LBA Supercoppa SF – Troppa Milano per Brescia, l’Olimpia va in finale

LBA Supercoppa SF – Troppa Milano per Brescia, l’Olimpia va in finale

L’Armani Exchange vince senza troppa fatica al Palaleonessa, manda ko la Germani e raggiunge Torino nella finale di Supercoppa.

di Fabio Rusconi

Milano è la seconda finalista della LBA Supercoppa 2018. La squadra di Pianigiani raggiunge la Fiat Torino in finale dominando la Germani Basket Brescia. Esordio amaro per la squadra di coach Diana nel nuovo Palaleonessa, la quale coglie una prestazione insufficiente nella prima ufficiale nel palazzetto frutto del rammodernamento del vecchio PalaEib. Mai realmente in discussione il risultato, con Milano sempre in controllo del ritmo partita: i ragazzi di Pianigiani hanno vacillato solo a fine secondo quarto, quando Brescia si è riavvicinata nel punteggio, salvo poi avere un pesante blackout offensivo nel secondo tempo. L’Olimpia ha messo in campo la sua versione difensiva migliore e non ha commesso sbavature in attacco.

Partenza a ritmi alti, con la Germani che prova a metterci più energia e si lascia ispirare da Vitali, che mette i compagni in condizione di segnare e Brescia va a +5 dopo 3′ di gioco. Risposta Milano con Nedovic e James: l’Olimpia ricuce e sorpassa con un parziale di 7-0 ispirato dall’ex Suns in fase realizzativa. La Leonessa regge in difesa ma non riesce a produrre nulla in attacco, sbagliando molti tiri da tre punti anche aperti e chiudendo il primo quarto a -7 (20-13). Ci pensa il capitano Moss a muovere il tabellino bresciano a inizio secondo parziale, ma Milano continua a far girare splendidamente la palla e tocca il massimo vantaggio al 15′ con una tripla di Nedovic (33-20). Proprio il gioco da tre punti dei ragazzi di Pianigiani è una spina nel fianco della Leonessa, che dal canto suo trova l suo primo tiro dietro l’arco solo qualche istante dopo con Vitali, quando la Leonessa era 0/10, costringendo l’Armani al timeout. E’ la scintilla che fa partire il parziale della rimonta biancoblù: 8-0 di marca Mika-Allen per tornare a un solo possesso di distanza (33-30 al 18′). Ultimi minuti poveri di squilli offensivi, si va al riposo sul 35-30 in favore dell’Olimpia.

Secondo tempo che si apre con Milano che spinge subito sull’acceleratore: parziale di 10-0 in 2′ e nuovo massimo divario tra le due squadre (45-30). Il timeout di Diana ferma l’emorragia, ma Brescia non riesce a mettere punti sul tabellino, complice anche una Milano perfetta in difesa quanto spietata in attacco, trascinata da un Nedovic chirurgico: la voragine si allarga fino al -22 (52-30 al 16′), quando Brescia trova con Hamilton i primi due punti del terzo quarto fermando il parziale.  La Leonessa si sblocca in fase offensiva anche se con azioni spesso confuse, rosicchia qualche punto e termina il terzo periodo a -17 (58-41).  L’ultimo quarto è pura accademia, giocandosi a partita già ampiamente indirizzata in favore delle scarpette rosse. Brescia non perde ulteriore punteggio e sula sirena finale il tabellone recita 81-59.

AX ARMANI EXCHANGE MILANO vs GERMANI BASKET BRESCIA 81-59 (20-13; 35-30; 57-41)

MILANO: James 10, Nedovic 23, Brooks 2, Micov 12, Gudaitis 9 (Della Valle 5, Kuzminskas 7, Cinciarini 3, Burns 3, Bertans 0, Fontecchio 0, Musumeci n.e.). All: Pianigiani

BRESCIA: Vitali 5, Allen 9, Abass 15, Hamilton 14, Mika 7 (Beverly 2, Moss 3, Sacchetti 3, Ceron 0, Laquintana 0, Zerini 1, Caroli n.e.). All: Diana

MVP BASKETINSIDE: Nemanja Nedovic

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy