovic 14, Micov 17, Brooks 5, Gudaitis 17 (Della Valle 9, Burns 2, Kuzminskas 4, Bertans 0, Cincirini 2, Fontecchio 2, Musumeci n.e.). All: Pianigiani

MVP BASKETINSIDE: Arturas Gudaitis

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy